ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
5 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
6 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
8 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
8 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
8 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
8 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
9 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
9 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
Mendrisiotto
9 ore

L’Ostello di Scudellate entra nella rete svizzera

La struttura aprirà i battenti il primo marzo e offrirà 24 posti letto. L’edificio, storico, è stato ampliato e rinnovato
Ticino
10 ore

Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati

Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
10 ore

Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo

Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Luganese
10 ore

Il gruppo Ps&Si Capriasca si riunisce in assemblea

L’appuntamento è per domenica 12 febbraio a Tesserete
Ticino
10 ore

Dichiarazione di fedeltà alle Leggi per Luca Federico Guastalla

La cerimonia a Palazzo delle Orsoline per il nuovo procuratore pubblico supplente nominato a titolo temporaneo in sostituzione della pp Canonica Alexakis
Ticino
11 ore

‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’

Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
11 ore

Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’

Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
11 ore

Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia

Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
morbio inferiore
11 ore

Dimissioni del vicesindaco, un subentrante entro fine mese

Il Municipio ha dato avvio alla procedura di designazione del successore di Matteo Mombelli
Locarno
12 ore

Voto ai 16enni e agli stranieri, ‘la Città cosa ne pensa?’

Lo chiedono con un’interrogazione al Municipio i consiglieri comunali dei Verdi Buzzi, Machado, Antunovic e Mileto
Mendrisiotto
13 ore

A Morbio Inferiore due giorni per festeggiare il Carnevale

L’appuntamento è per sabato 18 febbraio al campo sportivo e per domenica 19 sul piazzale della casa comunale
laR
 
24.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:00

Camorino, vertenza a sei zeri: primo round a Cantone e Ustra

AlpTransit dovrà versare 300mila franchi per la manutenzione del nuovo sottopasso. E rischia di non incassare risarcimenti per 6 milioni

camorino-vertenza-a-sei-zeri-primo-round-a-cantone-e-ustra
13 giugno 2013, giorno dell'inaugurazione: il mese successivo Cantone e Ustra andavano all'attacco di AlpTransit (Ti-Press)

Prima concreta decisione nella vertenza giudiziaria milionaria che da otto anni vede contrapposta AlpTransit San Gottardo Sa (Atg) al Cantone e all’Ufficio federale delle strade (Ustra). Oggetto del contendere: spese e vantaggi derivanti dalla costruzione, curata da AlpTransit, del nuovo sottopasso a quattro corsie di Camorino costato 30 milioni di franchi, inaugurato il 13 giugno 2013 e resosi necessario per realizzarvi sopra i due viadotti ferroviari della galleria di base del Ceneri. A esprimersi – con una decisione pronunciata il 16 agosto che rappresenta una prima nazionale mancando fino a oggi giurisprudenza in materia – è la Commissione federale di stima (13° circondario per Ticino e Grigioni italiano) presieduta dall’avvocato bellinzonese Filippo Gianoni. Il quale l’ha firmata con gli architetti Bruno Buzzini e Giorgio Ceresa che lo hanno assistito nella valutazione tecnica.

Le richieste avanzate nel 2013 e 2015

Con la decisione di una settimana fa, impugnabile con ricorso al Tribunale amministrativo federale, la Commissione di stima dà parzialmente ragione a Cantone e Ustra e piazza alcuni paletti limitanti per la causa avviata da Atg e su cui dovrà invece esprimersi l’Ufficio federale dei trasporti (Uft) trattandosi di ambiti differenti. Cantone e Ustra rivendicano infatti nei confronti di Atg un indennizzo pari a 1,3 milioni “a titolo di risarcimento delle maggiori spese di manutenzione del nuovo sottopasso” prevedibili nell’arco di cento anni. Sottopasso “considerato parte della strada cantonale che s’innesta nello svincolo autostradale”. Per contro Atg, con istanza datata 16 febbraio 2015, rivendica nei confronti del Cantone un risarcimento di 5,95 milioni “per i vantaggi derivatigli dalla realizzazione del nuovo sottopasso e per le maggiori spese causate dalle richieste miranti a un miglioramento durevole dei propri impianti”. Dal canto suo l’Uft nel maggio 2015 (con decisione confermata nel 2016 dal Taf respingendo un ricorso di AlpTransit) aveva sospeso la causa in attesa che la Commissione di stima si esprimesse sugli ambiti di propria competenza, completando la valutazione ocn indicazioni sulla questione dei vantaggi. 

Non 100 ma 20 anni

Sul fronte delle spese, la Commissione di stima ha riconosciuto un indennizzo complessivo di 300mila franchi valido per un orizzonte temporale di vent’anni, orizzonte ridotto a un quinto rispetto alla richiesta perché, sebbene un manufatto simile abbia una durata teorica di cent’anni, essa “non può essere presa in considerazione a causa della variabilità/volatilità del tasso di riferimento, della tecnologia degli impianti e di altri aspetti che non possono essere realmente valutati sulla base di previsioni attendibili”. In soldoni, 97’500 franchi andranno a favore del Cantone per il periodo che va dal 1° luglio 2013 (entrata in esercizio del sottopasso) al 31 dicembre 2019 quando la proprietà è passata ad Ustra; e 202’500 andranno a favore di Ustra per il periodo fra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2033 quando scadrà il periodo ventennale di valutazione della fattispecie. La cifra di 300mila franchi era scaturita nel corso di un’udienza svoltasi a Bellinzona l’estate scorsa, quando Atg e Cantone avevano dato il loro accordo di massima, che però è saltato quando si è trattato di discutere con Ustra la regolamentazione dei costi di manutenzione dal gennaio 2020. Successivamente (siamo al maggio 2021) Cantone e Ustra hanno confermato le rispettive richieste di risarcimento dei maggiori oneri di manutenzione.

Indennizzare senza arricchire

Motivando la propria decisione, la Commissione di stima scrive che dal punto di vista del diritto espropriativo il maggior costo di manutenzione costituisce un danno (nesso di causalità) per il quale dev’essere versato un indennizzo a copertura della reale perdita patrimoniale e senza generare arricchimento né impoverimento. In tal senso l'espropriante AlpTransit, aggiunge, risponderà delle maggiori spese qualora non siano compensate da vantaggi derivanti dai nuovi manufatti. Nel caso concreto la Commissione di stima parte dal presupposto che il nuovo  sottopasso genera costi maggiori sia per il rinnovo delle parti elettromeccaniche sia di manutenzione per rapporto alla carreggiata pianeggiante esistente in precedenza.

Solo in caso di certezza

Quanto ai vantaggi economici su cui dovrà esprimersi in seconda battuta l’Uft, un perito incaricato dalla Commissione di stima ne intravvede nelle nuove pavimentazioni e nei due nuovi raccordi sulla strada cantonale sulla strada cantonale esistente verso Bellinzona e verso Locarno, il tutto per complessivi 2 milioni di franchi. Riguardo agli innesti il perito “ipotizza che possano” rappresentare un certo vantaggio a favore del Cantone. Tuttavia – annota la Commissione di stima – gli interventi hanno avuto per oggetto proprietà comunali e non cantonali; inoltre per essere imputato, un vantaggio non può essere ipotetico ma reale e attuale: “La giurisprudenza del Tribunale federale ritiene che i danni futuri riconducibili all'espropriazione possono essere indennizzati solo se sussiste un elemento di certezza o sono altamente verosimili”. Perciò in assenza di certezze, scrive la Commissione di stima, “non vi sono le condizioni per riconoscere vantaggi di sorta”.

Pavimentazione, acque ed edificio tecnico

Idem per la nuova pavimentazione del sottopasso, che il perito non ha inserito tra i vantaggi a favore del Cantone da una parte rientrando nel capitolo delle opere necessarie e indispensabili per realizzare il progetto AlpTransit, dall’altra perché la precedente pavimentazione presente nel vecchio tratto in superficie e realizzata nel 2000/2005 era, secondo il perito, in uno stato soddisfacente e non necessitava di essere rifatta. Nessun vantaggio viene poi riconosciuto per il nuovo sistema di evacuazione delle acque “essendo direttamente riconducibile alla realizzazione del sottopasso e alle rampe di accesso e al fatto che il nuovo campo stradale è in trincea e quindi ben al disotto del piano di campagna”, mentre in precedenza le acque erano evacuate mediante infiltrazione laterale con un sistema che “avrebbe dovuto essere modificato solo nel medio-lungo termine”. Stessa conclusione per l’edificio tecnico realizzato in Tirada: “Il fatto che la gestione dell'illuminazione, della stazione pompe e della segnaletica sia stata spostata all'esterno del sottopasso non può essere ritenuto un vantaggio trattandosi di una diversa gestione e collocazione delle componenti tecniche e il locale di manutenzione è da considerare come un impianto che fa parte a tutti gli effetti del sottopasso”. Infine, secondo la Commissione di stima “neppure possono essere riconosciuti particolari vantaggi per la quota parte di costi di manutenzione legati alla bretella cantonale Lugano-Locarno”.

Verso il no

Proprio in materia di vantaggi – scriveva già a suo tempo il Taf respingendo un ricorso di AlpTransit contro la sospensione della procedura decisa dall’Uft – il giudizio della Commissione di stima “avrà sicuramente un’influenza determinante su quello dell’Uft”. In pratica le pretese di AlpTransit saranno respinte in presenza di “vantaggi per il Cantone inferiori a quanto stimato da Atg”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved