Detroit Red Wings
1
NAS Predators
2
2. tempo
(0-2 : 1-0)
OTT Senators
1
NY Islanders
3
2. tempo
(0-0 : 1-3)
MON Canadiens
2
TB Lightning
1
2. tempo
(0-1 : 2-0)
TOR Leafs
5
COB Jackets
1
2. tempo
(3-0 : 2-1)
BUF Sabres
0
ANA Ducks
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
STL Blues
0
FLO Panthers
1
1. tempo
(0-1)
WIN Jets
0
CAR Hurricanes
1
1. tempo
(0-1)
CHI Blackhawks
NY Rangers
02:30
 
EDM Oilers
MIN Wild
03:00
 
capanna-cremorasco-ristrutturazione-bloccata-da-un-ricorso
Kevin Cescotta
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
8 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
8 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
9 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
9 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
9 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
10 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
12 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
13 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
13 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
14 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
14 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
14 ore

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
14 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
16 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
21 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Bellinzonese
 
07.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:04

Capanna Cremorasco, ristrutturazione bloccata da un ricorso

Il patriziato di Camorino, proprietario dello stabile, non rinuncia al progetto ma torna alla carica e a ottobre l'assemblea rivoterà sul credito

Un ricorso blocca la ristrutturazione della capanna Cremorasco sui monti di Camorino ma il locale patriziato non intende rinunciare al progetto e torna alla carica. «È vero, abbiamo commesso alcuni errori formali – riconosce Pietro Ghisletta, presidente del patriziato di Camorino – ma non ci sentiamo di certo nel totale torto visto che nelle precedenti gestioni del patriziato il senso di appartenenza e volontariato sovrastavano la burocrazia e forse, se certe energie impiegate per allestire un ricorso, fossero state investite per il patriziato sarebbero state più utili. Ma non rimaniamo con le mani in mano, in autunno l’assemblea patriziale sarà chiamata a rivotare sul medesimo progetto e auspichiamo di poter in seguito iniziare con i lavori, fiduciosi anche del fatto di avere a disposizione tutti i mezzi finanziari necessari». La capanna necessita di importanti lavori di manutenzione e il patriziato, proprietario dell’edificio, si è mobilitato in questi ultimi quattro anni nella ricerca di fondi per poter sostenere finanziariamente le opere, quantificate in 233mila franchi. Fondi che sono stati raccolti, grazie ai sussidi che sono stati concessi dal Comune di Bellinzona (20mila franchi a fondo perso), dall’Ufficio per lo sviluppo economico (92mila franchi), dall’Aiuto al fondo patriziale (60mila), dalla Pro Camorino (30mila a fondo perso e 20mila a tasso agevolato). A carico del patriziato rimangono 15mila franchi, di cui 4mila di spese legali sostenute finora. Una raccolta fondi andata a buon fine, il principale scoglio sembrava dunque essere superato. Ma il 3 febbraio 2020 un membro dello stesso patriziato interpone ricorso in Consiglio di Stato contro le decisioni del 3 dicembre 2019 dell’Assemblea patriziale di Camorino che aveva approvato lo stanziamento del credito per la ristrutturazione completa della capanna.

La sentenza del Consiglio di Stato dello scorso 28 aprile accoglie il ricorso riconoscendo errori formali commessi dall’Ufficio patriziale e dalla sua Commissione della gestione di allora. In particolare la Commissione della gestione ha sbagliato la data di un rapporto: “trattasi di una chiara violazione di una formalità essenziale, la cui conseguenza è l’annullamento dell’avversata decisione assembleare patriziale”, si legge nelle motivazioni della sentenza del Consiglio di Stato. Il 26 novembre 2019 infatti, la Commissione ha trasmesso all’Ufficio patriziale una prima versione datata 25 novembre 2019 del suo rapporto senza però le firme dei suoi membri. Dopo richiesta del presidente del patriziato Pietro Ghisletta di procedere ad alcune modifiche, la Commissione ha proceduto ad allestire una nuova versione del rapporto. Ritenendo non mutata la sostanza del contenuto, è stata però mantenuta la data del 25 novembre 2019, e la nuova versione del rapporto, firmata da tutti e tre i membri della Commissione della gestione, è stata consegnata al Presidente dell’Ufficio patriziale il giorno dei lavori assembleari (3 dicembre 2019). È stata la versione consegnata il 3 dicembre 2019 a essere letta ai cittadini patrizi presenti in seduta. “Appare manifesta la violazione del termine di sette giorni per il deposito del rapporto della Commissione della gestione, poco importa che tra la prima e la seconda versione del documento non vi siano state sostanziali modifiche”, si legge nella sentenza del Governo. “Determinante è per contro il fatto che, nei termini di legge, ai cittadini patrizi non è stata data la possibilità di esaminare preventivamente il rapporto commissionale poi letto durante i lavori assembleari che, oltre a essere obbligatorio, ha quale scopo di approfondire l’oggetto così da permettere poi ai cittadini patrizi in seduta plenaria di potersi determinare con la necessaria cognizione di causa”, viene spiegato nella sentenza.

Il progetto di ammodernamento della capanna ha subìto una battuta d’arresto che però non sembra scoraggiare l’Ufficio patriziale di Camorino che proprio nelle scorse settimane ha scritto al ricorrente comunicandogli di accettare la decisione di prima istanza per due motivi. In primo luogo perché non vogliono ulteriormente rallentare i lavori e quindi intendono riproporre già a ottobre all’Assemblea patriziale il messaggio uguale al precedente “visto che il ricorso non contempla nessuna nota in merito al progetto”, viene spiegato nella lettera recapitata all’oppositore. Inoltre “non desideriamo investire in cause legali ulteriori risorse finanziarie, peraltro preziose per il patriziato e per rispetto dei patrizi che con molta generosità ci sostengono”. L’Ufficio patriziale invita inoltre il ricorrente a intraprendere la via del dialogo costruttivo “sempre nell’unico interesse del nostro patriziato”. Pietro Ghisletta spiega che in questi ultimi quattro anni il patriziato si è attivato nella raccolta fondi «e da un patriziato che faceva fatica a stare a galla, oggi disponiamo di una certa liquidità che ci permette di apportare i lavori alla capanna». E gli interventi di manutenzione e sistemazione da eseguire non mancano; si parte dalla sostituzione del tetto (attualmente ci sono infiltrazioni d’acqua), alla sistemazione dei muri interni e delle canne fumarie. È necessaria inoltre la sostituzione della stufa a legna esistente, della porta d’entrata e delle porte interne; il rifacimento del bagno e la sostituzione di apparecchi sanitari; la sostituzione della cucina e il rifacimento dell’impianto elettrico e dell’impianto a gas per l’acqua calda. «Questo ricorso ha rallentato i lavori ma non ci perdiamo d’animo: il ricorrente ha soltanto rinviato il progetto», conclude il presidente del patriziato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved