ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
4 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
8 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
12 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
12 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
12 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
20 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
21 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
21 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
21 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
22 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
22 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
23 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
23 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
23 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
23 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
laR
 
07.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 11:04

Capanna Cremorasco, ristrutturazione bloccata da un ricorso

Il patriziato di Camorino, proprietario dello stabile, non rinuncia al progetto ma torna alla carica e a ottobre l'assemblea rivoterà sul credito

capanna-cremorasco-ristrutturazione-bloccata-da-un-ricorso
Kevin Cescotta

Un ricorso blocca la ristrutturazione della capanna Cremorasco sui monti di Camorino ma il locale patriziato non intende rinunciare al progetto e torna alla carica. «È vero, abbiamo commesso alcuni errori formali – riconosce Pietro Ghisletta, presidente del patriziato di Camorino – ma non ci sentiamo di certo nel totale torto visto che nelle precedenti gestioni del patriziato il senso di appartenenza e volontariato sovrastavano la burocrazia e forse, se certe energie impiegate per allestire un ricorso, fossero state investite per il patriziato sarebbero state più utili. Ma non rimaniamo con le mani in mano, in autunno l’assemblea patriziale sarà chiamata a rivotare sul medesimo progetto e auspichiamo di poter in seguito iniziare con i lavori, fiduciosi anche del fatto di avere a disposizione tutti i mezzi finanziari necessari». La capanna necessita di importanti lavori di manutenzione e il patriziato, proprietario dell’edificio, si è mobilitato in questi ultimi quattro anni nella ricerca di fondi per poter sostenere finanziariamente le opere, quantificate in 233mila franchi. Fondi che sono stati raccolti, grazie ai sussidi che sono stati concessi dal Comune di Bellinzona (20mila franchi a fondo perso), dall’Ufficio per lo sviluppo economico (92mila franchi), dall’Aiuto al fondo patriziale (60mila), dalla Pro Camorino (30mila a fondo perso e 20mila a tasso agevolato). A carico del patriziato rimangono 15mila franchi, di cui 4mila di spese legali sostenute finora. Una raccolta fondi andata a buon fine, il principale scoglio sembrava dunque essere superato. Ma il 3 febbraio 2020 un membro dello stesso patriziato interpone ricorso in Consiglio di Stato contro le decisioni del 3 dicembre 2019 dell’Assemblea patriziale di Camorino che aveva approvato lo stanziamento del credito per la ristrutturazione completa della capanna.

La sentenza del Consiglio di Stato dello scorso 28 aprile accoglie il ricorso riconoscendo errori formali commessi dall’Ufficio patriziale e dalla sua Commissione della gestione di allora. In particolare la Commissione della gestione ha sbagliato la data di un rapporto: “trattasi di una chiara violazione di una formalità essenziale, la cui conseguenza è l’annullamento dell’avversata decisione assembleare patriziale”, si legge nelle motivazioni della sentenza del Consiglio di Stato. Il 26 novembre 2019 infatti, la Commissione ha trasmesso all’Ufficio patriziale una prima versione datata 25 novembre 2019 del suo rapporto senza però le firme dei suoi membri. Dopo richiesta del presidente del patriziato Pietro Ghisletta di procedere ad alcune modifiche, la Commissione ha proceduto ad allestire una nuova versione del rapporto. Ritenendo non mutata la sostanza del contenuto, è stata però mantenuta la data del 25 novembre 2019, e la nuova versione del rapporto, firmata da tutti e tre i membri della Commissione della gestione, è stata consegnata al Presidente dell’Ufficio patriziale il giorno dei lavori assembleari (3 dicembre 2019). È stata la versione consegnata il 3 dicembre 2019 a essere letta ai cittadini patrizi presenti in seduta. “Appare manifesta la violazione del termine di sette giorni per il deposito del rapporto della Commissione della gestione, poco importa che tra la prima e la seconda versione del documento non vi siano state sostanziali modifiche”, si legge nella sentenza del Governo. “Determinante è per contro il fatto che, nei termini di legge, ai cittadini patrizi non è stata data la possibilità di esaminare preventivamente il rapporto commissionale poi letto durante i lavori assembleari che, oltre a essere obbligatorio, ha quale scopo di approfondire l’oggetto così da permettere poi ai cittadini patrizi in seduta plenaria di potersi determinare con la necessaria cognizione di causa”, viene spiegato nella sentenza.

Il progetto di ammodernamento della capanna ha subìto una battuta d’arresto che però non sembra scoraggiare l’Ufficio patriziale di Camorino che proprio nelle scorse settimane ha scritto al ricorrente comunicandogli di accettare la decisione di prima istanza per due motivi. In primo luogo perché non vogliono ulteriormente rallentare i lavori e quindi intendono riproporre già a ottobre all’Assemblea patriziale il messaggio uguale al precedente “visto che il ricorso non contempla nessuna nota in merito al progetto”, viene spiegato nella lettera recapitata all’oppositore. Inoltre “non desideriamo investire in cause legali ulteriori risorse finanziarie, peraltro preziose per il patriziato e per rispetto dei patrizi che con molta generosità ci sostengono”. L’Ufficio patriziale invita inoltre il ricorrente a intraprendere la via del dialogo costruttivo “sempre nell’unico interesse del nostro patriziato”. Pietro Ghisletta spiega che in questi ultimi quattro anni il patriziato si è attivato nella raccolta fondi «e da un patriziato che faceva fatica a stare a galla, oggi disponiamo di una certa liquidità che ci permette di apportare i lavori alla capanna». E gli interventi di manutenzione e sistemazione da eseguire non mancano; si parte dalla sostituzione del tetto (attualmente ci sono infiltrazioni d’acqua), alla sistemazione dei muri interni e delle canne fumarie. È necessaria inoltre la sostituzione della stufa a legna esistente, della porta d’entrata e delle porte interne; il rifacimento del bagno e la sostituzione di apparecchi sanitari; la sostituzione della cucina e il rifacimento dell’impianto elettrico e dell’impianto a gas per l’acqua calda. «Questo ricorso ha rallentato i lavori ma non ci perdiamo d’animo: il ricorrente ha soltanto rinviato il progetto», conclude il presidente del patriziato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved