il-centro-giovani-bassa-leventina-compie-50-anni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Secondo tiro obbligatorio allo stand della Ressega

Fra le novità ottenendo un risultato minimo a entrambi è possibile conseguire la distinzione militare di tiro.
Mendrisiotto
29 min

Dalla Festa della Birra alla Sagra del Controfiletto

Sabato 9 luglio a Tremona. Il tradizionale e quest’anno doppio appuntamento si aprirà alle 19. Organizza la Società Filarmonica.
Ticino
31 min

Incidente sul Susten, due docenti le vittime

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
Mendrisiotto
1 ora

Il Plr a sostegno del Patriziato di Castel San Pietro

L’assegno andrà a favore della la ristrutturazione del Rifugio Alpe Caviano. Progetto che permetterà di rivalorizzare la vecchia struttura.
Locarnese
1 ora

Muralto Musika edizione 2022

Giovedì il primo dei tre appuntamenti della rassegna concertistica nella Collegiata di San Vittore
Locarnese
1 ora

Cavigliano, pagnotte nel forno ma non solo

In giornata oltre alla cottura dell’alimento vi sarà il mercatino con prodotti gastronomici e artigianali, la musica e lo spettacolo di un illusionista
Luganese
5 ore

Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app

Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
5 ore

‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’

Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Ticino
15 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
16 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
16 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
16 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
16 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro, dalla sezione Plr un sostegno al Patriziato

Donato un contributo di 1’500 franchi per la ristrutturazione del rifugio Alpe Caviano, che entrerà a far parte dell’Albergo diffuso
laR
 
11.10.2021 - 19:13

Il centro giovani Bassa Leventina compie 50 anni

Per sottolineare il traguardo è prevista una serie di eventi aperti alla popolazione ed è stata lanciata una raccolta fondi per sostenere la sua attività

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un punto di riferimento per i ragazzi della Valle e non solo. Il centro giovani Bassa Leventina compie cinquant’anni. «È un traguardo prestigioso», commenta Ennio Lazzarini, animatore del centro dal 2005. «Se pensiamo che da Airolo a Biasca non ci sono altri centri, possiamo dire che il nostro accoglie molti ragazzi provenienti da diversi Comuni, ed è quindi uno spazio importante e necessario». I giovani che arrivano al centro sono domiciliati in prevalenza a Bodio e nei comuni limitrofi (Pollegio, Personico e Giornico), ma a volte accade anche che ve ne siano provenienti dall’Alta Leventina, come anche dal Bellinzonese e dal resto delle Tre Valli. In prevalenza l’utenza è formata da giovani in età di Scuola media ma è anche composta da ragazzi che hanno iniziato un apprendistato o che hanno già un’occupazione professionale attiva. Questi ragazzi, che hanno già un’età che varia dai 12 ai 19 anni, riportano le loro esperienze ai nuovi ragazzi e li conducono e seguono durante molte aperture serali del venerdì e quelle pomeridiane del mercoledì e sabato. Il centro è stato un punto d’incontro presente anche durante il 2020, anno caratterizzato dal Covid-19 e da tutte le difficoltà ad esso legate. Il centro è quindi stato un porto sicuro per i giovani che si sono così potuti ritrovare in un contesto di possibilità d’incontro limitate. In questa occasione, spiega Lazzarini, si sono resi conto che i social media non possono sostituire il trovarsi fisicamente e comunicare faccia a faccia tra di loro. Il centro, che conta sul sostegno finanziario dell’Ufficio giovani cantonale e dei Comuni di Bodio, Pollegio, Personico, Giornico, Faido, Biasca, Prato Leventina e Quinto, ha pure subito gli effetti della pandemia sulle proprie finanze. A causa delle restrizioni dettate dal Covid, le consuete raccolte fondi organizzate con i ragazzi del centro, o l’affitto degli spazi interni al centro a società o a Enti locali non si sono potuti organizzare, e questo ha inciso sulle già fragili economie del centro. Ragion per cui è stata lanciata una raccolta fondi rivolta a tutti coloro che intendono sostenere la sua attività e permettere che questo cammino possa continuare (per gli interessati: Iban CH84 0900 0000 6500 6634 7).

Cenni storici

Il centro nasce nel 1971 dalle ceneri del vecchio oratorio che per varie ragioni aveva smesso di funzionare. I fondatori decisero, per motivi strategici, di organizzarsi come fondazione, affidando la gestione e la responsabilità dell’animazione a un Consiglio di fondazione che raggruppava i rappresentanti dei maggiori gruppi che utilizzavano il centro, ovvero scout, parrocchia, Comune di Bodio e scuole. L’associazione Centro giovani Bassa Leventina è stata creata nel 1971 da un gruppo di volontari guidato da don Emilio Conrad e quest’anno festeggia i cinquant’anni di esistenza continuando e rinnovando lo spirito dei suoi fondatori.

Si deve soprattutto alla lungimiranza del parroco di quegli anni, don Emilio Conrad, il fatto di aver iniziato un percorso che a quei tempi andava sicuramente contro corrente: erano infatti gli anni dei centri autogestiti e molto spesso si faceva confusione tra questi tipi di strutture e il centro. Le numerose conoscenze di don Emilio hanno permesso di procedere comunque a una prima ristrutturazione della struttura che da casa parrocchiale si trasformava in centro giovanile. In quegli anni la parola d’ordine di chi vi lavorava era “volontariato”: tutto si svolgeva basandosi sulla buona volontà, sull’impegno e sull’idealismo di utenti e amici del centro.

Eventi aperti alla popolazione

Per festeggiare questo prestigioso traguardo l’associazione invita tutta la popolazione a degli eventi (in conformità alle normative Covid-19). Il primo appuntamento è mercoledì 13 ottobre alle 18 per l’assemblea dell’associazione del centro giovani che si terrà nella sala del consiglio comunale a Personico. La riunione avrà una durata di un’ora circa e si discuterà sull’andamento del centro durante l’anno scorso, le finanze e i progetti per l’anno in corso. Venerdì 29 ottobre alle 20 è prevista la conferenza “Come dare i primi soccorsi in caso di pericolo”, che si terrà al centro giovani di Bodio. Anche questo appuntamento è aperto a tutta la popolazione ed è gratuito. La serata proposta sarà condotta da un giovane frequentatore del centro, Francisco Lachado 20enne già diplomato come operatore sociosanitario e attualmente al primo anno della scuola infermieri di Bellinzona, coadiuvato da un adulto esperto soccorritore professionista. Venerdì 19 novembre alle 20 è prevista la conferenza di Paolo Attivissimo “I social media, guida pratica al loro corretto utilizzo”, aperta ai giovani e agli adulti nella sala parrocchiale di Pollegio. Infine venerdì 28 gennaio alle 20.30 si terrà la proiezione del documentario “Al centro dei giovani” di Stefano Ferrari al centro giovani a Bodio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
50 anni centro giovani leventina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved