curare-chi-cura-di-notte-un-aiuto-per-chi-lavora-nel-buio
Ti-Press
Una presa a carico dei pazienti 24 ore su 24
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
1 ora

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
12 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
13 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
13 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
13 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
14 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
14 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
14 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
21.06.2021 - 18:05
Aggiornamento: 19:29

Curare chi cura di notte, un aiuto per chi lavora nel buio

La Fondazione Sasso Corbaro di Bellinzona propone un programma di formazione continua per gli operatori socio-psico-sanitari attivi al calar del sole

“La notte è calda, la notte è lunga, la notte è magnifica per ascoltare storie”. Con la frase dello scrittore Antonio Tabucchi ci caliamo nel clima sospeso, riflessivo e magnetico di quelle ore «abitate da tante figure che vogliamo raccontare», come ha fatto presente Graziano Martignoni, psichiatra e vice presidente della Fondazione Sasso Corbaro, durante un incontro con i media. Quelle figure sono i curanti che lavorano di notte e che, come i pazienti, pure possono essere bisognosi di aiuto «perché anche il curante deve curarsi per poter offrire sostegno al prossimo e per poter lavorare bene non deve diventare un curante malato», ha fatto presente Sheila Bernardi, psicologa e collaboratrice della Fondazione. È proprio con l’obiettivo di aiutare il personale che opera “al buio”, che la Fondazione ha sviluppato un vero e proprio percorso formativo in dodici moduli, che si svolgerà tra il 28 settembre e il 22 febbraio 2022. Che cosa significa prendersi cura dell’altro quando si è immersi nel buio? Quali sono le peculiarità del ‘curare di notte’? È per approfondire e arricchire questo tema, affrontato per la prima volta nell’ottobre scorso in occasione del sesto convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro, che Sheila Bernardi e Graziano Martignoni hanno ideato l’apposito percorso formativo. Il corso è rivolto agli operatori socio-psico-sanitari attivi nell’ambito delle cure notturne in casa anziani, in ospedale, nell’ambulanza, nei foyer per adolescenti, nelle case della prima infanzia, nelle strutture che ospitano la disabilità e la sofferenza psichica. Il nuovo programma di formazione continua è comunque aperto anche a tutti coloro che sono interessati ad approfondire il tema e per parteciparvi non è richiesta nessuna particolare formazione pregressa. I moduli alterneranno momenti di studio teorico interdisciplinare a momenti seminariali, per permettere una riflessione sulla casistica e sulle pratiche quotidiane del sapere pratico. Considerate le difficoltà del curare nel corso delle ore notturne, il percorso “Curare di notte, curare la notte” mira a dotare i partecipanti di una serie di strumenti che permetteranno loro di affrontare con maggiore consapevolezza e sensibilità il loro lavoro. I temi che verranno trattati durante gli incontri quindicinali (il martedì pomeriggio dalle 13.30 alle 17, nella sede della Fondazione, in via Lugano 4a a Bellinzona) sono molteplici, si parlerà di solitudine, di insonnia, di responsabilità, di urgenze, dell’organizzazione dei turni di lavoro, dell’incontro con l’altro, di follia, di sogni, incubi e di molto altro. Durante gli incontri saranno presenti professionisti di diversi settori che porteranno il loro contributo su vari temi. 

Un primo bilancio d’attività

La direttrice della Fondazione Martina Malacrida ha stilato un primo bilancio della stagione 2020-2021, caratterizzata da annullamenti e rinvii dettati dall’emergenza sanitaria per gli eventi in presenza ma anche da un forte incremento di pubblico per le iniziative promosse online. Nel suo ventesimo anno di esistenza, la Fondazione ha ampliato la sua presenza sul web e ha offerto le sue competenze per aiutare a comprendere e gestire in maniera più consapevole la situazione pandemica, in particolare attraverso una serie di progetti di ricerca dedicati proprio allo studio di temi legati al Covid-19. Uno spirito di adattamento notevole, sottolineato in conferenza stampa anche dal presidente della Fondazione Philippe Tron «mi sento fiero di ciò che è stato organizzato nonostante la pandemia», ha evidenziato, anticipando che i festeggiamenti per il ventesimo (l’anno scorso rinviati) si terranno in ottobre. 

In parallelo alla promozione di eventi, per supportarne la diffusione e la fruizione da parte del pubblico, la Fondazione ha creato un suo nuovo canale Youtube che funge da ‘archivio digitale’ delle iniziative promosse online e una nuova pagina Instagram che completa e arricchisce la presenza sui social già data dalla pagina Facebook e a settembre sarà online il sito web rinnovato. La Fondazione dispone inoltre di un centro di documentazione con migliaia di testi e articoli scientifici e Dvd, aperto al pubblico su appuntamento. Per ulteriori informazioni e iscrizioni al percorso di formazione: fondazione@sasso-corbaro.ch o telefonare allo: 091 811 14 25.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona curare formazione notte sasso corbaro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved