un-giovane-cantante-di-claro-si-butta-nel-mondo-della-musica
Ha iniziato a suonare la chitarra a 4 anni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

Riva San Vitale, Beach volley ritirato ma sarà riproposto

L’Esecutivo ha ritirato il discusso messaggio sul progetto al Lido comunale e stigmatizza le ‘pressioni esterne’. Ridotto il moltiplicatore all’80%
Bellinzonese
33 min

858 posti Pci all’interno della Gottardo Arena

Approvata la liquidazione, per un importo di tre milioni di franchi, a favore della Valascia Immobiliare Sa per la realizzazione delle strutture protette
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, prolungata la mostra Kiki Berta e il Quadrato magico

Alla Galleria Job l’esposizione sarà aperta al pubblico fino al 26 febbraio
Locarnese
1 ora

Più su il livello del Lago Maggiore, preoccupato il Cantone

Il Dipartimento del territorio: “In gioco c’è la sicurezza contro le esondazioni e la tutela degli ambienti naturali protetti delle Bolle di Magadino”
Ticino
1 ora

Nel weekend test Covid al ‘drive-in’ a Rivera e in 3 check-point

Disponibili anche diverse farmacie sul territorio cantonale. Necessaria la prenotazione online
Bellinzonese
1 ora

Riviera ha più abitanti e attività economiche

Nel 2021 la popolazione è cresciuta di 65 unità mentre i nuovi insediamenti sono stati 36
Ticino
2 ore

In Ticino -13 ricoverati (-2 in cure intense) e un decesso

Calano anche i casi giornalieri. Altri 17 contagi registrati in case anziani, con 22 strutture attualmente con residenti positivi al virus
Locarnese
4 ore

Centovalli, il passaggio di consegne slitta

Armando Maggetti, municipale a interim, proseguirà con il proprio mandato fino alla prossima primavera, prima di cedere il testimone a Cristina Tanghetti
Luganese
4 ore

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
7 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
7 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
Ticino
13 ore

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
16 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
17 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
 
19.07.2021 - 05:200
Aggiornamento : 12:02

Un giovane cantante di Claro si butta nel mondo della musica

Il 19enne Michel Steyaert lo scorso novembre ha pubblicato su Youtube una canzone che in meno di un mese ha raggiunto le 10mila visualizzazioni

«Spero che la gente continui ad ascoltarmi e si identifichi con quello che sente». Il sogno del 19enne musicista Michel Steyaert sembra banale, ma nel contesto di un’industria musicale sempre più orientata alla fama esagerata, ai milioni di clic su internet e ai soldi, questa speranza può essere vista come molto genuina. Il giovane di Claro si è buttato solo recentemente in questo mondo sicuramente non semplice, ma ha già avuto un discreto successo, tanto da collaborare attualmente con la casa discografica torinese Rkh. Collaborazione che è andata in porto dopo che lo scorso novembre Michel Steyaert ha pubblicato la sua seconda canzone, dal titolo ‘Ricordati’, con la quale «in meno di un mese sono arrivato alle 10mila visualizzazioni su Youtube», sottolinea a ‘laRegione’.

Il 19enne di Claro si è avvicinato alla musica «già da piccolissimo: mia madre suonava la chitarra e mio padre ascoltava tanta musica in casa. A circa quattro anni ho così cominciato, inizialmente per gioco, a suonare la chitarra anch’io». In seguito si è immerso sempre di più nella musica imparando a suonare altri strumenti come la batteria o il pianoforte e poi prendendo lezioni di canto. Insomma, «ho sempre avuto un lato artistico che i miei genitori mi hanno permesso di coltivare».

In ogni caso quello della musica è un mondo difficile nel quale non è facile decidere di buttarsi: «Ho iniziato a scrivere le mie prime canzoni tra i 14 e i 16 anni e le facevo ascoltare molto a mia zia Judith Emeline», una cantante inglese di origini giamaicane conosciuta in Ticino che spazia tra vari generi come blues, gospel, jazz e pop. «Lei mi ha sempre detto ‘buttati’, spingendomi a provare questo percorso». A tutto ciò va poi aggiunto che Michel Steyaert ha avuto «la fortuna di avere l’orecchio assoluto», ovvero la capacità di identificare con l’udito determinate note o la composizione della musica senza l’ausilio di uno strumento di riferimento. «Un dono che ora cerco di far fruttare al meglio».

Così, una volta terminato il suo apprendistato di impiegato di commercio, ha pensato «che era giunto il momento per provarci e a ottobre è uscita la mia prima canzone»: ‘Con te’ che è stata realizzata con il noto chitarrista ticinese Lupo Lupazzi. «Abbiamo scritto assieme la canzone e l’abbiamo registrata in studio. Il brano successivo, invece, l’ho scritto e composto completamente da solo. Mi sono così accorto che il pubblico apprezza la mia musica e quindi ho deciso di continuare su questa strada». Una strada diventata un po’ meno ripida anche grazie al «trampolino di lancio» rappresentato dal brano ‘Ricordati’ che ha generato l’interesse nei confronti del giovane artista da parte della casa discografica Rkh.

Aspettando il primo concerto dal vivo

In realtà non sembrerebbe proprio il periodo più opportuno per buttarsi, viste le restrizioni legate alla pandemia che hanno certamente condizionato gli artisti in tutto il mondo. Michel Steyaert cerca però di vedere il bicchiere mezzo pieno: nonostante non sia per lui ancora stato possibile esibirsi dal vivo, «questo periodo mi ha aiutato a scrivere tante canzoni. Alcune le ho già pubblicate, mentre altre le diffonderò prossimamente. Ora fino a settembre starò fermo, anche perché a metà luglio partirò per fare militare. Poi, però, spero di partire in quinta a settembre. Magari anche con qualche live». Concerti live che rappresentano la linfa vitale per ogni artista: «Spero di poter iniziare il più presto possibile. Intanto, utilizzerò questo periodo per prepararmi al meglio a questa occasione». In questo senso la pandemia può anche essere vista come un vantaggio: «Ho tempo per crescere e arrivare preparato sul palco al primo concerto dal vivo».

Michel Steyaert fa musica pop. Ma c’è in particolare qualche artista a cui si ispira? «Non direi, anche perché non ho un cantante o un gruppo preferito». Nel corso degli anni gli è stato infatti consigliato più volte di ampliare i suoi orizzonti musicali: in questo modo «cerco di prendere un po’ di spunti da tutto e tutti». In ogni caso anche il 19enne di Claro ascolta o ha ascoltato certi artisti più che altri. «Quando ero adolescente ascoltavo tantissimo Fedez e quando pubblica qualcosa di nuovo, mi interesso ancora oggi. Attualmente, invece, sto ascoltando molto Gazzelle», un cantautore pop italiano. «Molti mi dicono che assomiglio un po’ a Ultimo ed effettivamente è vero». In ogni caso «voglio essere me stesso e non assomigliare a qualcuno», precisa il giovane artista. Una certezza però c’è: il suo genere musicale è il pop. «Non mi vedrò mai con una chitarra elettrica e i capelli lunghi a cantare rock», conclude sorridendo Michel Steyaert.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved