ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
15 min

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
2 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
2 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
2 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
3 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
3 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
3 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
3 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
3 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13:30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
3 ore

Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%

Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
Mendrisiotto
9 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
9 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
17 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
20 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
21 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
21 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
laR
 
11.10.2021 - 05:20
Aggiornamento: 13:40

‘Il Larice’ di Leontica sboccerà in primavera

Entro la fine dell’anno dovrebbe riaprire l’ex Bar Centrale che fungerà da ‘campo base’ del progetto di rilancio culturale e socio economico della regione

il-larice-di-leontica-sboccera-in-primavera
Nella prima metà del 2022 si concluderanno i lavori di rifacimento della piazza (Gabriele Beretta Sgd/Eleonora Willimann)
+1

«Il cantiere è partito alcune settimane fa e a metà dicembre dovrebbe riaprire l’ex Bar Centrale» nella piazza di Leontica. Roberto Meyer, presidente dell’associazione Il Larice, è decisamente entusiasta di come sta proseguendo il progetto di rilancio culturale, socioeconomico, turistico e gastronomico del villaggio (e di tutta la regione) che avrà come ‘campo base’ l’esercizio pubblico situato nel centro della piccola frazione del Comune di Acquarossa. Già, perché «non si tratta di una semplice ristrutturazione di un’osteria, ma di un’iniziativa molto più ampia che coinvolge numerosi attori di tutta la regione». Un progetto che partirà al 100% nella primavera dell’anno prossimo, quando dovrebbero concludersi anche i lavori che riguardano la piazza di fronte al ristorante. Il prossimo 23 ottobre alle 17 è prevista una serata informativa nella sala multiuso dello stabile pompieri a Dongio durante la quale si presenterà per la prima volta al pubblico il progetto Il Larice.

Un investimento di oltre 500mila franchi

Meyer è quasi incredulo di come e con che velocità si è sviluppato il progetto negli ultimi due anni: «Inizialmente volevamo riaprire almeno l’ultimo esercizio pubblico di un paese che si stava spegnendo. Poi però, anche grazie al sostegno e all’interesse dimostrati, il progetto si è decisamente evoluto fino a diventare realtà. E questo, non dimentichiamolo, in una zona periferica e discosta del Ticino». Un interesse che ha quindi anche permesso di raccogliere i fondi necessari (oltre 500mila franchi) grazie a sussidi, enti pubblici e privati. «In particolare, non saremmo riusciti a raccogliere i fondi pubblici necessari se non avessimo presentato un progetto più ampio rispetto a una semplice riapertura di un’osteria. Infatti, le nuove generazioni e i visitatori si aspettano altro, ovvero offerte variegate in diversi ambiti. In questo modo riusciremo a far conoscere tutto quello che ha da offrire la nostra regione, rispettando allo stesso tempo le tradizioni del passato». Un esempio in questo senso è il fatto che l’esercizio pubblico sarà gestito da Ornella e Teo Vitali, persone molto conosciute a livello locale e che hanno un forte legame con Leontica. Inoltre, l’offerta culinaria si baserà soprattutto su prodotti locali.

Cultura, gastronomia, turismo e svago

Concretamente, il progetto Il Larice mira a mettere in rete diversi attori della valle di Blenio attivi in svariati ambiti: il ristorante al centro di Leontica sarà infatti un luogo dove poter raccogliere informazioni utili (cultura, turismo, svago, attività sportive e così via); dove organizzare conferenze, dibattiti, mostre o esposizioni; dove poter acquistare prodotti locali e dove, ovviamente, sarà pure possibile semplicemente incontrarsi.

L’idea dell’associazione si basa infatti su quattro punti principali: la promozione della cultura e della storia, la valorizzazione delle tipicità enogastronomiche del territorio, l’offerta turistica, così come l’offerta di attività sportive e di svago. «Come associazione proporremo mediamente una paio di attività al mese», sottolinea Meyer. E questo anche grazie a diversi attori (come musei, fondazioni, associazioni o privati) «che si sono già detti disposti a collaborare con noi». Promuoveremo quindi ad esempio esposizioni, mostre, concerti o conferenze, ma anche svariate possibilità di svago (come trekking, gite accompagnate da una guida, giri in bicicletta, parapendio, sci, discese in slitta, ecc.) che la nostra regione è in grado di offrire tutto l’anno». Queste informazioni saranno disponibili all’infopoint che sarà installato nel ristorante, dove verranno anche illustrate le possibilità di soggiorno: «Collaboreremo con l’agenzia Interhome [intermediario di appartamenti di vacanza, ndr] che permetterà di affittare residenze secondarie nelle vicinanze. E chi soggiornerà ad esempio in un rustico potrà poi approfittare dell’offerta culinaria del ristorante». All’esterno dell’esercizio pubblico sarà anche presente un distributore automatico di prodotti locali aperto 24 ore su 24, mentre all’interno sono previsti un punto vendita e uno spazio espositivo per prodotti del territorio. Un’offerta resa possibile grazie alla collaborazione di contadini e agricoltori della zona. Oltre all’esercizio pubblico, al centro del progetto Il Larice vi è anche la piazza: «Il Comune ci ha concesso 45 metri quadrati di spazio che sarà attrezzato e dedicato al ristorante», precisa Meyer. Entro la prossima primavera sarà quindi rifatta la pavimentazione (posando nuovi dadi in granito) che sarà leggermente sopraelevata rispetto al resto della piazza. Piazza che in futuro potrà dunque ospitare attività ed eventi organizzati dall’associazione.

Si tratta insomma di un progetto concreto che sicuramente partirà a breve, con la convinzione che sarà apprezzato da molte persone. «Siamo fiduciosi e soddisfatti di essere riusciti [oltre a Meyer, dell’associazione fanno parte anche il vicepresidente Jean Pierre Posse, così come il segretario e cassiere Loris Beretta, ndr] a proporre qualcosa che mancava, rilanciando la vita del paese. Collaborare con i diversi attori presenti nella valle di Blenio ci permette non solo di risollevare Leontica, ma di promuovere l’intera regione», conclude il presidente de Il Larice.

Leggi anche:

A Leontica il progetto ‘Larice’ sta crescendo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved