ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
9 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
9 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
11 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
11 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
12 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
12 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
12 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
13 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
13 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
13 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
13 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
13 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
14 ore

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
15 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
laR
 
04.09.2021 - 05:10
Aggiornamento: 15:13

Si valuta una nuova Scuola media anche a sud di Bellinzona

Il Cantone ha segnalato un eventuale interesse per il Seghezzone di Giubiasco, ambìto anche dalla Città per il suo Centro di pronto intervento

si-valuta-una-nuova-scuola-media-anche-a-sud-di-bellinzona
Il terreno giubiaschese del Seghezzone, oggi area di sosta dei nomadi svizzeri

Non solo a nord di Bellinzona nella zona che va fino a Claro, ma anche a sud della capitale il Cantone sta verificando l’ipotesi di costruire una nuova Scuola media. Questo considerando che si pone la necessità di potenziare l’offerta di aule e infrastrutture connesse essendo gli spazi a disposizione tutti saturi o quasi. Un quadro esaustivo è atteso dagli studi avviati dalla Sezione cantonale della logistica, responsabile dell’edilizia scolastica, nei comprensori di Bellinzonese, Locarnese e Luganese. Per la nostra regione nulla è stato deciso, ma per la zona sud che va da Cadenazzo a Giubiasco e da Gudo a Monte Carasso iniziano a circolare alcune ipotesi. 

Se ci fosse la luna...

Andiamo con ordine partendo da nord, dal progetto di ampliamento delle Medie di Castione elaborato dall’architetto Edy Quaglia, battezzato ‘Se ci fosse la luna si potrebbe cantare’ e osteggiato da due ricorsi pendenti dal 2018 davanti al governo cantonale contro la modifica di Piano regolatore e il credito di progettazione votati dal Consiglio comunale di Arbedo-Castione. Ricorsi firmati dall’Associazione per il miglioramento ambientale di Castione (Amica): il primo con l’appoggio di una cinquantina di confinanti preoccupati per l’impatto che il previsto nuovo edificio di 200 metri e alto 12 e mezzo, ma con tutto il pianterreno aperto, potrebbe avere sulle loro abitazioni; nel secondo caso criticando lo stanziamento di 630mila franchi necessari all’allestimento del progetto definitivo della prima tappa di competenza comunale – ritenuta urgente dal Municipio e anche dal Cc espressosi all’unanimità – dove troverebbero spazio quattro nuove sezioni di asilo e una mensa. La perdurante situazione di stallo (vedi ‘laRegione’ del 18.01.2021) ha indotto la Sezione della logistica ad avviare l’approfondimento di due alternative qualora il progetto di Castione venisse affossato dal governo o proseguisse la via ricorsuale davanti al Tribunale amministrativo cantonale allungando oltremodo i tempi. Una variante prevede la costruzione di una nuova Scuola media in un luogo imprecisato fra Bellinzona e Claro e la demolizione dell’attuale edificio di Castione; l’altra il risanamento della vecchia struttura castionese diminuendone la capienza. In entrambi i casi una parte degli allievi di Arbedo-Castione e Lumino oggi iscritti a Castione dovrebbero recarsi in una sede più lontana. Ovvero: nell’ipotetica nuova sede indicata fra Bellinzona e Claro, oppure alle Medie 2 di Bellinzona Nord frequentate anche dai ragazzi di Monte Carasso.

A volte ritornano

In questo caso, ma anche senza tale ipotesi, sembra rafforzarsi la necessità di potenziare l’offerta anche nella parte sud di Bellinzona. Tuttavia non nella sede di Bellinzona 1 (non ampliabile essendo monumento protetto) e nemmeno in quella di Giubiasco essendo già la più capiente del Ticino. Da qui la ricerca di alternative. Fra le ipotesi dell'ultima ora spicca quella del Seghezzone di Giubiasco, ipotesi che rischia di rovinare (o modificare) i piani della Città di Bellinzona: situata sulla sponda destra del fiume Morobbia fra la golena e via al Piano, l’area verde di 34’500 metri quadrati di proprietà del Consorzio correzione fiume Ticino ospita talvolta carovane di nomadi svizzeri e dal 2001 è soggetta a diritto di superficie per la durata di 99 anni a favore del Cantone che versa annualmente al Consorzio 90’000 franchi. Diritto istituito quando il Consiglio di Stato intendeva realizzarvi il nuovo Comando della Polizia cantonale il cui costo ipotizzato, raggiunti i 45 milioni di franchi, aveva indotto il governo a optare nel 2007 per soluzioni alternative ma non per forza meno onerose (Centrale comune d’allarme e Polizia Scientifica realizzate all’ex Arsenale delle Semine; altri servizi inseriti nell’ex Pretorio cittadino il cui cantiere è iniziato questa estate). Diritto di superficie che il Gran Consiglio, su richiesta governativa, ha estinto a fine 2012, ma che rimane tutt’oggi valido (il Cantone continua a versare 90’000 franchi l’anno) fino a quando sarà formalizzato un nuovo diritto di superficie a favore di un terzo ‘superficiario’ che potrebbe essere appunto la Città di Bellinzona e, insieme ad essa, una ditta della zona. D’altronde il Cantone potrebbe anche tornare sui propri passi e confermare l’interesse a usare il Seghezzone per proprie infrastrutture, per l'appunto una nuova Scuola media.

Scuola e Pronto intervento insieme?

Ma il Seghezzone, che a Piano regolatore figura come zona Ap/Ep per attrezzature ed edifici pubblici, da un anno è finito sotto la lente della Città che medita di realizzarvi la propria Centrale di pronto intervento riunendo in un’unica struttura Pompieri, Croce Verde, Protezione civile e Azienda multiservizi (non la Polizia comunale che resterebbe dov’è ora). A fare da capofila è l’Amb che ha recentemente incaricato uno studio tecnico d'indicare il corretto inserimento della cubatura di ciascuna componente. Quanto alla ditta della zona, un ricorso inoltrato due anni fa al Tram dalla Città medesima chiede di arricchire il vasto terreno di una componente artigianale/industriale, così come pianificato prima dell’aggregazione dall’ex Municipio di Giubiasco per spostarvi l’Edilcentro Wullschleger situato a ridosso della zona abitata in via del Tiglio e incendiatosi nel 2013; soluzione mista tuttavia osteggiata dal ricorso di un privato che in prima battuta aveva ottenuto ragione dal Consiglio di Stato, il cui giudizio come detto è stato impugnato dalla Città davanti al Tram (con scarse, a quanto pare, possibilità di riuscita). Sempre per realizzare la Centrale di pronto intervento, ricordiamo, la Città aveva inizialmente posato gli occhi su un terreno non distante situato lungo l’autostrada e di proprietà dell’Ufficio federale delle strade; approfittando del diritto di prelazione concessogli, il Cantone lo ha esercitato intendendo realizzarvi un’area di sosta per i nomadi fino a oggi, come detto, alloggiati al Seghezzone. 

C'era una volta Monte Carasso

Ora, non è dato sapere se il Cantone intenda effettivamente edificare una nuova Scuola media al Seghezzone; ha comunque segnalato a taluni servizi della Città un eventuale interesse in tal senso. Ma non è la sola opzione: negli anni passati i fari si erano infatti già posati (e sembrano esserlo tutt’oggi) anche sull’altro lato del fiume Ticino dove il Patriziato di Monte Carasso è proprietario di un vasto prato situato al confine fra Sementina e Monte Carasso, accanto alla residenza Morenal. Il Patriziato si vedrebbe onorato di poter contribuire a risolvere una necessità di edilizia scolastica, considerando anche il circostante tessuto residenziale affamato di posteggi (ipotesi: prevedere sotto la scuola un’autorimessa pubblica) e la possibilità di accogliere gli allievi di Monte Carasso (che oggi frequentano le Medie 2 di Bellinzona Nord), Sementina (diretti alle Medie di Giubiasco) e forse anche Gudo (l’attuale sede di riferimento è Cadenazzo, pure confrontata con una carenza di spazio). Stando a nostre informazioni né i vertici patriziali, né quelli del Consorzio correzione fiume Ticino, sono stati per il momento contattati dalla Sezione della Logistica. Se son rose, fioriranno.

Leggi anche:

Per le Medie di Castione ‘si valutano soluzioni alternative’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved