ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
3 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
3 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
4 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
4 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
4 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
4 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
5 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
5 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
5 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
5 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
6 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
6 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
laR
 
19.10.2021 - 08:45
Aggiornamento: 10:11

Bellinzona, ‘è giunta l’ora di aprire i negozi la domenica’

Il comandante della Polcom Ivano Beltraminelli è intervenuto all’assemblea dei commercianti innescando un interessante dibattito

bellinzona-e-giunta-l-ora-di-aprire-i-negozi-la-domenica
Il comandante della Polcom Ivano Beltraminelli (Ti-Press)

Un tema ricorrente a Bellinzona: l’apertura domenicale di negozi, bar e ristoranti. Anzi, la perdurante non apertura domenicale, al contrario di quanto già fatto da altre località ticinesi. Tema che il presidente del giorno dell’assemblea della Società commercianti cittadina ha evocato ieri sera al termine della relazione presidenziale di Claudia Pagliari, suscitando un interessante scambio di opinioni fra la quarantina di soci presenti all’hotel Unione. «La nostra città – ha punzecchiato Ivano Beltraminelli, peraltro comandante della Polizia comunale, notando che dalla sala faticava ad arrivare qualche suggestione a commento di quello appena letto dalla presidente – rientra da tempo nella categoria delle città turistiche, perciò i negozi di piccole e medie dimensioni possono per legge beneficiare delle aperture domenicali. Ma ne vedo aperti pochissimi, ed è un vero peccato. Di fronte a un’interessante opportunità data dal legislatore ci si aspetterebbe che il settore del commercio al dettaglio marcasse presenza. E invece...».

Una situazione che i turisti d’Oltralpe, numerosi come non mai durante l’ultimo anno, avranno certamente notato. Situazione sotto gli occhi di tutti, come domenica scorsa, in occasione del mercato dei formaggi: «Bellinzona tracimava di gente, un vero peccato non avere aperto», ha riconosciuto la presidente. Le ha fatto eco Paola Peverelli dell’omonima pasticceria e tea room in piazza Collegiata: «Da qualche tempo abbiamo deciso di tenere aperto anche il pomeriggio. E funziona. D’altronde dove c’è gente arriva gente». Come non darle torto. Ci ha pensato la titolare di un negozio osservando che Bellinzona nelle domeniche prive di eventi non potrà mai competere con le altre località turistiche: «Se non potrà contare sulle aperture domenicali anche di Migros, Coop o Manor, per citare le tre catene presenti in centro, da soli non saremo mai attrattivi». Qualcuno le ha fatto eco accennando alla necessità di rendere gratuiti i posteggi. Mentre Claudia Pagliari ha ricordato che la legge consente l’apertura domenicale unicamente di superfici commerciali sotto i 200 metri quadrati. Così facendo – ha rimarcato il comandante della Polcom – il legislatore ha voluto sostenere il piccolo commercio, non i grandi magazzini. Certo che se non si prova, non si avrà mai una risposta certa». Già, ma chi sarebbero gli acquirenti? «Non certo i bellinzonesi – ha detto un negoziante – ma semmai i turisti. Pena, un’inutile perdita di tempo. Di sicuro, una carta da giocare per attirare l’attenzione è quella di proporre animazione ed eventi che attirino potenziali clienti».

Il problema delle piazzette laterali dimenticate

E qui si è aperto un sottocapitolo che tocca soprattutto le piazzette minori e laterali, come piazza Buffi, nelle quali la gente fatica a entrare essendo discoste e i commercianti ambulanti, di conseguenza, si rifiutano di posare le loro bancarelle in assenza di pubblico. Il classico cane che si morde la coda, visto che a farne le spese sono alla fine anche i titolari di negozi e bar. «Ma chi dovrebbe organizzare degli eventi per renderle più attrattive?», ha rincarato la dose Ivano Beltraminelli: «Le autorità o i commercianti?». Ovviamente dalla sala non è tardata la risposta, che indica la condivisione degli onori ma anche degli oneri e la necessità di coordinarsi. La stessa autorità cittadina – ha ricordato il municipale Fabio Käppeli, capodicastero Finanze, economia e sport – riconosce l’importanza di dimostrare con i fatti la propria vicinanza al commercio al dettaglio che specialmente durante la pandemia ha vissuto un lungo periodo nero: «Entro fine anno conto di portare avanti le riflessioni a suo tempo avviate per sostenere il suo ruolo fondamentale». Rispondendo poi a una sollecitazione, Käppeli ha annunciato imminenti migliorie nell’illuminazione pubblica del centro storico, a partire da via Dogana e piazza Indipendenza. Quanto alle dinamiche presenti fra i circa duecento soci, la presidente nel suo discorso ha insistito sulla necessità di rendere più accogliente Bellinzona «per fidelizzare il turismo». Si è iniziato a farlo coinvolgendo l’Organizzazione turistica regionale nel proporre visite guidate che sfociano in graditi aperitivi e collaborazioni fra boutiques. Queste ultime, non disponendo magari di un articolo, suggeriscono all’acquirente di rivolgersi ad altri negozi. E sono in arrivo anche le vetrine con articoli in prestito: espongo quanto altri vendono. «Il nostro motto – ha sottolineato Claudia Pagliari – è ‘Un negozio aiuta l’altro’». La domenica si vedrà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved