24.06.2021 - 13:21
Aggiornamento: 27.06.2021 - 16:19

Tavolino Magico cambia sede a Bellinzona e festeggia 15 anni

Grazie al sostegno della Città il centro di distribuzione alimentare per persone bisognose si è trasferito dalla Commercio a Spazio Aperto

tavolino-magico-cambia-sede-a-bellinzona-e-festeggia-15-anni
Un gruppo di volontari con, a sinistra, il municipale Giorgio Soldini

Dalla Scuola di commercio a Spazio Aperto: uno dei due centri di distribuzione alimentare di Tavolino Magico presenti a Bellinzona (l'altro si trova all'oratorio San Biagio di Ravecchia) cambia sede e festeggia 15 anni. «Vediamo arrivare sempre più persone in difficoltà, tra i beneficiari abbiamo single, coppie e tante famiglie. La pandemia ha reso tutto più complicato, ma noi ci siamo. Sono sempre bei momenti di solidarietà», dice Silvana Farei-Campagna, attiva come volontaria dall’inizio, quando nel luglio 2006 la Fondazione Madonna di Re aveva messo a disposizione una saletta del laboratorio protetto in città. Da allora, coordinando decine di volontari, è al servizio di sempre più bisognosi.

Nella capitale ogni settimana l’associazione distribuisce 1,2 tonnellate di cibo a 280 residenti. Tra i beneficiari figurano, come negli altri 13 centri di distribuzione presenti in Ticino, ‘working poor’, famiglie numerose, monoparentali, rifugiati e persone che ricevono prestazioni sociali insufficienti (rendite d’invalidità, assistenziali o Avs). Ora dopo sei anni il centro di distribuzione ha lasciato la Commercio (dov'è stato smontavano il prefabbricato dedicatogli) per sistemarsi in via Gerretta a Spazio Aperto grazie all’intervento e al sostegno della Città di Bellinzona, in particolare all’aiuto del municipale Giorgio Soldini che nella scorsa legislatura era alla testa della socialità.

Due strutture e trenta volontari

Sino a fine 2014 la distribuzione avveniva nel salone dell’ex Casa d'Italia a Daro, dove il record di beneficiari è stato raggiunto nel settembre 2014 quando sono state servite 325 persone. Per gestire meglio questo flusso, dal maggio 2015 i centri di distribuzione sono diventati due, dove per un franco simbolico chi vive al limite o al di sotto del minimo esistenziale riceve generi alimentari di prima necessità, ossia pasta, riso, farina, zucchero, olio, scatolame, pane, frutta e verdura fresche, latte e latticini, succhi di frutta e bibite, carne, pesce, salumi, piatti precotti e surgelati. La distribuzione avviene ogni venerdì feriale (dalle 15.30 alle 16.30) a Spazio Aperto e ogni giovedì feriale (dalle 15.30 alle 16.30) all’oratorio San Biagio di Ravecchia. I volontari, una trentina in tutto, sono coordinati da Silvana Farei-Campagna a Spazio Aperto e da Roberta Gioli a Ravecchia. Ogni settimana Tavolino Magico consegna nella Svizzera italiana prodotti alimentari a 2’016 persone in difficoltà attraverso 14 centri di distribuzione gestiti da 300 volontari. L’associazione salva dal macero in media 600 tonnellate di cibo l’anno.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved