giornico-senza-aggregazione-avremo-maggiori-difficolta
Ti-Press
Ieri sera si è tenuto il quarto incontro informativo in vista della votazione popolare del 13 febbraio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
13 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
13 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
14 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
14 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
14 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
14 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
14 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
14 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
15 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
15 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
15 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
15 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
15 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
27.10.2021 - 17:14
Aggiornamento : 17:29

Giornico, ‘senza aggregazione avremo maggiori difficoltà’

Bellotti e Poggi sono convinti che valga la pena unire le forze con Bodio, Personico e Pollegio. Nel frattempo passi avanti per l’area di servizio

Una sessantina le persone presenti ieri sera nella palestra delle Scuole medie di Giornico (località che conta circa 900 abitanti) per la quarta serata informativa in vista della votazione consultiva popolare del 13 febbraio, quando i cittadini di Pollegio, Bodio, Personico e appunto Giornico saranno chiamati a esprimersi sull’aggregazione della Bassa Leventina che darebbe vita a un unico comune di 2’900 abitanti chiamato Sassi Grossi. «Vogliamo unire le forze per aumentare la qualità di vita e garantire alle future generazioni un Comune all’altezza della situazione, e mi riferisco all’ottimizzazione dei servizi, al contenimento della spesa, allo sviluppo progettuale, all’impiego razionale ed efficace delle risorse umane, territoriali e finanziarie», ha esordito Rosolino Bellotti, sindaco di Giornico dove lo scorso febbraio il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità il progetto aggregativo, sposando la volontà del Municipio pure favorevole all’unanimità. Già oggi, ha sottolineato il sindaco facendo leva sulla necessità di aggregarsi per avere più forza sia davanti alle autorità cantonali che per la concretizzazione di progetti strategici, si lavora in un clima di collaborazione, in particolare con Giornico e Bodio. Bellotti ha elencato i «dossier più importanti già portati avanti in un’ottica di aggregazione», come l’area di servizio di Giornico che nascerà parallelamente allo svincolo autostradale e al Centro di controllo per veicoli pesanti, il Polo di sviluppo economico riconosciuto dal Cantone per la zona industriale del sedime dell’ex Monteforno di Bodio-Giornico, il Masterplan Leventina e la recente lettera inviata a Berna, all’indirizzo della consigliera federale Simonetta Sommaruga, per ribadire l’opposizione alla scelta di Castione quale nuovo sedime per le nuove Officine Ffs. «Insieme avremo un peso maggiore, se rimaniamo da soli avremo più difficoltà», ha sintetizzato Bellotti. «Il mondo cambia attorno a noi: i centri contano di più e le periferie sono lentamente dimenticate», ha dal canto suo sottolineato il vicesindaco Donatello Poggi, il quale non ha nascosto di essere stato scettico in merito a questa aggregazione: «Lo ero parecchio quando sono arrivato a Giornico a causa del tempo perso dal 2012, e penso in particolare all’opportunità delle Officine. Ma oggi sono convinto, guardando anche alle fusioni nel frattempo andate in porto (l’ultima tappa di Faido, Riviera e Serravalle, ndr) che per incidere dobbiamo unirci. Solo con l’aggregazione saremo protagonisti, e non spettatori, del nostro futuro. Bisogna quindi mettersi in gioco, anche per dare un segnale a chi vorrà venire a vivere in questa regione. Attualmente a Giornico stiamo abbastanza bene, ma di certezze per il futuro non ce ne sono».

Guerra: ‘Potrebbe essere il primo di altri passi’

Per Michele Guerra, municipale di Pollegio, granconsigliere e promotore della petizione del 2012 che diede il via ai lavori della Commissione di studio per la fusione della Bassa Leventina, «l’aggregazione dei nostri quattro Comuni è lo sbocco naturale per rimanere in piedi». Un’aggregazione, ha aggiunto, «che può essere vista come il primo di altri possibili passi, prendendo l’esempio di Mendrisio che nel 2004 si è unito a Salorino, nel 2009 ad Arzo, Capolago, Genestrerio, Rancate e Tremona e nel 2013 a Besazio, Ligornetto e Meride. Dire sì a questa aggregazione significa aprire la porta allo sviluppo, dire no significa stare da soli per almeno altri 10 anni e rimanere sulle spalle degli altri Comuni a livello di perequazione finanziaria, ciò che costerebbe 27 milioni di franchi. E con i tempi che corrono ciò non è assolutamente assicurato. Anzi, si sta già lavorando per ridurre all’osso questa compensazione».

L’ultimo appuntamento informativo è in programma a Giornico (sempre alle 20 nella palestra delle Scuole medie) in occasione della riunione plenaria alla presenza dei municipali e dei sindaci dei quattro Comuni nonché del direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi.

Passi avanti per l’area di servizio

Una novità annunciata in chiusura di serata dal sindaco Bellotti riguarda l’area di servizio autostradale che nascerà sul sedime del Centro di controllo per veicolo pesanti di Giornico in corso di realizzazione da parte dell’Ufficio federale delle strade (Ustra). Dopo quasi due anni di lavoro, nei giorni scorsi è stata infatti consegnata al Dipartimento del territorio la domanda di concessione per la realizzazione e la gestione dell’area di servizio. Gestione che sarà affidata alla società anonima Sassi Grossi creata dai Comuni di Bodio, Giornico e Personico. “Una volontà scaturita dal fatto che questo progetto potrebbe essere un elemento centrale per il rilancio e la riqualifica dell’area industriale della Bassa Leventina”, si legge nell’invito alla serata informativa pubblica in programma per martedì 9 novembre al Centro sportivo Fantin a Giornico (ore 20 con certificato Covid obbligatorio) durante la quale saranno svelati i dettagli. L’area di servizio si chiamerà ‘Green Station Ticino’ e per i tre Comuni si tratta di un “progetto innovativo nel contesto della svolta energetica voluta dalla Confederazione e dal Cantone”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aggregazione donatello poggi giornico rosolino bellotti serata informativa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved