gudo-e-castione-presto-piu-sicurezza-e-nuova-ciclopista
Il terreno dove sorgerà l’accesso a chiocciola (Regione)
+4
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
10 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
13 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
23 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
1 gior

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
1 gior

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
1 gior

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
1 gior

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
laR
 
16.10.2021 - 05:15

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La mobilità dolce nel Bellinzonese sarà arricchita l’anno prossimo di due importanti tasselli volti a incrementare da una parte la sicurezza di transito per ciclisti, pedoni e pattinatori sul ponte di Gudo e dall’altra l’offerta di un nuovo collegamento ciclopedonale fra il nodo intermodale di Castione e l’ecocentro di Lumino dove si allaccerà alla ciclopista intercomunale di prossima realizzazione nella Bassa Mesolcina sfruttando l’ex tracciato della Ferrovia retica. Nel primo caso l’attuale situazione all’Isolone di Gudo, dove passa il frequentatissimo percorso ciclabile C31 d’interesse regionale del Piano di Magadino, è insidiosa per chi s’immette sul ponte dello Stradonino: la rampa d’innesto per chi proviene da Locarno è ripida e sfocia direttamente sulla carreggiata dei veicoli con limite a 50 km/h. L’isola spartitraffico centrale dovrebbe indurre i conducenti a moderare la velocità, ma non sempre l’effetto voluto viene ottenuto. Anche chi giunge in sella da Bellinzona ha un innesto poco felice sul ponte. Un’altra difficoltà è dettata dal fatto che durante le ore di punta e specialmente in estate, quando la viabilità sullo Stradonino è fortemente rallentata o bloccata, i veicoli incolonnati occupano entrambe le corsie ciclabili tratteggiate presenti sul ponte sopra il fiume Ticino rendendo difficoltoso il passaggio delle biciclette e il loro accesso attraverso i due raccordi.

Perciò nell’ambito del Programma di agglomerato del Bellinzona di terza generazione la Commissione regionale dei trasporti (Crtb) in accordo con le autorità cantonali ha ottenuto la messa in sicurezza di questo punto nevralgico. Il credito di spesa pari a 1,6 milioni – sussidiato dalla Confederazione in misura del 40% (455mila franchi), dal Cantone con 745mila franchi e dai Comuni del comprensorio Crtb con 400mila franchi – era stato votato dal Gran Consiglio nel marzo 2019.

Si passerà sotto, come a Magadino

Il progetto è stato nel frattempo sviluppato dal Dipartimento del territorio incaricando lo studio d’ingegneria Masotti di Bellinzona, uno dei massimi esperti in materia. La pubblicazione dei piani avverrà fra il 18 ottobre e il 15 novembre. Nel dettaglio, è prevista una soluzione simile a quella già attuata a Magadino dove alcuni anni fa era stato realizzato un tratto ciclopedonale a chiocciola che dalla ciclopista del ponte passa sotto di esso per poi sbucare sul lato opposto in tutta sicurezza per poi riallacciarsi alla cantonale. Anche all’Isolone di Gudo chi arriverà dalla ciclopista lato Locarno transiterà sotto il ponte: a ridosso della spalla, dove adesso c’è una stradina agricola, verrà realizzata una nuova pista con fondo in calcestruzzo identico al tratto precedente; pista che sbucherà sul lato opposto e con una curva a chiocciola in leggera pendenza raggiungerà il ponte dove l’attuale marciapiede lato Bellinzona sarà sostituito da una doppia corsia ciclo-pedonale larga tre metri e leggermente rialzata rispetto alla carreggiata riservata al traffico motorizzato. Carreggiata che verrà leggermente ristretta consentendo comunque l’incrocio fra i veicoli; sarà inoltre eliminato il marciapiede lato Locarno. Mentre all’incrocio fra lo Stradonino e via alle Golene, per meglio identificare la presenza della pista ciclabile sarà realizzato un tratto con pavimentazione colorata. La rampa lato Locarno non sarà comunque smantellata e servirà per l’accesso dei veicoli agricoli e di chi posteggia per andare a passeggio, come pure per i ciclisti che provenendo dalla cantonale Bellinzona-Locarno vorranno immettersi nella ciclopista diretti verso il Verbano.

Il percorso intercantonale

Le modifiche e migliorie dovrebbero venire realizzate in concomitanza col risanamento generale del ponte, la cui larghezza rimarrà invariata. «In futuro dunque la viabilità dolce non incrocerà più quella motorizzata, per la gioia delle migliaia di utenti, fra turisti e pendolari, che settimanalmente percorrono quel tratto di Piano di Magadino per svago o per recarsi al lavoro e a scuola», evidenzia il vicesindaco di Bellinzona Simone Gianini, presidente della Crtb. Di prossima pubblicazione è anche il progetto per il collegamento ciclabile Castione-Lumino di 3,3 chilometri lungo il tracciato dell’ex Ferrovia mesolcinese. Il percorso, nell’ambito di un’iniziativa intercantonale Ticino-Grigioni, allaccerà in modo diretto i vari abitati. Il 26 settembre a larghissima maggioranza la popolazione moesana di San Vittore, Roveredo e Grono ha avallato nell’urna i finanziamenti comunali ai tratti di loro competenza (con un investimento supportato dal Cantone nell’ordine del 75%); mentre l’avallo ticinese era già giunto lo scorso febbraio col voto parlamentare favorevole al credito di 4,8 milioni, di cui 1,56 a carico della Confederazione, 2,1 del Cantone e 1,14 dei Comuni della Crtb. La pista larga tre metri sarà affiancata da un’alberatura non troppo fitta. Data l’esigua utenza prevista nelle ore notturne, in alcuni tratti saranno posati lampioni a Led che si accenderanno tramite sensore al passaggio degli utenti.

Più bike-sharing in arrivo

«Questi due nuovi tasselli – commenta Gianini – vanno ad aggiungersi a una lunga serie d’interventi già realizzati nel comprensorio, altri seguiranno, che hanno notevolmente migliorato sia l’offerta infrastrutturale per la mobilità dolce, sia la continuità fra i vari tratti di ciclopiste, corsie ciclabili e strade di quartiere. Continuità oggi presente fra Camorino e Arbedo-Castione e dall’anno prossimo, con la ciclopista specificatamente dedicata, fino a Grono». A beneficiarne «non è solo la mobilità dolce turistica, ma anche quella di tipo utilitario» favorita peraltro dall’importante diffusione delle e-bike e del bike-sharing. Per quest’ultimo, anticipa Gianini, prossimamente il Municipio pubblicherà il messaggio che proporrà l’estensione della rete di noleggio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona castione chiocciola ciclopista gudo isolone simone gianini stradonino
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved