affreschi-riscoperti-e-un-nuovo-altare-nella-chiesa-di-cresciano
Il presbiterio con il nuovo altare nel quale è stato incorporato un paliotto di scagliola
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
47 min

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda.
Luganese
2 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
6 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Ticino
17 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
19 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
20 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
21 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
laR
 
12.09.2021 - 20:46
Aggiornamento : 23.09.2021 - 10:56

Affreschi riscoperti e un nuovo altare nella chiesa di Cresciano

I lavori di restauro iniziati circa 5 anni fa e costati oltre 500mila franchi sono terminati. L’inaugurazione si svolgerà domenica 26 settembre.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Dopo oltre cinque anni e un investimento di oltre 500mila franchi si sono finalmente conclusi i lavori di restauro della chiesa parrocchiale di San Vincenzo a Cresciano. Lavori, durante i quali non sono mancate le sorprese, come la scoperta di una tomba contenente uno scheletro umano e di frammenti di affreschi appartenenti alla chiesa antecedente a quella attuale. Per quanto riguarda la chiesa odierna, i lavori prevedevano inizialmente di sostituire la pavimentazione datata, ma in seguito alla consultazione dell’archivio parrocchiale è emerso che sulle pareti erano presenti affreschi che sono stati coperti negli anni 50. Il restauro ha quindi permesso di portare nuovamente alla luce queste pitture. Inoltre, è anche stato integrato in un nuovo altare un paliotto di scagliola ritrovato nella chiesa in pessimo stato. Nuovo altare che sarà consacrato dal Vescovo Valerio Lazzeri domenica 26 settembre in occasione della cerimonia di inaugurazione.

Testimonianze del passato riportate alla luce

«È stata un’esperienza molto arricchente, anche grazie alla possibilità di consultare l’archivio parrocchiale nell’ambito delle ricerche storiche in vista della ristrutturazione della chiesa», afferma a ‘laRegione’ Gregorio Genini, presidente del Consiglio parrocchiale. Infatti, la consultazione di questi documenti ha permesso di capire come si presentava la chiesa in passato: «Fino agli anni 50 le pareti erano decorate con affreschi risalenti al XVI secolo che in seguito sono stati ricoperti di bianco e quindi nascosti. Dalle analisi è poi emerso che le pitture erano ancora in buono stato e abbiamo quindi deciso di restaurarle». Inizialmente i lavori prevedevano solo un piccolo intervento alla pavimentazione del presbiterio, in particolare a causa dei gradini in pessimo stato che erano diventati potenzialmente pericolosi. Ma le ricerche storiche hanno poi permesso di fare molto di più, ovvero riportare alla luce le testimonianze riportate negli affreschi. Affreschi realizzati «da artisti arrivati in una piccola comunità come Cresciano, facendo sì che una chiesa in valle avesse un aspetto artistico importante». Insomma, ora «la chiesa di San Vincenzo è completamente cambiata e ha acquisito un valore aggiunto sicuramente a livello visivo e artistico». Concretamente, il restauro ha permesso di recuperare l’apparato decorativo del presbiterio, così come quello dell’arco trionfale e del sottarco. Anche nelle due cappelle laterali, i lavori hanno permesso di restituire la qualità originaria sia degli stucchi che dei dipinti. Sono inoltre stati restaurati sia l’altare maggiore, sia il crocifisso ligneo. Infine, i nuovi pavimenti sono stati realizzati in granito locale di Cresciano, arricchito con decorazioni in gneiss di Bodio, più scuro.

Affreschi della chiesa precedente da ricostruire

Proprio i lavori riguardanti la pavimentazione avevano già fatto discutere all’inizio dell’anno scorso quando poco dopo l’avvio del cantiere sono stati rinvenuti dei reperti archeologici. Erano infatti emersi alcuni resti della chiesa precedente, sopra la quale è stata costruita quella attuale, più grande. Concretamente, sono stati trovati frammenti di muri affrescati e, in una tomba (in questo luogo sorgeva anche un cimitero) uno scheletro non intatto ma ben conservato di una donna tra i 20 e i 25 anni che è stata soprannominata Vincenzina in onore del santo patrono della chiesa. «Al momento i reperti si trovano negli archivi del Servizio di archeologia dell’Ufficio dei beni culturali», spiega Genini. «Stanno effettuando degli approfondimenti per capire se è possibile ricostruire anche solo parzialmente gli affreschi dell’antica chiesa romanica, grazie ai frammenti ritrovati. Contiamo sul fatto di ricevere degli aggiornamenti, così da poterli presentare in occasione dell’inaugurazione del 26 settembre».

Pulendo è emerso un vecchio paliotto, poi inglobato nel nuovo altare

Un’occasione durante la quale verrà anche celebrata la Santa messa di dedicazione del nuovo altare nel quale è stato inglobato un paliotto di scagliola ritrovato un po’ per caso: «Era stato ubicato in un punto nascosto della chiesa, ricoperto con una tavola di legno e utilizzato come mensola», rileva Genini. «Un giorno, pulendolo, sono emerse le decorazioni e ci siamo accorti che si trattava di un oggetto di valore». Il manufatto dallo sfondo nero al cui centro si trova la corona con le palme incrociate che rappresenta il martirio di San Vincenzo, è quindi stato restaurato e reimpiegato come frontale della nuova mensa. Il martirio del Santo patrono viene ripreso pure nell’iconografia del nuovo ambone.

‘Una cerimonia che si vede una sola volta nella vita’

Il 26 settembre, oltre alla consacrazione del nuovo altare («la principale novità»), saranno anche deposte delle reliquie di San Vincenzo in un piccolo vano nella pavimentazione assieme a un decreto del Vescovo e il tutto sarà poi sigillato. Si tratterà insomma di «una cerimonia che si vede una sola volta nella vita e che potrà quindi anche essere interessante per chi non crede», sottolinea Genini. Cerimonia – a cui seguirà un aperitivo nel rispetto delle normative Covid vigenti – alla quale saranno presenti anche parroci locali, l’architetto Gabriele Geronzi e altre autorità tra cui il sindaco di Riviera Alberto Pellanda. Infatti, «anche il Comune, al pari del Cantone, ha contribuito in modo importante a questo investimento», conclude Genini, ringraziando tutti coloro che hanno sostenuto i lavori di restauro.

Leggi anche:

Cresciano, dalla chiesa emerge lo scheletro di Vincenzina

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved