ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
6 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
7 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
7 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
8 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
8 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
9 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
9 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
9 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
Luganese
10 ore

Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’

Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
10 ore

Incidente sulla A2, code in direzione sud

Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Mendrisiotto
11 ore

A LaFilanda di Mendrisio un dialogo tira l’altro

Il centro culturale ospita ‘Point of View’, opera di public art itinerante della creativa Patrizia Pfenninger
Bellinzonese
11 ore

50 candeline per la Cassa conducenti Ptt regia di Bellinzona

All’Hotel Unione i soci hanno celebrato il traguardo raggiunto dall’associazione che dal 1973 funge da punto di riferimento per i momenti conviviali
Luganese
11 ore

Inserimento professionale, Lugano tira le somme

Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
Bellinzonese
11 ore

Professioni tecniche: incontro informativo per ragazze

Lo organizza a Bellinzona il Soroptimist club Moesano. Iscrizioni aperte, ancora pochi posti a disposizione
Locarnese
11 ore

L’Astrovia Locarno-Tegna è sempre abbandonata a sé stessa

Lo afferma, chiedendo lumi, un’interrogazione interpartitica inoltrata all’Esecutivo locarnese dal consigliere comunale dei Verdi Marko Antunovic
08.09.2021 - 17:21
Aggiornamento: 19:44

Grandi Carnevali 2022 in Ticino: più sì che no (per ora)

Il gruppo degli eventi principali si è riunito ieri a Bellinzona: si va verso controlli del Covid Pass alle entrate. Berna e Cantone permettendo

grandi-carnevali-2022-in-ticino-piu-si-che-no-per-ora
Ai controlli di sicurezza si aggiungeranno anche quuelli sul certificato Covid (Ti-Press)

Per ora è un ‘sì’, ovviamente condizionato all’evoluzione pandemica e alle sue conseguenze in termini di limitazioni e autorizzazioni. I comitati dei principali Carnevali di Ticino e Moesano riuniti ieri sera a Carasso nella sede del Rabadan di Bellinzona – presenti anche Chiasso, Locarno, Tesserete, Biasca e Roverdo – hanno espresso la seria intenzione di organizzare l’edizione 2022 in agenda fra l’ultima settimana di febbraio e la prima di marzo (Nebiopoli a parte cha ha anticipato i bagordi di due settimane). In sala anche i rappresentanti delle autorità cantonali coinvolte nelle decisioni inerenti alle manifestazioni con pubblico, ossia Luca Filippini, segretario generale del Dipartimento istituzioni e coordinatore del Gruppo di lavoro grandi manifestazioni, e Paolo Bianchi, direttore della Divisione cantonale della salute pubblica al Dss. 

Si rinuncerebbe agli eventi ad accesso libero

Assumendo le redini del Rabadan, il 23 giugno il neopresidente Giovanni Capoferri durante l’assemblea si era espresso con prudenza affermando che, citiamo, «abbiamo davanti una grande incognita: molto dipenderà dalla pandemia e ne sapremo di più fra metà agosto e settembre». Da allora il comitato Rabadan, gli altri comitati e il Gruppo grandi Carnevali hanno dedicato al tema alcune riunioni. Tre le opzioni su cui Capoferri e colleghi di Bellinzona hanno lavorato: proporre un’edizione ridotta allestendo un solo capannone (per esempio quello di Piazza del Sole), oppure nelle peggiori delle ipotesi organizzare un’edizione a distanza simile a quella di quest’anno, oppure nelle migliori delle ipotesi procedere con un Carnevale completo. «Filippini ha parlato chiaro», premette oggi Capoferri rispondendo alla ‘Regione’: «Dice che la possibilità di organizzare il Carnevale 2022 c’è, rispettando ovviamente tutte le misure di prevenzione che Confederazione e Cantone vorranno imporre per evitare il diffondersi del virus. Dal canto nostro saremmo intenzionati a proporre un’edizione quasi completa, rinunciando soltanto agli eventi con accesso libero del pubblico, in particolare quelli pomeridiani come il corteo dei bambini in agenda il venerdì e la sfilata delle guggen il sabato. Per tutto il resto, crediamo che sia tecnicamente possibile far combaciare i nostri desideri con le imposizioni volte a contenere l’avanzata pandemica. Si andrà insomma verso la verifica – alle varie entrate della Città del Carnevale e la domenica in occasione del corteo – dei Covid Pass che comprovino l’avvenuta vaccinazione, oppure la negatività del tampone nelle ultime 48 ore, oppure ancora l’avvenuta guarigione entro un determinato periodo che garantisca la presenza di anticorpi». Molto tuttavia potrebbe cambiare da oggi a gennaio-febbraio: «La decisione definitiva se proporre il Carnevale 2022 e, in caso affermativo, in quale forma sarà presa entro fine ottobre. Così facendo – rimarca Capoferri – avremo quattro mesi di tempo per pianificare ogni dettaglio, ovviamente coinvolgendo entro fine settembre anche il Municipio cittadino». Guardando al tema che sta spaccando in due il mondo, «personalmente desidero sensibilizzare sulla necessità di vaccinarsi. Perché consente alla società tutta di affrontare con più normalità la vita di tutti i giorni e, ovviamente, anche attività ed eventi particolari fra i quali rientra il Carnevale». 

Numero chiuso? Attenti alle finanze

Molto dipenderà dunque dalla capacità degli organizzatori di sapersi adattare alle disposizioni di sicurezza sanitaria. A Biasca e Tesserete, per esempio, i rispettivi cortei non sono mai stati recintati. Recintarli, magari dovendo anche rispettare un numero massimo di persone ammesse, rischia di incidere sulle finanze dei comitati organizzatori. Già, gli incassi: «Questo punto richiede un’attenta valutazione», annota Capoferri: «Se ragioniamo sulle 100mila entrate del 2020 possiamo stare tranquilli, ma se bisognerà stare entro certi limiti temo che si dovranno mettere in conto delle ripercussioni negative sulle nostre finanze dalle quali dipende lo stato di salute della macchina organizzativa». Per il momento il comitato non intende aumentare il costo del biglietto d’entrata alla Città del Carnevale, «ma si tratta comunque di un punto da verificare».

Nebiopoli a pieno regime

La macchina organizzativa del Carnevale Nebiopoli sta lavorando a pieno regime in vista dell'edizione in programma dal 10 al 13 febbraio dell'anno prossimo. Per prepararsi alla festa, e soprattutto per testare quella che sarà la macchina organizzativa, il 25 settembre al Palapenz di Chiasso ci sarà una festa di Carnevale. L'autorizzazione cantonale è arrivata martedì. «Situazioni come quella che andremo a vivere – spiega Alessandro Gazzani, presidente del Carnevale Nebiopoli – permettono di capire come si svolge un evento e come reagiranno le persone dopo quasi due anni di stop». L'ingresso al Palapenz sarà consentito solo con il certificato Covid. Una situazione che sarà ripetuta anche a Carnevale. Alla luce delle nuove disposizioni federali, la grande incognita sarà la percentuale dei vaccinati tra gli attori dei bagordi. «I membri del comitato Nebiopoli sono tutti vaccinati – sottolinea Gazzani –. Il vaccino è il minore dei mali e da qui bisogna ripartire». In vista della festa estiva, Nebiopoli ha chiesto alle guggen di sondare la situazione al loro interno. «La percentuale dei vaccinati è bassa – constata ancora il presidente –. Se questa situazione dovesse essere confermata anche in futuro, sarà un problema perché senza gruppi rischia di saltare anche il corteo. Il mondo è cambiato e dobbiamo cercare di conformarci: chi vorrà godersi il più possibile un inverno normale e la prossima edizione del Carnevale deve vaccinarsi». Compito del comitato organizzatore sarà quello di «accertare che il certificato Covid venga presentato. Questo dovrà avvenire sia per il pubblico che per chi sfila».

Passando alla prossima edizione, e sempre con il presupposto che tutto dipenderà dalla situazione sanitaria del prossimo inverno, Alessandro Gazzani ribadisce che «Nebiopoli si terrà regolarmente». L'organizzazione del corteo mascherato del sabato pomeriggio così come delle serate al villaggio «non crea grandi problemi perché siamo già strutturati». Allo stato attuale sono in forse il corteo dei bambini e la sfilata notturna delle guggen. «La nostra intenzione è quella di proporre entrambi su un tratto più breve che chiudiamo già per il grande corteo mascherato. Ovviamente tutto dipenderà dall'adesione dei bambini e delle guggen», conclude Alessandro Gazzani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved