mona-caron-e-la-riconquista-della-natura-degli-spazi-urbani
(foto Mona Caron)
+10
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
11 min

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
23 min

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
34 min

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
38 min

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
57 min

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
59 min

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
1 ora

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
1 ora

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
1 ora

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
Luganese
1 ora

Il summit per l’Ucraina muta anche l’accesso al Lido di Lugano

L’entrata sarà possibile esclusivamente da via Lido essendo l’accesso su via Foce chiuso poiché a ridosso della zona rossa
Mendrisiotto
2 ore

La piazza a lago di Riva San Vitale fa spazio alla festa

In programma una ‘tre giorni’ di musica e specialità gastronomiche organizzata dalla società del Riva Basket
laR
 
26.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 11:37

Mona Caron e la riconquista della natura degli spazi urbani

L’artista ticinese, da 25 anni residente a San Francisco, è tornata a casa per realizzare un grande murale sulla facciata di una palazzina a Bellinzona

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Mona Caron sta dipingendo a parecchi metri di altezza. È molto concentrata sul suo lavoro ma quando ci vede scende subito a terra manovrando il braccio meccanico con grande dimestichezza. Ci spiega quello che, dopo due settimane, sta finendo di dipingere al numero 8 di via Domenico Fontana nel quartiere delle Semine a Bellinzona: un’immensa euforbia sulla facciata di una palazzina di cinque piani amministrata, guarda caso, dall’Immobiliare dei Fiori che ha commissionato l’opera.

‘Ritratti eroici di piantine alle quali si dà poca attenzione’

«L‘euforbia è una pianta che cresce ai bordi dei sentieri un po’ sabbiosi», ci racconta Mona Caron, spiegando qual è la sua specialità: «Ritratti eroici di piantine che si tende a non vedere, alle quali si dà poca attenzione. Non si tratta di fotorealismo o illustrazione botanica. Cerco di dare muscoli, un aspetto ‘powerful’, con prospettive accattivanti, alle erbe selvatiche. Ciò che vuole rappresentare una sorta di riconquista della natura degli spazi urbani». Da alcuni anni Mona Caron si concentra infatti sul progetto chiamato ‘Weeds’ che vuole, attraverso la metafora vegetale, dare forza a tutto ciò che sta i bordi della società ma che resiste con tenacia.

C’è la sua firma un po’ in tutto il mondo

Oltre all’opera conclusa nei giorni scorsi a Bellinzona, sono un esempio di questa ispirazione artistica i numerosi murales realizzati un po’ in tutto il mondo. Il nome dell’artista ticinese è infatti conosciuto a livello internazionale tra gli appassionati di questo tipo di arte.

Cresciuta nel Locarnese, ma da oltre 25 anni trasferitasi negli Stati Uniti, Caron ha realizzato dipinti su edifici della California (dove l’arte dei murales è molto popolare), dell’Asia, dell’America latina (Brasile, Ecuador, Bolivia, Perù) passando per New York, Svezia, Spagna, Francia, Svizzera. Recentemente è stata intervistata dalla Bbc per un immenso murale realizzato a Jersey City – città a ridosso del fiume Hudson di fronte a Manhattan – sulla facciata di un palazzo di 23 piani, alto 75 metri, per un’area di pittura di circa 2’000 metri quadrati. «È il più grande che ho fatto. Supportata da una squadra di specialisti, ci abbiamo messo quattro settimane». Da alcuni mesi ecco che in faccia allo ‘skyline’ di Manhattan si erge una gigantesca eutrochium, genere nordamericano di piante da fiore erbacee della famiglia dei girasoli. Ciò che sposa in pieno l’intenzione di Mona Caron di raffigurare le piante – inizialmente abbozzate dall’artista su un tablet – in luoghi dove hanno una vista dominante sui centri abitati.

Dagli studi letterali all’arte

Si trasferisce a San Francisco dopo aver frequentato la facoltà di letteratura inglese e linguistica all’Università di Zurigo. In California si iscrive all’Academy of Art University, laureandosi come illustratrice. «Ma ho iniziato a fare murales un po’ per caso, pensando che sarebbe stata una breve avventura – racconta l’artista – Ne ho fatto uno, un secondo e poi hanno cominciato a coinvolgermi sempre di più ed è diventata la mia attività principale. Oggi ho un sacco di contatti e sono in giro per il mondo per circa sei mesi all’anno». Da quanto si è trasferita oltreoceano, non è la prima volta che l’artista originaria delle Centovalli torna in Ticino per realizzare murales. Ne ha infatti già dipinti due, uno a Malvaglia e uno a Mendrisio (un dente di leone di dieci metri in una corte nel nucleo storico). «Mi fa sempre piacere tornare in Ticino per trovare la mia famiglia», ammette Caron, la quale mescola la sua passione con i movimenti sociali e ama lavorare in collaborazione con artisti e attivisti. Prossima tappa? «Andro in Brasile, a San Paolo, dove ho in programma di fare un murale sulla facciata di un palazzo di venti piani».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
artista bellinzona mona caron spazi urbani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved