rustici-la-voglia-di-affittare-si-scontra-con-la-lex-weber
Ti-Press (foto d'archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
11 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
11 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
11 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
12 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
12 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
12 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
12 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
13 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
13 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
13 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
13 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
13 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
16 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
laR
 
29.09.2021 - 05:30
Aggiornamento : 08:42

Rustici, la voglia di affittare si scontra con la Lex Weber

Alto Ticino: mentre l’Otr invita i proprietari ad affittare i rustici, la legge federale frena in alcuni casi chi vorrebbe ristrutturare e locare

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Proprietari di rustici fatevi avanti”. È questo, in estrema sintesi, l’invito espresso settimana scorsa dall’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat) rivolto a chi possiede questo tipo di abitazione in Valle di Blenio per il quale la domanda di affitto come casa di vacanza supera l’offerta. L’obiettivo è quindi mettere a disposizione nuove strutture ricettive per cercare di soddisfare una richiesta sempre più in crescita. Nel progetto crede anche l’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e Valli che ha deciso di sostenere finanziariamente la strategia elaborata dall’Otr-Bat stanziando, come incentivo, ai primi 25 proprietari privati che aderiranno all’iniziativa un contributo destinato al rinnovo o all’ammodernamento del proprio rustico. Ci sono però anche proprietari di immobili di questo genere che già sarebbero intenzionati a mettere sul mercato la propria struttura ma che per vari motivi non possono farlo.

Licenza edilizia negata dal Cantone

È il caso di un abitante di Serravalle che desidera condividere la sua esperienza: «Da un anno vorrei mettere mano al mio rustico situato a Semione proprio accanto alla mia abitazione primaria, ma non sono ancora riuscito a muovere un mattone», ci spiega. L’intenzione era di riattare il vecchio edificio per affittarlo in primavera e in estate. La licenza edilizia relativa alla domanda di costruzione per riattare e cambiarne destinazione in affittacamere è però stata negata dal Cantone, poiché in contrasto con le norme della Legge federale sulle residenze secondarie. La ‘Lex Weber’ – il cui nome si rifà al basilese Franz Weber noto per le sue battaglie ambientaliste fra cui quella contro la crescente cementificazione – è entrata in vigore nel 2016 e prevede che nei Comuni in cui la quota di abitazioni secondarie supera il 20 per cento del totale non possono esserne autorizzate di nuove. Com’è il caso a Serravalle.

Se il tetto non è originale...

Vi sono però altre possibilità: anche se la quota è superata, nuove residenze secondarie possono essere autorizzate e realizzate se utilizzate successivamente come abitazioni primarie o sfruttate per scopi turistici. Ma per essere usato a scopi turistici, il rustico deve trovarsi nello stesso edificio in cui il proprietario ha il proprio domicilio principale. Nel caso esposto dal nostro interlocutore, ciò non è possibile perché i proprietari non risiedono nel rustico ma nella casa vicina che non è fisicamente collegata ad esso. Altra possibilità: nei Comuni in cui la quota di residenze secondarie supera il 20 per cento si possono autorizzare nuove abitazioni senza limitazione d’uso qualora siano edifici protetti o tipici del sito, tuttavia all’interno delle zone edificabili. Nel caso in questione – spiega l’Ufficio delle domande di costruzione del Cantone – questo non è possibile poiché in passato l’edificio è stato oggetto di interventi edilizi che “ne hanno compromesso il valore originale”. In particolare si riferisce alla modifica della forma del tetto e del materiale di copertura, così come all’installazione di un impianto fotovoltaico; lavori eseguiti dal precedente proprietario.

Il rovescio della medaglia

«Non sono l’unico a trovarmi in questa situazione», annota il nostro interlocutore: «Nella zona conosco persone che possiedono diversi immobili. Vorrebbero riattarli per affittarli, ma non possono farlo perché la legge glielo impedisce». Riassumendo: se da un lato c’è chi sollecita i proprietari affinché affittino i loro rustici, dall’altro una legge federale entrata in vigore cinque anni fa frena taluni proprietari intenzionati a ristrutturare e affittare. Da noi interpellato Juri Clericetti, direttore dell’Otr-Bat, dice di essere a conoscenza di casi simili. Tuttavia precisa che il progetto lanciato settimana scorsa dall’Otr si rivolge a proprietari di edifici che possono essere messi subito a disposizione. «Comunque, se fosse possibile ristrutturare altri immobili e poi metterli sul mercato, questo sarebbe sicuramente positivo anche per il nostro progetto e aiuterebbe a svilupparlo ulteriormente», riconosce.

Il direttore dell’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e Valli, Manuel Cereda, spiega di essere a conoscenza del tema ma, annota, si tratta di una questione politica: «A titolo personale posso però dire che più rustici si valorizzano e vengono messi sul mercato in affitto, meglio si valorizza il territorio anche dal punto di vista turistico. Perché una maggiore offerta crea un indotto economico a beneficio della collettività». L’obiettivo nobile della ‘Lex Weber’, votata dal popolo per preservare specialmente le zone turistiche e alpine dall’invasione del cemento, finisce dunque per creare risultati contrari alla stessa preservazione del territorio, lasciando talvolta sul terreno rustici malandati e inutilizzati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alto ticino legge federale lex weber rustici valle blenio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved