WAS Capitals
COL Avalanche
01:00
 
PIT Penguins
DAL Stars
01:00
 
NJ Devils
SEATTLE KRAKEN
01:00
 
TB Lightning
FLO Panthers
01:00
 
MON Canadiens
SJ Sharks
01:00
 
BUF Sabres
VAN Canucks
01:00
 
DETROIT RED WINGS
COB Jackets
01:30
 
una-sirena-alla-conquista-della-profondita
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
4 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
4 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
4 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
5 ore

Torricella-Taverne, il Municipio torna alla collegialità

Dopo la polemica pubblica, la segnalazione agli Enti locali e il rimpasto dicasteriale, l’esecutivo torna sulla collegialità e sulla confidenzialità
Luganese
5 ore

Ha truffato il principe di Genova, condannato a 24 mesi

La sentenza è stata emessa dalla Corte delle Assise criminali di Lugano nei confronti di un 66enne che gli ha sottratto 817mila franchi
Ticino
5 ore

Covid Pass, cinque le multe in Ticino

Sono 531 i controlli effettuati dalla polizia da quando è entrato in vigore l’obbligo del certificato nella ristorazione
Bellinzonese
6 ore

Fc Lugano femminile, 50 anni di vita racchiusa in una mostra

A Vezia giovedì 21 ottobre si inaugura un’esposizione sulla storia della squadra e le sue protagoniste
Bellinzonese
6 ore

Ppd Giubiasco e Valle Morobbia in assemblea

Appuntamento per mercoledì 27 ottobre alle 20 all’Angolo d’Incontro
Locarnese
6 ore

Moscia-Acapulco, Gordola ricorre al Gran Consiglio

Il Municipio contesta la chiave di riparto Cantone-Comuni per il finanziamento della galleria, che non godrebbe di alcun sussidio federale
Grigioni
7 ore

Santa Maria nel Parco Val Calanca? ‘Un valore aggiunto’

Stando al direttore Henrik Bang e a uno studio di fattibilità, l’estensione del perimetro valorizzerebbe il patrimonio naturale e culturale
Luganese
7 ore

Tumore al seno, sensibilizzazione alla diagnosi precoce

Incontro pubblico promosso dal Centro di senologia della Clinica Sant’Anna in occasione di ‘ottobre rosa’ il 27 ottobre
Locarnese
7 ore

Gambarogno, per quel terreno vecchi accordi troppo vaghi

Di proprietà del Comune, ospita stabili patriziali e in futuro forse sarà usato per l’ampliamento della discarica di inerti. Pronta una Convenzione
Locarnese
7 ore

Locarno, un semaforo e due taxi: la Lega interroga

Dubbi sull’utilità dell’impianto in via Franzoni e domande su tassisti provenienti da fuori città
Bellinzonese
 
06.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:46

Una sirena alla conquista della profondità

Vera Giampietro, 31enne Bellinzonese, ha appena partecipato ai mondiali di apnea a Cipro portando a casa quattro nuovi record nazionali

Immergersi e nuotare come una sirena alla conquista delle profondità dei mari. Quando indossa la sua muta e le pinne, Vera Giampietro, 31enne di Bellinzona ci appare proprio così, pronta a scendere fino a dove la porterà il suo ultimo respiro inalato in superficie. E all’ultimo Campionato del mondo di apnea a Limassol, a Cipro, tenutosi nelle scorse settimane, l’ha portata davvero lontano, scendendo a profondità impressionanti. In questa competizione la campionessa svizzera ha infranto quattro nuovi record nazionali e si è classificata sesta nella classifica femminile generale. La competizione prevede quattro discipline di profondità, che corrispondono in sostanza a quattro modi diversi per scendere e riemergere, ovvero con la monopinna, con le doppie pinne, senza pinne nuotando a rana e tirandosi lungo il cavo con le braccia. Vera gareggia in tutte e i record che ha portato a casa da questa esperienza (61 metri nella categoria con doppie pinne, 63 in immersione libera usando solo le braccia, 42 e 43 senza pinne a rana) vanno ad aggiungersi ad altri suoi nove primati nazionali. Distanze da togliere il fiato, che equivalgono a oltre due minuti senza respiro. Ma come è giusto che sia, un’atleta intende sempre migliorarsi e per l’anno prossimo Vera ha l’obiettivo di arrivare sul podio della classifica generale e nei prossimi anni cercherà di battere un record del mondo (ora il primato di profondità femminile è di 122 metri). Adesso la 31enne guarda avanti e per l’anno prossimo ha obiettivi importanti, tra cui anche quello di trovare degli sponsor per finanziare le competizioni in questa disciplina non ancora così conosciuta alle nostre latitudini. Attualmente il record personale di Vera è di 75 metri raggiunto in allenamento, mentre in gara il suo tuffo più profondo è di 69 metri conseguito l’anno scorso con la monopinna (tutti i risultati su: veragiampietro.com). La nostra interlocutrice è molto soddisfatta dei risultati ottenuti a Cipro e ancora un po’ incredula: «È sorprendente che abbia ottenuto tali risultati visto che mi sono dovuta sottoporre a un terzo intervento al timpano destro in maggio e che in agosto mi sono slogata una caviglia e non ho potuto camminare per dieci giorni. Nonostante questo sognavo dal 2019 di partecipare a una World Championship, quell’anno infatti non ho potuto farlo a causa del timpano che non guariva, e quindi mi sono recata a Cipro lo stesso in sedia a rotelle con la speranza di rimettermi in tempo per il campionato», ci racconta. E così è stato.

Uno sport molto mentale

In questo sport la forza di volontà è fondamentale «la testa conta il 90%, solo il 10% è tecnica», rileva. «È una passione che mi regala emozioni uniche e la possibilità di essere in armonia con me stessa e con la natura. Quando sono in profondità riesco davvero ad assaporare il qui e ora, vivo in una sorta di presente senza tempo, una sensazione indescrivibile», ci dice. Vera si è avvicinata all’apnea negli ultimi anni, ha cominciato a praticarla ed è diventata istruttrice nel 2018 a Dahab in Egitto. Nello stesso anno ha partecipato alla sua prima competizione, ha però dovuto interrompere gli allenamenti per due anni a causa di una perforazione del timpano avvenuta a causa di un errore medico. Due interventi chirurgici dopo, ha riprovato a tuffarsi l’anno scorso e nonostante il timpano non fosse ancora completamente guarito è riuscita a battere in settembre 2020 tutti i record svizzeri femminili di profondità. Vera ha in seguito battuto i suoi stessi record nelle altre competizioni dello stesso anno.

L’incidente e uno stop di due anni

Con rammarico la campionessa ci racconta che il problema all’orecchio le ha imposto un brusco stop e non ha più potuto immergersi per molto tempo; «mi sembrava di impazzire», ci racconta. A causa della perforazione del timpano aveva il timore che avrebbe dovuto accettare la sconfitta e abbandonare i suoi sogni di apneista. Ma invece, nonostante molti glielo avessero sconsigliato, la decisione di tornare sott’acqua non le ha creato problemi, ma anzi, molte soddisfazioni. «Non solo questo traguardo mi ha riempito di felicità, ma mi ha fatto sentire davvero grata per questa seconda opportunità di fare ciò che amo». Con la sua storia e con i suoi risultati Vera spera d’ispirare altre persone, nell’apnea ma anche in altri campi, a seguire i propri sogni e a superare le difficoltà o i problemi fisici che rischiano di portare ad arrendersi. «Credo fermamente che ognuno di noi abbia dentro di sé la forza e le capacità per realizzare i suoi sogni. Bisogna però imparare ad ascoltarsi, a essere onesti con sé stessi, affrontare le paure e sviluppare le proprie qualità», conclude l’atleta.

Guarda 9 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved