baobab-trasloca-in-via-vela-a-bellinzona
La nuova sede di via Vela
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
4 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
5 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
5 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
5 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
5 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
6 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
Ticino
6 ore

‘Il Conservatorio è una scuola, deve essere accessibile a tutti’

Una mozione chiede di modificare la qualifica di due parti dell’istituto che attualmente sottostanno all’obbligo del certificato 2G
Mendrisiotto
6 ore

Vacallo ha perso 19 abitanti in un anno

Lieve calo della popolazione che ora è di 3’343 cittadini. Fanno ben sperare le 20 nascite registrate.
Luganese
6 ore

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto
Locarnese
6 ore

I semafori intelligenti sull’A2-A13 piacciono a Tcs e Acs

L’Ustra propone un impianto di autoregolazione del traffico per risolvere il grave problema sul Piano di Magadino, in attesa del nuovo collegamento
Luganese
6 ore

Lugano, per la mobilità scolastica ‘servono interventi mirati’

È quanto emerge da uno studio pubblicato sul sito della Città. Coinvolti 52 edifici scolastici e 5’813 allievi.
 
21.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 08:55

Baobab trasloca in via Vela a Bellinzona

A inizio novembre la Cooperativa lascerà via Ghiringhelli a causa di disagi provocati da cantieri. Nella nuova sede necessario rivedere l’offerta

La Cooperativa Baobab sta per mettere nuove radici. A inizio novembre il centro traslocherà da via Ghiringhelli a via Vela 3, nella villa Nodari di proprietà di un privato, in spazi precedentemente occupati dagli uffici amministrativi dell’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb) di Bellinzona trasferitisi ora nella nuova sede di via Chiesa. Dopo tre anni, i membri della Cooperativa avevano deciso di lasciare la villa di via Ghiringhelli 21 A a causa di disagi provocati da alcuni cantieri adiacenti.

Quanto all’offerta di Baobab, in novembre le attività si fermeranno una settimana per consentire il trasloco e poi riprenderanno come di consueto, o quasi. Sì perché alcune proposte non ci saranno più, in particolare i pranzi comunitari, dato che nella nuova ubicazione non è più presente una sala abbastanza grande e nemmeno un giardino; questi momenti d’incontro potrebbero però essere sostituiti da attività mirate, come atelier di cucina con piccoli gruppi. Anche altre attività verranno ridimensionate, spiega Elena Conelli, coordinatrice della Cooperativa «questo per rispettare il fatto che veniamo a inserirci in un contesto residenziale e vogliamo avere un occhio di riguardo verso le persone che abitano attorno a noi e anche perché la casa non può accogliere gli stessi numeri di prima».

Attività ridimensionate

Nella nuova sede, proprio per come sono organizzati gli spazi non è infatti più possibile organizzare attività comunitarie con molte persone come si faceva in via Ghiringhelli. Una possibilità, rileva Conelli, potrebbe essere quella di trovare qualcuno nelle vicinanze intenzionato a mettere a disposizione degli spazi per poter dare continuità anche a questo tipo di attività, come i brunch, da sempre molto apprezzati. «Ci piacerebbe far vivere il quartiere in occasione di alcuni momenti puntuali», afferma. Al pianterreno di villa Nodari troveranno spazio le attività di socializzazione e integrazione, mentre al primo piano ci sarà il centro di psicoterapia e nel piano mansardato gli uffici del Social Truck, il progetto giovanile itinerante che fa parte della Cooperativa. Oltre a questi uffici ci sarà anche uno spazio per corsi di italiano e attività di gruppo.

Nuova proposta: preasilo per bimbi migranti e non

«Nella nuova sede ci piacerebbe consolidare ciò che c’è già, anche se l’offerta sarà ridimensionata. Il cambio di casa ci permette inoltre di rivedere i progetti e può essere lo stimolo per crearne di nuovi, magari anche più legati alla vita cittadina», commenta la nostra interlocutrice. La nuova ‘location’ è più vicina alla biblioteca interculturale della Cooperativa, Bibliobaobab, che si trova in via Magoria 10, «questo ci permetterà di organizzare con maggiore facilità delle collaborazioni ma anche dei momenti di incontro con l’utenza». Un nuovo progetto che vedrà la luce proprio nella nuova sede, probabilmente a partire da gennaio, è un preasilo mirato all’integrazione, quindi con bambini migranti e locali. Verranno accolti al massimo 5-6 bambini per mantenere la dimensione famigliare. In questi sei anni di esistenza Baobab è cresciuta molto. Se all’inizio, nel piccolo appartamento di via Cancelliere Molo, la Cooperativa proponeva unicamente socializzazione, psicoterapia e corsi di italiano, ora le attività si sono moltiplicate e il target è più ampio. Baobab si è fatta conoscere dai bellinzonesi e molte famiglie, non solo migranti, frequentano regolarmente la Cooperativa.

La via verso la nuova casa ha comunque conosciuto qualche ostacolo, per poter ospitare Baobab è stato necessario effettuare un cambio di destinazione degli spazi, prima adibiti a uffici e ora ad attività di socializzazione e psicoterapia. «Siamo contenti che la trafila burocratica per entrare nella nuova sede sia andata a buon fine, anche se ha richiesto qualche mese di incertezza per il cambio di destinazione della casa poiché situata in zona residenziale», spiega Conelli. «Sapremo farci apprezzare anche nel nuovo quartiere tessendo nuove collaborazioni e frequentazioni dei cittadini bellinzonesi», conclude Elena Conelli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved