si-valuta-una-nuova-scuola-media-anche-a-sud-di-bellinzona
Il terreno giubiaschese del Seghezzone, oggi area di sosta dei nomadi svizzeri
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
7 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
7 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
7 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
7 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
8 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
8 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
8 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
8 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
8 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
9 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
9 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
9 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
9 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
9 ore

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
9 ore

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
9 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
10 ore

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
12 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
12 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
12 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
laR
 
04.09.2021 - 05:10
Aggiornamento: 15:13

Si valuta una nuova Scuola media anche a sud di Bellinzona

Il Cantone ha segnalato un eventuale interesse per il Seghezzone di Giubiasco, ambìto anche dalla Città per il suo Centro di pronto intervento

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Non solo a nord di Bellinzona nella zona che va fino a Claro, ma anche a sud della capitale il Cantone sta verificando l’ipotesi di costruire una nuova Scuola media. Questo considerando che si pone la necessità di potenziare l’offerta di aule e infrastrutture connesse essendo gli spazi a disposizione tutti saturi o quasi. Un quadro esaustivo è atteso dagli studi avviati dalla Sezione cantonale della logistica, responsabile dell’edilizia scolastica, nei comprensori di Bellinzonese, Locarnese e Luganese. Per la nostra regione nulla è stato deciso, ma per la zona sud che va da Cadenazzo a Giubiasco e da Gudo a Monte Carasso iniziano a circolare alcune ipotesi. 

Se ci fosse la luna...

Andiamo con ordine partendo da nord, dal progetto di ampliamento delle Medie di Castione elaborato dall’architetto Edy Quaglia, battezzato ‘Se ci fosse la luna si potrebbe cantare’ e osteggiato da due ricorsi pendenti dal 2018 davanti al governo cantonale contro la modifica di Piano regolatore e il credito di progettazione votati dal Consiglio comunale di Arbedo-Castione. Ricorsi firmati dall’Associazione per il miglioramento ambientale di Castione (Amica): il primo con l’appoggio di una cinquantina di confinanti preoccupati per l’impatto che il previsto nuovo edificio di 200 metri e alto 12 e mezzo, ma con tutto il pianterreno aperto, potrebbe avere sulle loro abitazioni; nel secondo caso criticando lo stanziamento di 630mila franchi necessari all’allestimento del progetto definitivo della prima tappa di competenza comunale – ritenuta urgente dal Municipio e anche dal Cc espressosi all’unanimità – dove troverebbero spazio quattro nuove sezioni di asilo e una mensa. La perdurante situazione di stallo (vedi ‘laRegione’ del 18.01.2021) ha indotto la Sezione della logistica ad avviare l’approfondimento di due alternative qualora il progetto di Castione venisse affossato dal governo o proseguisse la via ricorsuale davanti al Tribunale amministrativo cantonale allungando oltremodo i tempi. Una variante prevede la costruzione di una nuova Scuola media in un luogo imprecisato fra Bellinzona e Claro e la demolizione dell’attuale edificio di Castione; l’altra il risanamento della vecchia struttura castionese diminuendone la capienza. In entrambi i casi una parte degli allievi di Arbedo-Castione e Lumino oggi iscritti a Castione dovrebbero recarsi in una sede più lontana. Ovvero: nell’ipotetica nuova sede indicata fra Bellinzona e Claro, oppure alle Medie 2 di Bellinzona Nord frequentate anche dai ragazzi di Monte Carasso.

A volte ritornano

In questo caso, ma anche senza tale ipotesi, sembra rafforzarsi la necessità di potenziare l’offerta anche nella parte sud di Bellinzona. Tuttavia non nella sede di Bellinzona 1 (non ampliabile essendo monumento protetto) e nemmeno in quella di Giubiasco essendo già la più capiente del Ticino. Da qui la ricerca di alternative. Fra le ipotesi dell'ultima ora spicca quella del Seghezzone di Giubiasco, ipotesi che rischia di rovinare (o modificare) i piani della Città di Bellinzona: situata sulla sponda destra del fiume Morobbia fra la golena e via al Piano, l’area verde di 34’500 metri quadrati di proprietà del Consorzio correzione fiume Ticino ospita talvolta carovane di nomadi svizzeri e dal 2001 è soggetta a diritto di superficie per la durata di 99 anni a favore del Cantone che versa annualmente al Consorzio 90’000 franchi. Diritto istituito quando il Consiglio di Stato intendeva realizzarvi il nuovo Comando della Polizia cantonale il cui costo ipotizzato, raggiunti i 45 milioni di franchi, aveva indotto il governo a optare nel 2007 per soluzioni alternative ma non per forza meno onerose (Centrale comune d’allarme e Polizia Scientifica realizzate all’ex Arsenale delle Semine; altri servizi inseriti nell’ex Pretorio cittadino il cui cantiere è iniziato questa estate). Diritto di superficie che il Gran Consiglio, su richiesta governativa, ha estinto a fine 2012, ma che rimane tutt’oggi valido (il Cantone continua a versare 90’000 franchi l’anno) fino a quando sarà formalizzato un nuovo diritto di superficie a favore di un terzo ‘superficiario’ che potrebbe essere appunto la Città di Bellinzona e, insieme ad essa, una ditta della zona. D’altronde il Cantone potrebbe anche tornare sui propri passi e confermare l’interesse a usare il Seghezzone per proprie infrastrutture, per l'appunto una nuova Scuola media.

Scuola e Pronto intervento insieme?

Ma il Seghezzone, che a Piano regolatore figura come zona Ap/Ep per attrezzature ed edifici pubblici, da un anno è finito sotto la lente della Città che medita di realizzarvi la propria Centrale di pronto intervento riunendo in un’unica struttura Pompieri, Croce Verde, Protezione civile e Azienda multiservizi (non la Polizia comunale che resterebbe dov’è ora). A fare da capofila è l’Amb che ha recentemente incaricato uno studio tecnico d'indicare il corretto inserimento della cubatura di ciascuna componente. Quanto alla ditta della zona, un ricorso inoltrato due anni fa al Tram dalla Città medesima chiede di arricchire il vasto terreno di una componente artigianale/industriale, così come pianificato prima dell’aggregazione dall’ex Municipio di Giubiasco per spostarvi l’Edilcentro Wullschleger situato a ridosso della zona abitata in via del Tiglio e incendiatosi nel 2013; soluzione mista tuttavia osteggiata dal ricorso di un privato che in prima battuta aveva ottenuto ragione dal Consiglio di Stato, il cui giudizio come detto è stato impugnato dalla Città davanti al Tram (con scarse, a quanto pare, possibilità di riuscita). Sempre per realizzare la Centrale di pronto intervento, ricordiamo, la Città aveva inizialmente posato gli occhi su un terreno non distante situato lungo l’autostrada e di proprietà dell’Ufficio federale delle strade; approfittando del diritto di prelazione concessogli, il Cantone lo ha esercitato intendendo realizzarvi un’area di sosta per i nomadi fino a oggi, come detto, alloggiati al Seghezzone. 

C'era una volta Monte Carasso

Ora, non è dato sapere se il Cantone intenda effettivamente edificare una nuova Scuola media al Seghezzone; ha comunque segnalato a taluni servizi della Città un eventuale interesse in tal senso. Ma non è la sola opzione: negli anni passati i fari si erano infatti già posati (e sembrano esserlo tutt’oggi) anche sull’altro lato del fiume Ticino dove il Patriziato di Monte Carasso è proprietario di un vasto prato situato al confine fra Sementina e Monte Carasso, accanto alla residenza Morenal. Il Patriziato si vedrebbe onorato di poter contribuire a risolvere una necessità di edilizia scolastica, considerando anche il circostante tessuto residenziale affamato di posteggi (ipotesi: prevedere sotto la scuola un’autorimessa pubblica) e la possibilità di accogliere gli allievi di Monte Carasso (che oggi frequentano le Medie 2 di Bellinzona Nord), Sementina (diretti alle Medie di Giubiasco) e forse anche Gudo (l’attuale sede di riferimento è Cadenazzo, pure confrontata con una carenza di spazio). Stando a nostre informazioni né i vertici patriziali, né quelli del Consorzio correzione fiume Ticino, sono stati per il momento contattati dalla Sezione della Logistica. Se son rose, fioriranno.

Leggi anche:

Per le Medie di Castione ‘si valutano soluzioni alternative’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona monte carasso pronto intervento scuola media seghezzone
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved