bellinzona-dovrebbe-agevolare-i-dipendenti-con-familiari-malati
Ti-Press
Favorire le persone che si occupano regolarmente di un proprio caro non autosufficiente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Al Centro diurno di Chiasso si fa prevenzione

In programma per venerdì misurazione di pressione e glicemia. L’appuntamento è in via Franscini
Bellinzonese
1 ora

Gite di natura sociale e culturale per i pensionati statali

Le attività rivolte ai 3’300 associati vanno dai viaggi in località particolari, alle visite guidate nei musei, passando anche dal gioco delle bocce
Luganese
1 ora

‘Ti aiuto a fare la modella’, ma è una truffa: condannato

Un 43enne del Luganese si è intascato circa 375’000 franchi creando domini internet che promettevano collaborazioni con grandi marchi della moda
Luganese
1 ora

Capriasca capitale della mountain bike giovanile in agosto

In programma ci sono i Campionati europei. L’evento di livello internazionale è in fase di preparazione
Locarnese
2 ore

Locarno, Comparto ex Macello: sì del Cantone alla variante

Il Dipartimento del territorio, fatte alcune considerazioni, giudica positivamente la visione futura dell’area, che avrà anche carattere sociale
Locarnese
2 ore

Rusca e Campagna, al via un’analisi del tessuto urbano

Pini: “Verso un Programma d’azione comunale, che servirà per definire lo sviluppo della Città e dei suoi quartieri”
Bellinzonese
2 ore

Verso più zone a 30 km/h a Moleno, Gorduno e Pianezzo 

I progetti sono in pubblicazione fino al 18 giugno al Dicastero territorio e mobilità a Sementina
Bellinzonese
3 ore

La Croce Verde Bellinzona si riunisce in assemblea

Appuntamento per martedì 7 giugno alle 18 nella sede di via Rodari 6. Verranno, fra l’altro, esaminati i conti d’esercizio 2021 e il preventivo 2022
Ticino
3 ore

In Ticino nessun morto di Covid da quasi una settimana

L’ultimo decesso segnalato risale a martedi 17 maggio. Calano ancora i pazienti Covid e i contagi
Mendrisiotto
5 ore

I Comuni serrano i ranghi contro la corsia per i Tir sull’A2

Coldrerio convoca i vicini per definire una strategia congiunta. Lurati, Crtm: ‘Adesso serve un’azione di protesta’
Ticino
8 ore

Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi

Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
8 ore

Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca

Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
20.10.2021 - 14:58
Aggiornamento : 16:32

Bellinzona dovrebbe agevolare i dipendenti con familiari malati

Una mozione dell’Unità di sinistra chiede di esplicitare i congedi per i familiari curanti, allineandosi alle disposizioni federali e cantonali

Il Comune di Bellinzona dovrebbe garantire ai propri dipendenti con familiari con problemi di salute, anche molto gravi, “una migliore conciliabilità lavorativa”. Con una mozione, firmata da Danilo Forini e Alessandro Lucchini, l’Unità di sinistra invita il Municipio ad “adeguare le normative comunali alle nuove disposizioni emanate dalla Confederazione e da quanto previsto dal Cantone”. In particolare il testo chiede di “esplicitare il diritto a un congedo di corta durata per assistere un proprio familiare con problemi di salute e il diritto a un congedo supplementare per la malattia dei figli fino all’età di 15 anni”, così come di “esplicitare il diritto a un congedo di assistenza di 14 settimane per curare un figlio minorenne gravemente ammalato in caso di diritto alle prestazioni Ipg”. Concretamente la mozione propone di chiarire tre distinte possibilità di congedo per curare un proprio caro con bisogni di assistenza ammalato, concedendo in primo luogo “un congedo pagato, con certificato medico, per curare un familiare convivente con problemi di salute, fino ad un massimo di 3 giorni per eventi e al massimo 10 giorni all’anno”. In secondo luogo “un congedo per un figlio minore di 15 anni malato, fino ad un massimo di 5 giorni all’anno. Con certificato medico a partire dal 4° evento o per un evento di più di 3 giorni. Questo congedo si somma al primo se del caso”. Terzo: “Un congedo di lunga durata per un figlio gravemente malato nel caso di diritto a prestazione delle Indennità di perdita di guadagno”.

‘Promuovere la conciliabilità lavorativa dei familiari curanti’

L’atto parlamentare prende spunto dal fatto che il 1° gennaio e rispettivamente il 1° luglio scorsi, sono entrate in vigore due modifiche del Codice delle obbligazioni e della Legge federale sul lavoro, volute dal Consiglio federale e dalle due Camere federali “per favorire la conciliabilità lavorativa dei familiari curanti, persone cioè che si occupano regolarmente e intensamente di un proprio caro non autosufficiente, minorenne, adulto o anziano che sia”. In estrema sintesi, attualmente i datori di lavoro privati sono dunque tenuti a concedere un congedo pagato di al massimo tre giorni per evento (massimo dieci giorni all’anno) “per ‘problemi di salute’ (quindi per malattia anche non grave) di qualsiasi membro della famiglia che necessita di essere accudito”. Inoltre, devono anche accordare “un congedo di 14 settimane al massimo (entro un periodo quadro di 18 mesi) a causa di una malattia grave di un figlio” minorenne. In quest’ultimo caso è previsto un rimborso tramite le Indennità di perdita di guadagno (Ipg). Tuttavia, queste modifiche non toccano “direttamente le Amministrazioni pubbliche”. A ciò va poi aggiunto che anche a livello cantonale la Commissione parlamentare della gestione – con alcune criticità – sta apportando le necessarie modifiche alla Legge cantonale sull’ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti (Lord). Forini e Lucchini ritengono dunque auspicabile che “la Città di Bellinzona partecipi anch’essa a promuovere la conciliabilità lavorativa dei familiari curanti e assicuri ai propri dipendenti almeno quanto richiesto a tutti gli altri datori di lavoro privati”. In realtà il Regolamento organico dei dipendenti (Rod) del Comune “accenna” già tuttora alla possibilità di concedere quanto stabilito a livello federale, “ma in maniera carente, parziale e non sufficientemente esplicita”. L’Unità d sinistra ritiene quindi che “la tutela dei familiari curanti alle dipendenze del Comune e soprattutto delle persone malate che necessitano delle cure vada assolutamente esplicitata in maniera più chiara e approfondita”.

Infine Forini e Lucchini ricordano che prossimamente il Cantone promuoverà diverse manifestazioni per sottolineare la Giornata nazionale dei familiari curanti (30 ottobre). “Un’ottima occasione per sensibilizzare anche le Amministrazioni pubbliche ad adeguarsi alle disposizioni federali recentemente inserite nei dispositivi di legge in vigore nell’economia privata”, si legge in una nota.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved