lombardi-chi-ha-rubato-le-maglie-le-ha-restituite
Filippo Lombardi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 sec

Riazzino, mercatino natalizio e San Nicolao per i bimbi

Domani, mercoledì 1 dicembre, la festa dedicata al santo. Aperte le iscrizioni per il mercato nei sabati 11 e 18 dicembre
Locarnese
7 min

Calicantus in concerto a Locarno

Nella chiesa di Sant’Eugenio verrà eseguito anche il brano ‘Somebody to love’ (l’anteprima è su YouTube)
Bellinzonese
21 min

Nuove Officine Ffs, scocca l’ora del Piano industriale

L’atteso documento sarà presentato il 7 dicembre: indicherà l’aggiornamento dell’investimento, il numero di dipendenti, le mansioni e i convogli trattati
Ticino
28 min

Materiali inerti, i siti di Sigirino e Monteggio da potenziare

Il Consiglio di Stato ha posto in consultazione le proposte di modifica di alcune schede del Piano direttore cantonale
Bellinzonese
29 min

Chiusura invernale strada Valle Malvaglia e Valle Pontirone

A partire da oggi e per il periodo invernale
Grigioni
30 min

56 panchine gialle per chiederci come stiamo

In collaborazione con 31 Comuni, è un’iniziativa dell’Ufficio dell’igiene pubblica dei Grigioni nel quadro di un progetto sulla salute mentale
Locarnese
41 min

Mozione Mps: ‘Parificare i contratti per il Monte Verità’

La richiesta al governo per i dipendenti della Fondazione, presieduta dal direttore del Decs
Luganese
53 min

Sportelli chiusi al pubblico a Massagno per il Covid-19

Si potrà accedere ai servizi del Comune su appuntamento o online. Questione di ‘prevenzione’
Locarnese
55 min

Locarnese e Valli, il Salva acquisterà una nuova ambulanza

L’assemblea ha approvato il credito per l’acquisto di una nuova ambulanza, nonché ha approvato all’unanimità il preventivo 2022
Luganese
1 ora

Tesserete ancora senza ‘Or Penagin’

Municipio e Associazione Carnevale rinunciano a causa dei timori legati all’andamento della pandemia. Questione in sospeso a Bellinzona
Locarnese
1 ora

‘Azioni Kursaal, si proceda’. Ma occhio alla questione Casinò

Rischi minori dei benefici: la Gestione di Locarno favorevole all’acquisto delle quote dell’Otlmv da parte della Città, per diventare maggiore azionista
Grigioni
1 ora

Ricordando il poeta di Mesocco Remo Fasani

Tra un anno la Pgi organizzerà una giornata di studio all’Università di Zurigo. Per partecipare sarà necessario l’invio e l’approvazione di un contributo
Mendrisiotto
2 ore

Corsie autostradali, anche Plr e Ps fanno muro contro l’Ustra

Dopo il Ppd altre forze politiche del Distretto si sollevano per dire ‘no’ all’area di sosta riservata ai Tir
Bellinzonese
2 ore

Una mostra per i cinquant’anni di Comunità familiare

L’esposizione è allestita nella sede di Bellinzona di Antenna Icaro ed è costituita da un ciclo di 12 opere
Ticino
3 ore

Salario minimo, prevale quello del Contratto normale di lavoro

Apparecchiature elettriche, il Tf respinge il ricorso di due ditte. Fanno stato gli importi previsti dal Cnl, in linea con quelli della legge
Bellinzonese
4 ore

Lavagne che cadono a Sementina: ‘Ora tutte ricontrollate’

L’episodio del 21 ottobre si è verificato nonostante la manutenzione estiva fatta dopo il primo caso primaverile. Per il Municipio un fatto inspiegabile
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, ‘le ferie natalizie saranno sul ghiaccio’

Entro sera il danno all’impianto di CO2, trovato da una ditta specializzata, verrà riparato. La riapertura della struttura è prevista prima di Natale
Bellinzonese
4 ore

Aiuti alle associazioni, Bellinzona dovrà regolamentare

Accolta un po’ a sorpresa dal Cc la mozione Deraita-Calanca, contro il parere del Municipio e della Commissione legislazione
Ticino
5 ore

Studi medici e farmacie a disposizione per la dose di richiamo

Il Cantone potenzia il dispositivo per la somministrazione della dose di richiamo agli over 65 e si prepara per l’apertura a tutta la popolazione
Bellinzonese
5 ore

Patriziato di Carasso, via libera al preventivo 2022

L’assemblea ordinaria ha approvato i conti che prevedono un avanzo di esercizio di 271mila franchi
Bellinzonese
5 ore

Due serate sulla musica sul grande schermo

Organizza Abcd video Bellinzona. Due appuntamenti previsti il 2 e il 9 dicembre al Centro civico di Gorduno
Bellinzonese
5 ore

Pranzo Atte a Faido

L’appuntamento è venerdì 10 dicembre alle 12
Mendrisiotto
6 ore

In vista del Natale a Mendrisio si avrà il posteggio gratuito

La concessione è valida per i due autosili nel centro del Borgo. L’intento? Favorire la clientela dei commerci locali
Mendrisiotto
6 ore

Morbio Inferiore celebra l’Immacolata Concezione

La solennità sarà ricordata mercoledì 8 dicembre con tre messe nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli
Locarnese
6 ore

Locarno, pensare alla natura come a una persona giuridica?

Conferenza di Roy Garré, giudice del Tribunale penale federale
Bellinzonese
6 ore

Carnevale in centro a Bellinzona ‘senza mescite all’esterno’

Dal Municipio le prime indicazioni, ma molto ovviamente dipenderà dall’evoluzione pandemica
Ticino
6 ore

In Ticino 24 ore di tregua dal Covid: stabili i ricoverati

Segnalati in totale 167 contagi, resta stabile a 7 il numero di persone in cure intense. Altre 7 classi in quarantena, contagi in una quarta casa anziani
Mendrisiotto
9 ore

Monte, modello intergenerazionale premiato a livello nazionale

Il progetto voluto per migliorare la qualità di vita degli anziani è arrivato secondo al concorso Eulen Award
Bellinzonese
08.10.2021 - 13:090
Aggiornamento : 18:25

Lombardi: ‘Chi ha rubato le maglie le ha restituite’

Con una seconda lettera ai tifosi il presidente dell’Hcap precisa alcuni aspetti e svela alcuni dettagli in merito ai furti alla Gottardo Arena

Con una seconda lettera ai tifosi, nella quale inizialmente porge le sue scuse per l’emotività con cui ha scritto la prima, il presidente dell’Hockey club Ambrì Piotta, Filippo Lombardi, svela alcuni dettagli in merito ai furti e ai danneggiamenti avvenuti alla Gottardo Arena. “La cosa che ci ha fatto più male è stato il furto di cinque maglie dal nostro spogliatoio. Per intenderci: non si tratta di maglie stampate come le repliche che si comperano allo shop, ma delle maglie originali, uniche e personali di cinque giocatori. Con che spirito – si legge ancora nella lettera bis del presidente – avrebbero giocato le prossime partite indossando una replica? E con che spirito avrebbe giocato l’intera squadra, dopo che il suo ‘santuario’ era stato profanato dai suoi stessi tifosi?”. Lombardi si dice tuttavia sollevato dal fatto che “chi aveva rubato queste maglie le ha ora riconsegnate spontaneamente, senza costringerci ad una lunga ricerca di polizia basata sulle immagini della videosorveglianza”. Caso rientrato, dunque, ma il club biancoblù lancia comunque un appello: “Non è perché una porta è stata lasciata aperta (o non è ancora dotata di serratura) che ci si può servire come si vuole. Vale per lo spogliatoio, i magazzini, i bar, i ristoranti, gli spacci, le lounge!”.

Soluzioni entro il derby del 15 ottobre

Nella prima lettera Lombardi spiegava che i furti e i danneggiamenti (ad esempio porte divelte e non solo nel settore ospiti) hanno indotto la società ad adeguare il regolamento, imponendo restrizioni rispetto alle prime partite. Il presidente parlava di “una sorta di gioiosa anarchia da ‘porte aperte permanenti’”, con la situazione che “è degradata”, in particolare durante il primo derby stagionale. Negli scorsi giorni la società ha quindi deciso di applicare alcune restrizioni rispetto alle prime partite. In particolare dalla prossima sfida non sarà più possibile recarsi al secondo piano, dove ci sono due bar con musica, alla fine della partita, a meno di non essere in possesso di un diritto di accesso. Per comunque permettere ai tifosi della tribuna e al pubblico degli spalti di festeggiare o incontrarsi dopo la sirena finale, la società si impegnerà a mettere a disposizione progressivamente nuovi punti di ristoro (‘food & beverage’) all’esterno dello stadio, oltre al ristorante 1937 (1° piano) e all’Osteria Valascia (pianterreno) che dalla prossima partita sarà in funzione al 100%.

‘Organizzazione che deve ancora crescere’

Il club ha inoltre indicato che gli orari di chiusura dei bar e ristoranti della Gottardo Arena – la Galleria (2° piano), l’Osteria Valascia e gli spacci esterni – chiuderanno all’una, il ristorante 1937 e il Fondue Lounge a mezzanotte, gli spacci tribuna e curva 30 minuti dopo la fine della partita, mentre lo spaccio ospiti alla fine della partita. “L’arena non è (purtroppo) adatta a svolgere il ruolo di un capannone da carnevale, e il nostro personale deve lavorarci tutto l’anno, non solo per una settimana di allegra follia – spiega Lombardi nella seconda lettera –. Siamo però impegnati a offrire entro il derby del 15 ottobre le prime offerte alternative, anche perché la risposta del pubblico è stata formidabile ed è andata al di là delle nostre aspettative, mandando in tilt un’organizzazione che deve ancora crescere”.

‘Godiamoci quanto siamo riusciti a costruire’

“Cerchiamo tutti di guardare avanti, goderci quanto siamo riusciti a costruire, mantenerlo a lungo nel tempo e tramandarlo in buono stato alle prossime generazioni – aggiunge Lombardi nella sua seconda lettera –. Nelle prossime settimane, man mano che la situazione critica si stabilizzerà, potremo probabilmente allentare qualche misura e prevedere deroghe ragionate al regolamento. Come detto, nuove offerte arriveranno entro il derby, e saranno completate in seguito”.

La lettera del presidente

Di seguito il testo completo della seconda lettera di Lombardi:

“La mia lettera aperta ai tifosi di mercoledì ha suscitato reazioni contrastanti, in parte comprensibilmente negative. Lo avevo messo in conto: parecchi amano fare i selfie col presidente, pochi accettano che assuma anche il compito ingrato di ricordare i limiti di educazione e rispetto da mantenere, sia verso la nuova Arena, sia verso gli altri spettatori, sia verso il personale che deve poter servire e pulire entro limiti di orario e di decenza accettabili.

È vero che l’ho scritto con la stessa emotività che mi è servita a motivare per anni tutti quelli che ci hanno permesso di raggiungere l’obiettivo, e quindi mi scuso se stavolta ho scocciato qualcuno. Ciò detto, se posso tentare di stabilire un dialogo a distanza coi nostri tifosi, vorrei precisare alcune cose:

1. Purtroppo la Gottardo Arena è più compatta di quanto l’avevamo immaginata all’inizio con Mario Botta. Da 87 milioni (primo preventivo che mi fece inorridire e che avrebbe poi di sicuro superato i 95) è scesa a 42 milioni effettivi (cui si sommano i rifugi di protezione civile sussidiati a parte, il terreno, il mutuo comunale speso per mantenere in vita fin qui la vecchia Valascia, la cifra necessaria per demolirla, l’Iva non recuperabile sui sussidi) per arrivare alla cinquantina di milioni finale che oggi conosciamo e che cerchiamo di rispettare in fase di liquidazione del cantiere.

2. Per arrivarci si è dovuto sacrificare un terzo del volume previsto all’origine, inclusi purtroppo gli spazi che ci avrebbero permesso di creare una piazza coperta e un nuovo “Güs” popolare, volumi che non possiamo adesso aggiungere per gli stessi limiti finanziari. L’arena non è (purtroppo) adatta a svolgere il ruolo di un capannone da carnevale, e il nostro personale deve lavorarci tutto l’anno, non solo per una settimana di allegra follia. Siamo però impegnati a offrire entro il derby del 15 ottobre le prime offerte alternative, anche perché la risposta del pubblico è stata formidabile ed è andata al di là delle nostre aspettative, mandando in tilt un’organizzazione che deve ancora crescere.

3. A scanso di equivoci: che nessuno pensi ad azioni di rivalsa in occasione del derby di domani a Lugano. Ciascuno deve gestire i suoi problemi, ma l’invito al rispetto reciproco delle persone e delle strutture è la nostra prima priorità. Lo sport è competizione leale e forte passione, ma non è mai guerra o guerriglia!

4. A parte la delusione per certi furtarelli e piccoli danneggiamenti in casa nostra (cui stiamo rimediando, sperando che non si riproducano) la cosa che ci ha fatto particolarmente male è stato il furto di cinque maglie dal nostro spogliatoio. Per intenderci: non si tratta di maglie stampate come le repliche che si comperano allo shop, ma delle maglie originali, uniche e personali di cinque giocatori. Con che spirito avrebbero giocato le prossime partite indossando una replica? E con che spirito avrebbe giocato l’intera squadra, dopo che il suo “santuario” era stato profanato dai suoi stessi tifosi?

5. Almeno qui posso però dare una prima buona notizia: chi aveva rubato queste maglie le ha ora riconsegnate spontaneamente, senza costringerci ad una lunga ricerca di polizia basata sulle immagini della videosorveglianza. Siamo sollevati che la cosa sia rientrata e ci mettiamo una pietra sopra, ma rinnoviamo a tutti un chiaro appello: non è perché una porta è stata lasciata aperta (o non è ancora dotata di serratura) che ci si può servire come si vuole. Vale per lo spogliatoio, i magazzini, i bar, i ristoranti, gli spacci, le lounges!

6. Non vogliamo assolutamente separare il pubblico in classi: per il Club ogni tifoso è fondamentale e gode di pari dignità. Mi pare di avere molto spesso ringraziato la nostra curva, e soprattutto di aver voluto che la Gottardo Arena sia tutt’ora lo stadio con la più alta percentuale di posti spalti in Svizzera. Non dimentichiamo però mai che i cosiddetti “Vip” e tutti coloro che pagano tariffe molto più care degli spalti sono necessari per permetterci di finanziare lo stadio e una squadra che ci dia soddisfazioni, come ha ricominciato a darcene. È dunque indispensabile equilibrare le diverse componenti di pubblico, e garantire a ciascuno l’ambiente giusto per godersi a modo suo la partita e se del caso il prima e il dopo.

7. Un errore di interpretazione del testo del regolamento ha fatto credere a molti che l’Osteria Valascia sia riservata agli abbonati tribuna dopo la partita. Così non è: si tratta di un normale esercizio pubblico aperto a tutti, prima e dopo le partite, più in là sarà comunque aperto tutti i giorni. Ed è sicuramente il luogo adatto per bersi un’ultima birra prima di lasciare lo stadio.

8. Il nostro sforzo per costruire questo stadio è stato dettato dalla volontà di dare al magnifico popolo bianco blu una casa degna della sua grande passione. Abbiamo voluto che anche il nostro pubblico (tutto in nostro pubblico) potesse avere qualcosa di bello! Per questo ci dispiace se la nuova casa viene bistrattata anche solo da alcuni di coloro ai quali l’abbiamo dedicata, e ce la prendiamo se chi lavora duro per servire il nostro pubblico non viene rispettato.

Fine della predica, ragazzi! In poche ma sentite parole: cerchiamo tutti di guardare avanti, goderci quanto siamo riusciti a costruire, mantenerlo a lungo nel tempo e tramandarlo in buono stato alle prossime generazioni. Nelle prossime settimane, man mano che la situazione critica si stabilizzerà, potremo probabilmente allentare qualche misura e prevedere deroghe ragionate al regolamento. Come detto, nuove offerte arriveranno entro il derby, e saranno completate in seguito.

Grazie a tutti una volta ancora per la comprensione, per la pazienza e per l’aiuto. Noi per voi ci siamo, è bello sapere che anche voi ci siete!”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved