ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
40 min

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
59 min

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
1 ora

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
1 ora

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
3 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
3 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
4 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
4 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
4 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
6 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
6 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
7 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
7 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
7 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
8 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
laR
 
08.10.2021 - 05:15

Enti autonomi Bellinzona, ‘almeno un municipale dev’esserci’

L’Esecutivo cittadino invita il Cc a respingere le cinque mozioni Verdi/Mps/Fa ma apre a una possibile riduzione del numero di suoi rappresentanti

enti-autonomi-bellinzona-almeno-un-municipale-dev-esserci
Seggiole che contano (Ti-Press)

Basta ‘lottizzazione politica’ ai vertici dei cinque Enti autonomi di Bellinzona? La risposta municipale è ‘no’, ma mitigata da una parziale apertura su un punto. Dopo le polemiche innescate lo scorso maggio dalle cinque mozioni Verdi/Mps/Fa e dopo il conseguente e parziale primo passo indietro compiuto dall’Esecutivo cittadino con le rinunce di Giorgio Soldini (Ppd) e Mauro Minotti (Lega) a risollecitare un mandato nel Consiglio direttivo di Bellinzona Sport, il Municipio ribadisce la propria linea nelle osservazioni preliminari sulle mozioni pendenti, osservazioni inviate alla Commissione della legislazione del Consiglio comunale preposta a dare il proprio preavviso al Legislativo prima della votazione plenaria. Da questa legislatura, ricordiamo, Soldini e Minotti non figurano più nel rinnovato Direttivo di Bellinzona Sport (rispettivamente erano stati il primo presidente e l’ultimo e questa primavera sono stati sostituiti dal capodicastero Finanze Fabio Käppeli, il solo municipale rimasto contro i tre di prima) avendo rinunciato sulla base delle riflessioni fatte dal Municipio dopo la turbolenta seduta di Cc del 18 maggio quando la prima proposta era stata contestata dall’opposizione e dal Ppd e la nomina rinviata di qualche settimana. Dopo le dichiarazioni pubbliche successivamente rilasciate dal sindaco Mario Branda – che mostrava una certa apertura nel voler assicurare, all’indirizzo del Cc quale autorità di nomina, una corretta e trasparente esposizione dei candidati, tuttavia conservando la possibilità municipale d’indirizzare le scelte strategiche – oggi l’Esecutivo cittadino conferma quella linea.

Lo sancisce la Legge organica comunale

Sono gli Statuti dei vari enti autonomi – attacca nelle osservazioni preliminari – a fissare la procedura di nomina, comunque in base a quanto stabilito dalla Legge organica comunale: perciò “risulta evidente che il legislatore cantonale ha voluto lasciare un ampio margine di apprezzamento e disciplina ai Comuni nella definizione, funzionamento e composizione degli enti. Bellinzona ha approfittato di questa flessibilità, ad esempio, strutturando la composizione dei Consigli direttivi in modo diverso a dipendenza delle competenze e delle fonti di finanziamento”. Quanto alla presenza di municipali e del loro numero nei Consigli direttivi, “considerando che l’Ente autonomo è chiamato a svolgere compiti delegati dal Municipio assumendone una parte di competenze, si ritiene corretto che possa sedervi almeno un municipale, da un lato per portare nell’esecutivo dell’ente le indicazioni strategiche decise dal Municipio e formulate nel mandato di prestazione, dall’altro per poter svolgere un controllo immediato sull’attività dell’ente e per poter intervenire tempestivamente in caso di criticità”.

Fa stato la decisione governativa del 2013

Capitolo conflitto d’interessi temuto dai mozionanti: il Municipio non lo ritiene tale anche sulla base della decisione governativa del 2013 contraria al ricorso interposto dall’allora consigliere comunale Luca Buzzi contro la designazione di tre municipali nel Direttivo dell’Ente Sport. Secondo il governo infatti la presenza di municipali “rende evidente e facilita l’istituzione di una rete di controllo e di flusso d’informazioni più capillari verso Municipio e Consiglio comunale”. Sul numero di municipali ammissibili in ciascun Direttivo l’Esecutivo cittadino conviene che la presenza di più suoi rappresentanti nello stesso ente “potrebbe risultare poco razionale e funzionale”. Perciò il Municipio intende “rivedere e allineare gli statuti degli enti in occasione del prossimo rinnovo dei mandati di prestazione, tenendo comunque conto delle peculiarità delle diverse entità”. A ogni modo il Municipio ritiene che “una certa rappresentanza politica, sebbene non direttamente espressa dal municipale, appare congrua”.

No alle candidature esterne

Le cinque mozioni propongono tuttavia che qualsiasi cittadino possa candidarsi per la nomina nei Consigli direttivi e che il Cc possa poi operare una scelta in base alle candidature pervenute. Su questo punto il Municipio non ci sta: “Trattandosi di attività di carattere comunale, si ritiene che tocchi al Municipio proporre al Cc delle candidature ritenute idonee e che permettano di raggiungere gli obiettivi strategici formulati dall’Esecutivo medesimo”. Perciò l’Esecutivo ritiene corretto “che in base alla volontà popolare le candidature, pur considerando le competenze dei candidati, rispecchino la composizione politica del Municipio”. Un eventuale cambiamento di paradigma dovrebbe semmai passare attraverso una modifica della Loc, che potrebbe venire proposta tramite iniziativa parlamentare o dal Consiglio di Stato. A questo riguardo Marzio Della Santa, capo della Sezione cantonale degli enti locali preposta alla sorveglianza sul corretto agire anche dei Comuni, aveva dichiarato al ‘Corriere del Ticino’ di aver avviato una riflessione su una possibile riforma volta a escludere i politici dai Direttivi, preferendo persone con le necessarie competenze.

Leggi anche:

Bellinzona, ‘basta lottizzazione negli Enti autonomi!’

Ente Sport di Bellinzona: Minotti e Soldini rinunciano

Ente Bellinzona Sport: tutti promossi, pure Gobbi

L’Ente Sport di Bellinzona finisce ai supplementari

Enti di Bellinzona, ‘ricalibrare il numero di municipali’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved