ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
30 min

Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’

Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Luganese
50 min

Lugano, circolazione tribulata a causa del film

Richiamata la chiusura del lungolago domani. Gli odierni problemi di traffico in centro città potrebbero aumentare
Ticino
1 ora

La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles

Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
1 ora

Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno

Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
1 ora

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Luganese
1 ora

Lugano, auto d’epoca in mostra nelle piazze

Alla seconda edizione dell’evento, ‘cancelli’ riaperti agli appassionati ed è previsto anche il premio per l’automobile più vecchia
Luganese
2 ore

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
2 ore

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
2 ore

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
laR
 
12.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:37

L’aula nel bosco svetta tra i castagni di Olivone

Terminati i lavori per la struttura e l'area di svago che rientrano nel progetto di valorizzazione del comparto con anche il recupero della selva castanile

l-aula-nel-bosco-svetta-tra-i-castagni-di-olivone
Paolo Chiapuzzi
+1

Un luogo ameno dove gli allievi possono apprendere nozioni immersi nella natura, ma anche un’area di svago per abitanti e turisti. È quanto offre ora il comparto Sina a Olivone, situato poco distante dal centro del paese e dal Centro Polisportivo, dove proprio negli scorsi giorni sono terminati i lavori per l’edificazione dell’aula nel bosco. La struttura è già aperta al pubblico ma verrà ufficialmente inaugurata il prossimo autunno. La realizzazione della costruzione rientra in un più ampio progetto promosso dal Comune di Blenio. Si tratta della valorizzazione del comparto ‘Mötra da Sina’, di proprietà patriziale e in parte privata, con una serie di interventi nel bosco e di gestione agroforestale, in particolare sulla selva castanile. I primi lavori di recupero sono stati effettuati e, in autunno, in assenza di fogliame sugli alberi, verrà eseguita la seconda fase. La zona Sina, un colle al centro del paese di Olivone, ha la particolarità di avere la selva castanile situata più a nord in Ticino. Il comparto è caratterizzato da elementi di particolare pregio paesaggistico e naturalistico riconosciuti a livello regionale, cantonale e federale quali la palude, la vecchia selva castanile e il bosco golenale. La vicinanza all’abitato di Olivone e al Centro Polisportivo fa di quest’area un luogo già apprezzato per lo svago di prossimità. Lo stato della vecchia selva castanile, del bosco e dei percorsi presenti ha reso necessari interventi di recupero e valorizzazione. La cura del bosco di svago riveste un ruolo chiave nella valorizzazione di tutta l’area, poiché permette di collegare e completare una serie di progetti presenti e futuri che, correlati tra loro, possono generare una nuova offerta di spazio ricreativo e didattico per la popolazione, come pure di richiamo turistico.

Recupero della selva

In particolare, il progetto di recupero della selva ha previsto la messa a dimora di nuove piante di castagno, la rivitalizzazione di quelle esistenti e l’eliminazione di alberi concorrenti. La biodiversità verrà valorizzata anche grazie alla creazione di nicchie ecologiche (legname morto lasciato in loco) e all’integrazione di giovani piante di noce (specie storica per la zona, che è stata coltivata per secoli a Olivone). In una parte di bosco di svago è stato invece creato un punto panoramico con parco giochi ‘forestale’, sono stati posati tavoli e panchine in legno, un braciere e una fontana. Durante l’anno gli allievi dell’Istituto scolastico di Blenio hanno preparato dei pannelli esplicativi con contenuti didattici che sono stati posati all’interno dell’aula e che saranno a disposizione dei fruitori della struttura. L’aula nel bosco è aperta a tutti coloro che vogliono organizzare attività didattiche nella natura; attualmente è visitabile ma non è ancora attivo un sistema di prenotazione della struttura.

Il costo totale per la valorizzazione globale del comparto è di 410mila franchi, ma per questo progetto il Comune ha beneficiato di contributi cantonali e federali, nonché di un contributo del Patronato svizzero per i Comuni di montagna.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved