ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
6 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
7 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
7 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
8 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
8 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
9 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
9 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
9 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
Luganese
10 ore

Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’

Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
10 ore

Incidente sulla A2, code in direzione sud

Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Mendrisiotto
11 ore

A LaFilanda di Mendrisio un dialogo tira l’altro

Il centro culturale ospita ‘Point of View’, opera di public art itinerante della creativa Patrizia Pfenninger
Bellinzonese
11 ore

50 candeline per la Cassa conducenti Ptt regia di Bellinzona

All’Hotel Unione i soci hanno celebrato il traguardo raggiunto dall’associazione che dal 1973 funge da punto di riferimento per i momenti conviviali
Luganese
11 ore

Inserimento professionale, Lugano tira le somme

Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
Bellinzonese
11 ore

Professioni tecniche: incontro informativo per ragazze

Lo organizza a Bellinzona il Soroptimist club Moesano. Iscrizioni aperte, ancora pochi posti a disposizione
Locarnese
11 ore

L’Astrovia Locarno-Tegna è sempre abbandonata a sé stessa

Lo afferma, chiedendo lumi, un’interrogazione interpartitica inoltrata all’Esecutivo locarnese dal consigliere comunale dei Verdi Marko Antunovic
Bellinzonese
11 ore

Nuova scuola in zona Gerretta: quale futuro per le associazioni?

Rosalia Sansossio-Cippà chiede al Municipio di Bellinzona cosa ne sarà delle società che hanno sede negli ex magazzini dello Stato che saranno demoliti
Minusio
11 ore

Posti per tedesco col Progetto Villa San Quirico

Il laboratorio ludico è riservato ai ragazzi dalla quarta elementare alla prima media e si tiene di mercoledì sino a fine maggio
Luganese
12 ore

Campione d’Italia, il processo è tutto da rifare

Il collegio giudicante accoglie un vizio di forma e rimanda gli atti al giudice delle udienze preliminari. La procedura slitta all’autunno
Luganese
12 ore

Disagi al traffico per la partita Lugano-Grasshoppers

Sabato 28 gennaio i tifosi zurighesi raggiungeranno lo stadio di Cornaredo in corteo dalla stazione
Locarnese
12 ore

Le vacanze scolastiche con le Famiglie Diurne Sopraceneri

Sono aperte le iscrizioni nei centri extrascolastici Arca a Locarno e Aquilone a Monte Carasso per Carnevale, Pasqua e il ponte del 19 maggio
Luganese
13 ore

Agenti di quartiere sempre più presenti a Lugano

Bilancio positivo per la prima parte dell’iniziativa. Nuove occasioni d’incontro con la popolazione tra il 6 e il 10 febbraio
Bellinzonese
13 ore

Tra i due svincoli di Bellinzona riprende il risanamento dell’A2

A fine gennaio il cantiere entrerà nel vivo con la posa dei nuovi ripari fonici e il rifacimento della pavimentazione su una lunghezza di 6,2 chilometri
Bellinzonese
14 ore

Eleggibilità e voto per stranieri e 16enni: Bellinzona che dice?

Il gruppo Verdi/Mps/Fa sollecita il Municipio viste le due iniziative parlamentari pendenti e la consultazione cantonale avviata nei Comuni
Bellinzonese
15 ore

Quale futuro per la Leventina? Conferenza a Piotta

Durante la serata gli ospiti discuteranno dei rapporti tra centri urbani e valli
08.10.2021 - 13:09
Aggiornamento: 18:25

Lombardi: ‘Chi ha rubato le maglie le ha restituite’

Con una seconda lettera ai tifosi il presidente dell’Hcap precisa alcuni aspetti e svela alcuni dettagli in merito ai furti alla Gottardo Arena

lombardi-chi-ha-rubato-le-maglie-le-ha-restituite
Filippo Lombardi (Ti-Press)

Con una seconda lettera ai tifosi, nella quale inizialmente porge le sue scuse per l’emotività con cui ha scritto la prima, il presidente dell’Hockey club Ambrì Piotta, Filippo Lombardi, svela alcuni dettagli in merito ai furti e ai danneggiamenti avvenuti alla Gottardo Arena. “La cosa che ci ha fatto più male è stato il furto di cinque maglie dal nostro spogliatoio. Per intenderci: non si tratta di maglie stampate come le repliche che si comperano allo shop, ma delle maglie originali, uniche e personali di cinque giocatori. Con che spirito – si legge ancora nella lettera bis del presidente – avrebbero giocato le prossime partite indossando una replica? E con che spirito avrebbe giocato l’intera squadra, dopo che il suo ‘santuario’ era stato profanato dai suoi stessi tifosi?”. Lombardi si dice tuttavia sollevato dal fatto che “chi aveva rubato queste maglie le ha ora riconsegnate spontaneamente, senza costringerci ad una lunga ricerca di polizia basata sulle immagini della videosorveglianza”. Caso rientrato, dunque, ma il club biancoblù lancia comunque un appello: “Non è perché una porta è stata lasciata aperta (o non è ancora dotata di serratura) che ci si può servire come si vuole. Vale per lo spogliatoio, i magazzini, i bar, i ristoranti, gli spacci, le lounge!”.

Soluzioni entro il derby del 15 ottobre

Nella prima lettera Lombardi spiegava che i furti e i danneggiamenti (ad esempio porte divelte e non solo nel settore ospiti) hanno indotto la società ad adeguare il regolamento, imponendo restrizioni rispetto alle prime partite. Il presidente parlava di “una sorta di gioiosa anarchia da ‘porte aperte permanenti’”, con la situazione che “è degradata”, in particolare durante il primo derby stagionale. Negli scorsi giorni la società ha quindi deciso di applicare alcune restrizioni rispetto alle prime partite. In particolare dalla prossima sfida non sarà più possibile recarsi al secondo piano, dove ci sono due bar con musica, alla fine della partita, a meno di non essere in possesso di un diritto di accesso. Per comunque permettere ai tifosi della tribuna e al pubblico degli spalti di festeggiare o incontrarsi dopo la sirena finale, la società si impegnerà a mettere a disposizione progressivamente nuovi punti di ristoro (‘food & beverage’) all’esterno dello stadio, oltre al ristorante 1937 (1° piano) e all’Osteria Valascia (pianterreno) che dalla prossima partita sarà in funzione al 100%.

‘Organizzazione che deve ancora crescere’

Il club ha inoltre indicato che gli orari di chiusura dei bar e ristoranti della Gottardo Arena – la Galleria (2° piano), l’Osteria Valascia e gli spacci esterni – chiuderanno all’una, il ristorante 1937 e il Fondue Lounge a mezzanotte, gli spacci tribuna e curva 30 minuti dopo la fine della partita, mentre lo spaccio ospiti alla fine della partita. “L’arena non è (purtroppo) adatta a svolgere il ruolo di un capannone da carnevale, e il nostro personale deve lavorarci tutto l’anno, non solo per una settimana di allegra follia – spiega Lombardi nella seconda lettera –. Siamo però impegnati a offrire entro il derby del 15 ottobre le prime offerte alternative, anche perché la risposta del pubblico è stata formidabile ed è andata al di là delle nostre aspettative, mandando in tilt un’organizzazione che deve ancora crescere”.

‘Godiamoci quanto siamo riusciti a costruire’

“Cerchiamo tutti di guardare avanti, goderci quanto siamo riusciti a costruire, mantenerlo a lungo nel tempo e tramandarlo in buono stato alle prossime generazioni – aggiunge Lombardi nella sua seconda lettera –. Nelle prossime settimane, man mano che la situazione critica si stabilizzerà, potremo probabilmente allentare qualche misura e prevedere deroghe ragionate al regolamento. Come detto, nuove offerte arriveranno entro il derby, e saranno completate in seguito”.

La lettera del presidente

Di seguito il testo completo della seconda lettera di Lombardi:

“La mia lettera aperta ai tifosi di mercoledì ha suscitato reazioni contrastanti, in parte comprensibilmente negative. Lo avevo messo in conto: parecchi amano fare i selfie col presidente, pochi accettano che assuma anche il compito ingrato di ricordare i limiti di educazione e rispetto da mantenere, sia verso la nuova Arena, sia verso gli altri spettatori, sia verso il personale che deve poter servire e pulire entro limiti di orario e di decenza accettabili.

È vero che l’ho scritto con la stessa emotività che mi è servita a motivare per anni tutti quelli che ci hanno permesso di raggiungere l’obiettivo, e quindi mi scuso se stavolta ho scocciato qualcuno. Ciò detto, se posso tentare di stabilire un dialogo a distanza coi nostri tifosi, vorrei precisare alcune cose:

1. Purtroppo la Gottardo Arena è più compatta di quanto l’avevamo immaginata all’inizio con Mario Botta. Da 87 milioni (primo preventivo che mi fece inorridire e che avrebbe poi di sicuro superato i 95) è scesa a 42 milioni effettivi (cui si sommano i rifugi di protezione civile sussidiati a parte, il terreno, il mutuo comunale speso per mantenere in vita fin qui la vecchia Valascia, la cifra necessaria per demolirla, l’Iva non recuperabile sui sussidi) per arrivare alla cinquantina di milioni finale che oggi conosciamo e che cerchiamo di rispettare in fase di liquidazione del cantiere.

2. Per arrivarci si è dovuto sacrificare un terzo del volume previsto all’origine, inclusi purtroppo gli spazi che ci avrebbero permesso di creare una piazza coperta e un nuovo “Güs” popolare, volumi che non possiamo adesso aggiungere per gli stessi limiti finanziari. L’arena non è (purtroppo) adatta a svolgere il ruolo di un capannone da carnevale, e il nostro personale deve lavorarci tutto l’anno, non solo per una settimana di allegra follia. Siamo però impegnati a offrire entro il derby del 15 ottobre le prime offerte alternative, anche perché la risposta del pubblico è stata formidabile ed è andata al di là delle nostre aspettative, mandando in tilt un’organizzazione che deve ancora crescere.

3. A scanso di equivoci: che nessuno pensi ad azioni di rivalsa in occasione del derby di domani a Lugano. Ciascuno deve gestire i suoi problemi, ma l’invito al rispetto reciproco delle persone e delle strutture è la nostra prima priorità. Lo sport è competizione leale e forte passione, ma non è mai guerra o guerriglia!

4. A parte la delusione per certi furtarelli e piccoli danneggiamenti in casa nostra (cui stiamo rimediando, sperando che non si riproducano) la cosa che ci ha fatto particolarmente male è stato il furto di cinque maglie dal nostro spogliatoio. Per intenderci: non si tratta di maglie stampate come le repliche che si comperano allo shop, ma delle maglie originali, uniche e personali di cinque giocatori. Con che spirito avrebbero giocato le prossime partite indossando una replica? E con che spirito avrebbe giocato l’intera squadra, dopo che il suo “santuario” era stato profanato dai suoi stessi tifosi?

5. Almeno qui posso però dare una prima buona notizia: chi aveva rubato queste maglie le ha ora riconsegnate spontaneamente, senza costringerci ad una lunga ricerca di polizia basata sulle immagini della videosorveglianza. Siamo sollevati che la cosa sia rientrata e ci mettiamo una pietra sopra, ma rinnoviamo a tutti un chiaro appello: non è perché una porta è stata lasciata aperta (o non è ancora dotata di serratura) che ci si può servire come si vuole. Vale per lo spogliatoio, i magazzini, i bar, i ristoranti, gli spacci, le lounges!

6. Non vogliamo assolutamente separare il pubblico in classi: per il Club ogni tifoso è fondamentale e gode di pari dignità. Mi pare di avere molto spesso ringraziato la nostra curva, e soprattutto di aver voluto che la Gottardo Arena sia tutt’ora lo stadio con la più alta percentuale di posti spalti in Svizzera. Non dimentichiamo però mai che i cosiddetti “Vip” e tutti coloro che pagano tariffe molto più care degli spalti sono necessari per permetterci di finanziare lo stadio e una squadra che ci dia soddisfazioni, come ha ricominciato a darcene. È dunque indispensabile equilibrare le diverse componenti di pubblico, e garantire a ciascuno l’ambiente giusto per godersi a modo suo la partita e se del caso il prima e il dopo.

7. Un errore di interpretazione del testo del regolamento ha fatto credere a molti che l’Osteria Valascia sia riservata agli abbonati tribuna dopo la partita. Così non è: si tratta di un normale esercizio pubblico aperto a tutti, prima e dopo le partite, più in là sarà comunque aperto tutti i giorni. Ed è sicuramente il luogo adatto per bersi un’ultima birra prima di lasciare lo stadio.

8. Il nostro sforzo per costruire questo stadio è stato dettato dalla volontà di dare al magnifico popolo bianco blu una casa degna della sua grande passione. Abbiamo voluto che anche il nostro pubblico (tutto in nostro pubblico) potesse avere qualcosa di bello! Per questo ci dispiace se la nuova casa viene bistrattata anche solo da alcuni di coloro ai quali l’abbiamo dedicata, e ce la prendiamo se chi lavora duro per servire il nostro pubblico non viene rispettato.

Fine della predica, ragazzi! In poche ma sentite parole: cerchiamo tutti di guardare avanti, goderci quanto siamo riusciti a costruire, mantenerlo a lungo nel tempo e tramandarlo in buono stato alle prossime generazioni. Nelle prossime settimane, man mano che la situazione critica si stabilizzerà, potremo probabilmente allentare qualche misura e prevedere deroghe ragionate al regolamento. Come detto, nuove offerte arriveranno entro il derby, e saranno completate in seguito.

Grazie a tutti una volta ancora per la comprensione, per la pazienza e per l’aiuto. Noi per voi ci siamo, è bello sapere che anche voi ci siete!”.

Leggi anche:

Furti alla pista di Ambrì, accesso limitato verso il 2° piano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved