bagno-pubblico-di-bellinzona-persi-oltre-60mila-franchi
Clima poco favorevole (Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
4 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
4 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
4 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
4 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
4 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
5 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
6 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
6 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
6 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
7 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
7 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
7 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
8 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
8 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
8 ore

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
8 ore

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
laR
 
29.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:11

Bagno pubblico di Bellinzona, persi oltre 60mila franchi

Le condizioni meteorologiche non favorevoli da fine giugno a metà luglio hanno generato un calo delle entrate, sia finanziarie sia numeriche

Il calo dei visitatori dovuto al clima sfavorevole costa caro al Bagno pubblico di Bellinzona. «Il periodo di pioggia e di maltempo che si è protratto da fine giugno a circa metà luglio ha portato a un calo delle entrate di oltre 60mila franchi rispetto allo stesso periodo del 2019», conferma a ‘laRegione’ il capodicastero Finanze, economia e sport Fabio Käppeli, precisando che i dati non sono paragonabili con quelli dell’estate scorsa, viste le restrizioni che erano in vigore per combattere la diffusione del coronavirus e il relativo timore della popolazione a recarsi in luoghi affollati. «In tre settimane abbiamo perso il 15% dell’incasso annuo». Infatti, tra metà giugno e metà luglio «solitamente registriamo la maggior parte delle entrate», sottolinea. Le prospettive non sono dunque rosee, anche se la speranza è l’ultima a morire: «Magari quest’anno sarà diverso e ad agosto avremo il pienone, ma negli scorsi anni non è stato così». Si dovrà anche fare affidamento sul meteo che in questi giorni è tutt’altro che favorevole per recarsi in piscina: «Una variabile che purtroppo però non possiamo controllare».

10‘000 visitatori in meno

La stagione in realtà non è iniziata male: dall’apertura del Bagno pubblico a metà maggio fino alla fine di giugno «le entrate (24’000) sono state in linea con quelle del 2019», afferma Käppeli. Poi, però, a causa del brutto tempo che ha caratterizzato almeno tre weekend, dal 26 giugno al 18 luglio «abbiamo registrato 10’000 entrate in meno rispetto a due anni fa: sono infatti state 36’000 quest’anno e 46’000 nel 2019». I mancati introiti in questo periodo ammontano così a 62mila franchi (73mila franchi contro i 135mila del 2019 quando i ricavi totali per l’intera stagione sono stati pari a 422mila franchi). A ciò va poi aggiunto che «storicamente a metà luglio raggiungiamo il 70% delle entrate finanziarie e il 60% di quelle numeriche di tutta la stagione. Sarà quindi difficile recuperare anche con il bel tempo», precisa il municipale. La speranza è che in agosto si possano ancora registrare numeri importanti, come accaduto durante un weekend a metà giugno, nel quale, un po’ a sorpresa, i visitatori sono giunti in massa (oltre 4’000, un record per quest’anno). In ogni caso il 2021 «rappresenta un’eccezione se paragonato agli ultimi dieci anni. Anni nei quali il meteo è stato favorevole, generando entrate sia in termini finanziari, sia numerici costantemente su alti livelli». Käppeli ricorda poi che i risultati finanziari dell’ente autonomo Bellinzona Sport «dipendono molto anche dalle entrate registrate al Bagno pubblico. Entrate che purtroppo calano in caso di brutto tempo, sul quale non abbiamo alcun controllo».

Chiusura forzata per il maltempo

Il periodo di tempo non ideale per recarsi in piscina che ha caratterizzato le prime settimane di luglio ha raggiunto il suo apice (o punto più basso) l’8 luglio quando su Bellinzona (e non solo) si è abbattuta un’ondata di maltempo caratterizzata da forti piogge, raffiche di vento e grandine che ha generato numerosi disagi e ingenti danni. Danni registrati anche al Bagno pubblico di Bellinzona che ha dovuto rimanere chiuso per un’intera mattinata: «Siamo stati costretti a effettuare lavori di ripristino a seguito degli importanti danni causati dal maltempo», precisa Käppeli. «Un lavoro intenso effettuato dai dipendenti di Bellinzona Sport in tempi celeri che ha permesso di ripristinare la fruibilità delle piscine (nelle quali sono finiti detriti, sporcandole), riportando la struttura nelle migliori condizioni. E in effetti, grazie al loro impegno, attualmente le condizioni del prato e delle piscine sono ottime. La struttura è quindi pronta ad accogliere tutti coloro che vogliono andare in piscina a rinfrescarsi o a fare sport». Ovviamente se il tempo lo permetterà.

Nessuna lamentala sui corsi di nuoto

Tra il 21 giugno e il 2 luglio si sono anche svolti i tradizionali corsi di nuoto che nelle scorse settimane hanno pure fatto discutere la politica, visto l’aumento dei prezzi per bambini e ragazzi con più di sette anni (per dieci giornate da 50 a 80 franchi per i domiciliati). «Innanzitutto – ribadisce Käppeli – per i bambini sotto i 7 anni c’è stata una diminuzione di prezzo [da 120 a 80 franchi per i domiciliati e a 100 per i non domiciliati, ndr]. E questi ultimi rappresentano il 70% dei partecipanti. Inoltre, i prezzi sono in linea con quelli di altre città ticinesi che offrono corsi di qualità come i nostri. Ricordo che ora abbiamo monitori esperti che seguono gruppi di dieci bambini», mentre in precedenza erano tra i 15 e i 20. A ciò va poi aggiunto che, a differenza del passato, «sono stati formati gruppi non solo in base all’età, ma anche secondo il livello di competenza. E ciò ha permesso di rendere l’apprendimento del nuoto più efficiente». In sostanza «non abbiamo ricevuto lamentele, ma solo feedback positivi da parte delle famiglie». Corsi di nuoto – per i quali è stato raggiunto il numero massimo (imposto dalla pandemia) di iscrizioni – che fortunatamente non hanno avuto ripercussioni legate al clima sfavorevole: «Il brutto tempo arrivava solitamente nel pomeriggio o in serata, mentre i corsi si sono tenuti al mattino. In alcuni giorni faceva magari un po’ freddo, ma i corsi si sono potuti tenere regolarmente», sottolinea il capodicastero Finanze, economia e sport.

Scivolo per bimbi chiuso almeno fino all’anno prossimo

Un’altra questione che riguarda il Bagno pubblico di Bellinzona è lo scivolo per bambini piccoli che attualmente è chiuso «per motivi di sicurezza», spiega Käppeli. Infatti, in passato si sono verificati alcuni incidenti, non gravi, ma risulta comunque necessario effettuare dei lavori per metterlo in sicurezza. «Interventi che devono essere consoni a un’infrastruttura protetta come bene culturale quale è il complesso del Bagno pubblico». Il Municipio sta quindi «lavorando a una soluzione d’intesa con gli architetti che hanno realizzato il bene pubblico e l’Ufficio beni culturali per permettere l’utilizzo dello scivolo già dalla prossima stagione estiva». Soluzioni che dovranno essere concretizzate in autunno e poi implementate. Verosimilmente, a meno di eventuali ostacoli che non sono da escludere essendo l’infrastruttura un bene protetto, lo scivolo potrà dunque nuovamente essere agibile in vista dell’apertura del Bagno pubblico di Bellinzona nel 2022. Sperando anche che il meteo possa essere un po’ più clemente di quest’anno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bagno pubblico bellinzona meteo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved