funghi-velenosi-attenzione-agli-esperti-online
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
13 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
14 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
20 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
22 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
laR
 
31.07.2021 - 05:30

Funghi velenosi, attenzione agli ‘esperti’ online

Il problema delle 'consulenze' su Facebook. Il presidente della Vapko avverte: 'Attenzione, pratica molto pericolosa, il fungo dev'essere visto dal vivo'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Ciao a tutti, non sono esperto di funghi e ho trovato questo. Sapete dirmi cos’è e se si può mangiare?”. Con lo spuntare dei primi funghi in Ticino e soprattutto nei Grigioni, in questi giorni nelle pagine Facebook dedicate agli appassionati iniziano a fioccare anche le prime domande riguardo al proprio raccolto. Sulla pratica di chiedere un parere online, soprattutto riguardo alla commestibilità o meno di un fungo, tramite fotografie, mette però severamente in guardia Francesco Panzini, presidente dell’Associazione degli organi ufficiali di controllo dei funghi (Vapko) della Regione Svizzera italiana. «È una pratica molto pericolosa – tiene a precisare l’esperto –, non si può mangiare un fungo dopo aver ricevuto un parere online da qualcuno che ha visto il fungo solo in fotografia; tra l’altro nemmeno noi, come controllori Vapko, possiamo dare pareri basandoci su immagini, è assolutamente vietato». Il fungo, osserva l’intervistato, bisogna vederlo fisicamente, perché molti possono essere confusi. Ad esempio, spiega Panzini, «la tignosa di primavera (Amanita verna), fungo tossico mortale al pari dell’Amanita falloide, di primo acchito può somigliare a un comune prataiolo commestibile, anche se di fatto vi sono differenze sostanziali, ma è comunque possibile confonderli. Lo stesso discorso vale per la falloide bianca, che è rara e in un primo momento può sembrare un fungo innocuo del genere agaricus». Questo tipo di confusione «non perdona e se questi funghi vengono ingeriti hanno quasi sempre esito letale per l’uomo e nel caso che l’avvelenato sopravviva, lo costringe in genere all’emodialisi a vita o al trapianto di fegato», commenta l’esperto. Va detto che alcune pagine online ben specificano nelle regole del gruppo che è vietato chiedere un parere sulla commestibilità di un fungo “poiché potrebbe essere molto pericoloso se fatto tramite foto”. Indicazione che però non è presente nel regolamento di tutte le pagine di questo genere e che contano spesso migliaia di iscritti. Il consiglio del nostro interlocutore è dunque quello di rivolgersi, annunciandosi per telefono, a uno dei 36 controllori della Vapko operativi sul territorio ticinese (sul sito www.vapko.ch si possono trovare i controllori a disposizione nelle proprie vicinanze). Quanto alla nostra regione vi è la possibilità di contattare il Gruppo micologico Bellinzonese e valli per richiedere informazioni.

Il problema delle app

Un’altra tendenza che preoccupa Panzini è l’utilizzo delle applicazioni per telefonino che sulla base di fotografie indicano in quale specie ci si è imbattuti. È vero che solitamente l’app stessa avvisa che l’indicazione può non essere attendibile e per ogni immagine propone più tipi di fungo (talvolta addirittura una decina). «Se queste indicazioni, peraltro molto vaghe, vengono impiegate per stabilire la commestibilità del fungo o meno ecco che può essere molto pericoloso», avverte. «Importante è non affidarsi a queste app, finché le si usano per determinare di che fiore si tratta è un conto, ma quando si tratta di funghi bisogna fare molta attenzione».

Intossicazioni: Tenere d'occhio i bambini piccoli

L’anno scorso in Svizzera sono stati registrati circa 700 casi di avvelenamento da funghi (cifra molto alta ma comunque in linea con l’anno precedente), tra cui due gravi da amanita muscaria e amanita pantherina. Di queste chiamate circa 350 erano per intossicazione di adulti, il resto per bambini o animali, perlopiù cani, che hanno ingerito funghi velenosi. «I bambini piccoli infatti spesso trovano i funghi nei prati e nei parchi e li mettono in bocca», spiega Panzini. Tra i possibili funghi velenosi, si possono trovare quelli che contengono la tossina letale denominata amatossina/amanitina (veleno dell’Amanita falloides) che può provocare un danno epatico grave. Il passo più importante è l’esclusione o la conferma di un’intossicazione da amatossine. In generale, chi presenta sintomi da intossicazione deve chiamare il 144 o il 145 (Tox Info Suisse) e seguire le indicazioni. Tox Info Suisse registra quasi ogni anno fino a 8 avvelenamenti dovuti all’amanita falloide, un fungo a lamelle.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
francesco panzini funghi velenosi grigioni micologica bellinzona ticino vapko
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved