ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano

La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
3 ore

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
5 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
5 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
6 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
6 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
7 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
7 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
18.08.2021 - 16:07
Aggiornamento: 18:05

Bodio, concorso per riqualificare l’area della Vecchia Biaschina

I gruppi interessati alla preselezione sono invitati a presentare le proprie candidature all’Azienda elettrica ticinese entro venerdì 3 settembre

bodio-concorso-per-riqualificare-l-area-della-vecchia-biaschina
La centrale idroelettrica nella zona industriale (foto: Mattei/archivio Aet)

L’Azienda elettrica ticinese (Aet) ha indetto un concorso di progetto per la riqualifica dell’area della sua (ex) centrale idroelettrica Vecchia Biaschina nella zona industriale di Bodio. “Il termine per la domanda di partecipazione alla fase di prequalifica scade il prossimo 3 settembre”, si legge in un comunicato. Il progetto prevede la sistemazione dell'intera area, con il rinnovo di stabili storici, nuove edificazioni e la valorizzazione di tutti gli spazi esterni. Il concorso è destinato a gruppi di lavoro interdisciplinari composti da architetti, ingegneri e specialisti nell’ambito delle costruzioni. Il bando è stato pubblicato sul Foglio ufficiale del Cantone Ticino lo scorso 30 luglio ed è consultabile sul sito simap.ch (Concorso di progetto per gruppo mandatario interdisciplinare, con procedura selettiva, per la progettazione del riordino comparto Aet di Bodio). “AET auspica con questo concorso di dar vita a un progetto che sappia valorizzare l’eredità storica del luogo, coniugandola  con le esigenze dei suoi attuali utenti”.

Progetto volto a completare l’opera di riqualifica del comparto

“Costruita tra il 1906 e il 1911 e mantenuta in esercizio fino al 1988, la Vecchia Biaschina di Bodio è stata la prima grande centrale idroelettrica realizzata lungo il fiume Ticino in Leventina”, si precisa nella nota. “Attorno ad essa si è sviluppata l’area industriale della bassa valle e con il suo riscatto nel 1958 ebbe inizio la storia dell’Azienda elettrica ticinese. Oggi lo storico edificio ospita l’officina meccanica di Aet e negli stabili che lo circondano si concentra parte delle attività che l’azienda svolge in Leventina. Nel 2017 Aet ha deciso di dare un nuovo impulso al comparto insediandovi una serie di attività didattiche: il Campus formativo Bodio (centro di formazione per apprendisti creato in collaborazione con le principali realtà industriali operanti nella regione); il centro di formazione continua e per apprendisti di Elettricità della Svizzera italiana (Esi); e di recente il centro di formazione per apprendisti dell’Associazione industrie metalmeccaniche ticinesi (Ameti). Lo sviluppo delle attività didattiche è stato accompagnato dalla ristrutturazione e dall’ampliamento di alcuni stabili. Oggi l’area dispone di aule per la didattica, laboratori e una mensa in grado di soddisfare le necessità di oltre 50 studenti”. Il concorso è quindi stato indetto per “completare l’opera di riqualifica del comparto”. 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved