STRICKER D. (SUI)
SANDGREN T. (USA)
21:30
 
un-impianto-fotovoltaico-sul-muraglione-a2-di-camorino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
43 min

Lugano, ‘i giovani vengono ascoltati’

Il Municipio assicura il loro coinvolgimento, mantiene attivi i canali di comunicazione e annuncia la possibile riattivazione del Parlamento
Mendrisiotto
45 min

Mendrisio riapre lo Sportello energia

In presenza o a distanza per saperne di più su vettori e impianti efficienti e sul mercato
Bellinzonese
1 ora

‘Pensare in grande altrimenti la Bassa Leventina resterà debole’

Il sindaco di Pollegio Igor Righini ribadisce la contrarietà alla fusione. ‘Per contare davvero qualcosa serve un Comune unico delle Tre Valli’
Luganese
1 ora

Campione d’Italia, il casinò apre ai residenti

Venerdì pomeriggio alle 16 i residenti del Comune e i cittadini Aire potranno accedere alla casa da gioco che riaprirà mercoledì
Ticino
2 ore

‘BancaStato abbandoni gli investimenti nelle energie fossili’

Lo chiede il collettivo Campo Climatico che questa sera ha tenuto una breve manifestazione a Bellinzona davanti a Palazzo delle Orsoline
Luganese
2 ore

Aggregazione Malcantone est, Cademario in sala d’attesa

Si è risolto in un nulla di fatto l’incontro con il Dipartimento delle istituzioni: la palla torna ai Comuni di Aranno, Bioggio, Neggio e Vernate
Mendrisiotto
3 ore

Cataloghi civici di Mendrisio, ricorso al Consiglio di Stato

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani chiede di modificarli perché sono stati pubblicati incompleti
Bellinzonese
3 ore

Airolo-Lüina, un pomeriggio sugli sci rivolto ai più piccoli

TiSki e la Scuola Svizzera di Sci di Airolo-S. Gottardo hanno confermato per il 2 febbraio il Raiffeisen Kids Ski Day, nonostante lo scarso innevamento
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, sedute commissionali anche a distanza

Il Municipio si dice favorevole. Ma prima di modificare il Regolamento comunale, si attenderanno le indicazioni cantonali
Locarnese
3 ore

Gordola, intervento alla rete causerà interruzione di corrente

Interruzione dell’erogazione energetica mercoledì 26 gennaio, dalle 8 alle 11.15 e dalle 13.15 alle 15
17.08.2021 - 12:210
Aggiornamento : 19.08.2021 - 17:19

Un impianto fotovoltaico sul muraglione A2 di Camorino

Amb e Ustra intendono realizzarlo dopo aver scartato l'ipotesi dei nuovi pannelli fonoassorbenti previsti sul tratto autostradale cittadino più a nord

a cura de laRegione

Non sui nuovi pannelli fonoassorbenti previsti nel tratto autostradale bellinzonese di oltre un chilometro fra il cavalcavia di via Lepori e l’area autostradale di Bellinzona Nord, bensì sul muraglione di calcestruzzo sorto negli anni recenti allo svincolo dell’A2 di Camorino. È qui che l’Azienda multiservizi di Bellinzona (Amb) e l’Ufficio federale delle strade (Ustra) intendono posare un nuovo impianto fotovoltaico. Lo spiega il Municipio cittadino rispondendo a un’interrogazione della consigliera comunale Lisa Boscolo (Unità di sinistra) che a sua volta riprendeva analoghe sollecitazioni portate avanti l'anno scorso dal consigliere nazionale Bruno Storni e anche dal Ppd sul piano cantonale. Amb – scrive l’esecutivo – è convinta che talune tratte sull’asse autostradale siano idonee alla posa d'impianti solari e d’intesa con Ustra intende considerare questa possibilità già in fase di progettazione di eventuali future nuove tratte di ripari fonici. Scartato – per vari motivi che diremo dopo – il tratto cittadino, l'opzione Camorino prevede la posa su mezzo chilometro di una fila di moduli fotovoltaici per una potenza totale di circa 180 KWp. Al momento Amb sta verificando gli aspetti formali con Ustra (permessi, limitazioni, ecc.) per poter procedere “appena possibile” con la sua realizzazione. A ogni modo Municipio e Amb ribadiscono la “volontà, dati i criteri di efficienza, di sostenere proattivamente lo sviluppo dell’energia fotovoltaica sul territorio”.

Criticità insormontabili

Quanto al chilometro abbondante di nuovi pannelli fonoassorbenti, Amb l’anno scorso ha svolto uno studio di fattibilità. Come scrivevamo lo scorso 17 aprile evidenziando il pollice verso, nella parte centrale il confine fra la proprietà Ustra e il Consorzio correzione fiume Ticino è in corrispondenza delle pareti foniche, mentre nella parte iniziale e finale la proprietà Ustra si estende oltre la parete fonica. Perciò era stata ipotizzata la posa dei moduli in verticale per 650 metri, mentre per i rimanenti 450 i moduli sarebbero stati posizionati con un’inclinazione di 60 gradi comportando una sporgenza di 112 centimetri. Lo studio, riassume il Municipio, ha evidenziato diverse criticità: l’orientamento delle pareti foniche non è ideale da un punto di vista dell’irradiazione solare, in particolare nel caso di una posa verticale; l’allacciamento dell’impianto alla rete elettrica, previsto in corrispondenza di due distinti punti di consegna, comporta la realizzazione di una nuova tratta di rete in bassa tensione, in quanto Amb non dispone nelle vicinanze di infrastrutture adatte; rispetto a un impianto installato sul tetto di un edificio, l’impossibilità di scegliere inclinazione e orientamento ottimali dei moduli penalizza la produzione annua a parità di potenza nominale installata; inoltre lo sviluppo su una lunghezza superiore a un km implica una ridotta densità energetica, con conseguente maggiore lunghezza e complessità dei cablaggi. E soprattutto il consorzio reputa che l’installazione dell’impianto risulti d’intralcio sia per le operazioni di sfalcio, sia per il ripristino degli argini a seguito dell’erosione del fiume o di forti precipitazioni; operazioni effettuate con l’ausilio di macchinari di grandi dimensioni che comporterebbero di conseguenza un elevato rischio di danneggiamento dei moduli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved