investimento-mortale-di-gudo-negligenza-o-impatto-inevitabile
La donna è stata sbalzata a 6-7 metri di distanza dall'impatto (Rescue Media)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
2 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
2 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
3 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
3 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
3 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
3 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
3 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
3 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
4 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
4 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
4 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
4 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
4 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
4 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
5 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
22.07.2021 - 13:12
Aggiornamento : 16:35

Investimento mortale di Gudo, negligenza o impatto inevitabile?

In aula la tragedia avvenuta nel gennaio 2019 sulla strada cantonale: una 67enne era stata travolta da una Mercedes nei pressi di un passaggio pedonale

Un impatto inevitabile oppure causato della negligenza del conducente? Questo il nodo che la Corte delle assise correzionali di Bellinzona è chiamata a sciogliere per decidere il verdetto sul conto del 56enne comparso oggi alla sbarra con l'accusa di omicidio colposo. Il caso riguarda l'investimento con esito mortale avvenuto a Gudo, sulla strada cantonale, la sera del 19 gennaio 2019. Erano da poco passate le 19 quando, appena uscita dal ristorante Cottini, una 67enne cittadina svizzera è stata investita mentre stava attraversando sul passaggio pedonale. Un suv Porsche proveniente da Sementina si era invece fermato per fare attraversare la signora, mentre la Mercedes guidata dall'imputato che sopraggiungeva da Cugnasco l’ha travolta centrandola con l’angolo anteriore sinistro. Violentissimo l'impatto, tenendo conto che il 56enne circolava a circa 40km/h. La donna è stata sbalzata a circa 6-7 metri di distanza dal punto di collisione. Malgrado il prodigarsi dei soccorritori, è morta poco dopo all'ospedale a causa delle gravi ferite riportate (in particolare un trauma cranico). Di origini svizzerotedesche, si era stabilita a Gudo nel 2012. Vedova, viveva da sola col proprio cagnolino a una ventina di metri dal luogo dell’investimento. Un tragitto, quello verso la strada cantonale e il passaggio pedonale presso il quale è stata investita, che percorreva spesso. 

L'accusa: 'Ha reagito, ma avrebbe dovuto fare di più'

«Si tratta di un duplice dramma: per la famiglia della vittima e per quella dell'imputato, il quale dovrà convivere ogni giorno con questa tragedia», ha esordito durante la sua requisitoria il procuratore pubblico Roberto Ruggeri, che ha ricordato come per tali disgrazie possa bastare una frazione di secondo, una piccola distrazione. È vero che la donna aveva un ingente quantitativo di alcol nel sangue, ha attraversato la strada in obliquo con passo sostenuto (non esattamente sul passaggio pedonale) e che il 56enne circolava a una velocità ben al di sotto del limite consentito di 50 km/h, ma secondo l'accusa l'orario (certamente favorevole per l'adiacente ristorante), la conformazione della strada e la presenza del passaggio pedonale avrebbe dovuto indurre l'imputato a circolare a una velocità più ridotta. «La sua reazione può essere considerata tempestiva, ma un'andatura più blanda avrebbe permesso una reazione anticipata – ha affermato il pp Ruggeri –. L'imputato avrebbe potuto fare di più: conosce bene quella strada, ha visto l'altra macchina rallentare e doveva immaginare che qualcuno poteva uscire dal ristorante e attraversare la carreggiata». Secondo la Legge federale sulla circolazione stradale, ha continuato il pp, «il conducente deve sempre prevedere con ampio margine eventuali ostacoli sulla strada. In quella situazione avrebbe dovuto capire che poteva esserci una situazione di pericolo». Per avere una possibilità di evitare l'impatto, ha continuato Ruggeri citando la perizia agli atti, l'imputato avrebbe dovuto circolare a una velocità non superiore a 34km/h. «La Porsche andava a 20km/h. Certo, anche per il fatto che stava cercando parcheggio, ma il conducente è comunque stato attento». Per il pp gli elementi per la condanna sono superiori a quelli per l'assoluzione. Tenuto conto delle circostanze, ha chiesto una pena pecuniaria di 9'600 franchi sospesa con la condizionale per due anni. 

La difesa: 'Corresponsabilità determinante'

«Era sobrio, circolava sotto il limite di velocità come da sua abitudine, non andava di fretta, non era al telefono. Guardava la strada e non aveva altre distrazioni». La vittima, ha continuato durante la sua arringa l'avvocato difensore Letizia Vezzoni, «è invece uscita a passo sostenuto dal cancello del ristorante, non ha nemmeno rallentato quando è arrivata sul ciglio della strada. Ha guardato a destra ma non a sinistra, da dove proveniva il mio assistito». Per la difesa lo stato psicofisico della donna è un elemento determinante. «Una modalità d'immissione sciagurata. È innegabile la sua corresponsabilità». 

La vittima, ha continuato l'avvocato Vezzoni, ha impiegato poco più di due secondi dal cancello al punto d'impatto. «L'investimento era inevitabile. Non è sostenibile dire che la reazione doveva arrivare prima. Avrebbe dovuto andare a passo d'uomo per fermarsi in tempo. Il pedone non era visibile, anche a causa dei fari della Porsche. La perizia, infatti, non dice che sicuramente avrebbe evitato l'impatto se avesse viaggiato a una velocità non superiore a 34km/h». Sottolineando il peso morale per il suo assistito, Vezzoni ha chiesto il proscioglimento dall'accusa di omicidio colposo. 

‘Vivrò per sempre con questo peso’

«Perché non ha visto la donna?», ha chiesto all'imputato il giudice Amos Pagnamenta. «Forse i fari molto forti della Porsche mi hanno dato fastidio. Ho visto la signora all'ultimo momento. Mi dispiace per quello che è successo: ancora una volta rinnovo le mie condoglianze a tutti quelli che la conoscevano. Vivrò il resto della mia vita con questo peso».

La sentenza sarà pronunciata oggi pomeriggio. 

Insidie note di quel tratto di strada

Caratterizzato da 16mila passaggi veicolari al giorno, il tratto di strada cantonale in questione presenta alcune insidie su cui le autorità locali si erano già chinate in passato. A Gudo sono infatti in molti a ritenere che il tratto limitato a 50 km/h presenti seri rischi per chi si sposta a piedi (nonostante la presenza di tre passaggi pedonali). Una prima motivazione giunge dal fatto che la strada in questione si trova fra due tratti con limite a 80 km/h, inducendo non pochi automobilisti e motociclisti a entrare a velocità sostenuta nell’abitato. Inoltre c’è chi ritiene insufficiente l’illuminazione lungo l’intero tratto a 50 km/h e soprattutto a ridosso delle strisce. 

Leggi anche:

Gudo, investimento con esito mortale

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gudo investimento mortale processo strada cantonale
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved