ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
18.08.2021 - 16:07
Aggiornamento: 18:05

Bodio, concorso per riqualificare l’area della Vecchia Biaschina

I gruppi interessati alla preselezione sono invitati a presentare le proprie candidature all’Azienda elettrica ticinese entro venerdì 3 settembre

bodio-concorso-per-riqualificare-l-area-della-vecchia-biaschina
La centrale idroelettrica nella zona industriale (foto: Mattei/archivio Aet)

L’Azienda elettrica ticinese (Aet) ha indetto un concorso di progetto per la riqualifica dell’area della sua (ex) centrale idroelettrica Vecchia Biaschina nella zona industriale di Bodio. “Il termine per la domanda di partecipazione alla fase di prequalifica scade il prossimo 3 settembre”, si legge in un comunicato. Il progetto prevede la sistemazione dell'intera area, con il rinnovo di stabili storici, nuove edificazioni e la valorizzazione di tutti gli spazi esterni. Il concorso è destinato a gruppi di lavoro interdisciplinari composti da architetti, ingegneri e specialisti nell’ambito delle costruzioni. Il bando è stato pubblicato sul Foglio ufficiale del Cantone Ticino lo scorso 30 luglio ed è consultabile sul sito simap.ch (Concorso di progetto per gruppo mandatario interdisciplinare, con procedura selettiva, per la progettazione del riordino comparto Aet di Bodio). “AET auspica con questo concorso di dar vita a un progetto che sappia valorizzare l’eredità storica del luogo, coniugandola  con le esigenze dei suoi attuali utenti”.

Progetto volto a completare l’opera di riqualifica del comparto

“Costruita tra il 1906 e il 1911 e mantenuta in esercizio fino al 1988, la Vecchia Biaschina di Bodio è stata la prima grande centrale idroelettrica realizzata lungo il fiume Ticino in Leventina”, si precisa nella nota. “Attorno ad essa si è sviluppata l’area industriale della bassa valle e con il suo riscatto nel 1958 ebbe inizio la storia dell’Azienda elettrica ticinese. Oggi lo storico edificio ospita l’officina meccanica di Aet e negli stabili che lo circondano si concentra parte delle attività che l’azienda svolge in Leventina. Nel 2017 Aet ha deciso di dare un nuovo impulso al comparto insediandovi una serie di attività didattiche: il Campus formativo Bodio (centro di formazione per apprendisti creato in collaborazione con le principali realtà industriali operanti nella regione); il centro di formazione continua e per apprendisti di Elettricità della Svizzera italiana (Esi); e di recente il centro di formazione per apprendisti dell’Associazione industrie metalmeccaniche ticinesi (Ameti). Lo sviluppo delle attività didattiche è stato accompagnato dalla ristrutturazione e dall’ampliamento di alcuni stabili. Oggi l’area dispone di aule per la didattica, laboratori e una mensa in grado di soddisfare le necessità di oltre 50 studenti”. Il concorso è quindi stato indetto per “completare l’opera di riqualifica del comparto”. 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved