scontri-alla-valascia-altro-tifoso-colpevole-di-sommossa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
11 min

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
20 min

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
50 min

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
1 ora

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
1 ora

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
1 ora

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
1 ora

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
2 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
2 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
2 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
3 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
14.06.2021 - 19:190
Aggiornamento : 19:37

Scontri alla Valascia, altro tifoso colpevole di sommossa

Si chiude con una condanna la parte della vicenda giudiziaria trattata alle Correzionali. Pena pecuniaria sospesa per un 44enne supporter biancoblù

Ha partecipato in maniera attiva agli scontri, pur se non ha raggiunto i picchi di aggressività di altri tifosi. E anche se spinto dall'asserito pretesto di difendere le altre persone, il suo intervento non era necessario. «La sua presenza – ha aggiunto la giudice Francesca Verda Chiocchetti prima di pronunciare la sentenza – non ha giovato a preservare l’incolumità degli spettatori, ma ha infoltito un gruppo che la polizia stava cercando di separare». Non ci sono evidenze che possano configurare il reato di violenza o minaccia contro le autorità (per questo una pena più lieve rispetto a quanto proposto dalla pubblica accusa), ma è comunque colpevole del reato di sommossa il 44enne supporter dell'Ambrì Piotta coinvolto nei tafferugli della Valascia del 14 gennaio 2018 prima e dopo la sfida tra Hcap e Losanna. Pur evidenziando che da parte dei club non sono state prese sufficienti misure di sicurezza preventive e che l'iniziativa è stata presa dai vodesi, per la Corte i sostenitori dell’Hcap non hanno fatto altro che rendere più difficoltoso l’intervento della polizia. Ciò che accoglie la tesi accusatoria sostenuta dal procuratore pubblico Nicola Respini, secondo il quale la carica dei losannesi non giustificava una reazione violenta da parte dei tifosi locali. Non spettava a loro contrastarli, ma agli agenti e agli addetti alla sicurezza. 

Per il 44enne comparso oggi nell'aula penale di Lugano la Corte delle assise correzionali ha deciso per una pena pecuniaria di 4'000 franchi, sospesa con la condizionale per un periodo di tre anni. Una pena interamente sospesa, ha giustificato la giudice, tenuto conto della buona condotta dopo i fatti e della collaborazione processuale dimostrata nei primi momenti dell'inchiesta. 

In precedenza l'avvocata Jasmine Altin si era invece battuta per il proscioglimento, ribadendo che il suo assistito ha agito unicamente per difendere i supporter dell’Ambrì Piotta, tra i quali numerose famiglie. In particolare quando al termine della partita, e dopo aver divelto il cancello che delimita le due tifoserie, i supporter del Losanna si sono diretti verso il settore dei sostenitori locali. «Non si può ritenere che il mio cliente abbia partecipato a una sommossa. Non ha mai negato di non essere stato sul posto, ma fin dal principio ha specificato il perché della sua azione. Non si è trattato di un'iniziativa volta a minacciare l’ordine pubblico, perché l’ordine pubblico era già minacciato anche a causa delle gravi inosservanze nell’attuazione del dispositivo di sicurezza», ha affermato in aula Altin, definendo «proporzionato, giustificato e anche efficace», l’intervento dei tifosi dell'Hcap. 

Oltre alla sommossa, il 34enne è stato giudicato colpevole anche dei reati di guida in stato d'inattitudine, grave infrazione alle norme della circolazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. Contro la decisione della Corte, la difesa valuterà se ricorrere al Tribunale d'appello. 

Altri dieci imputati attesi in Pretura penale

La condanna del 44enne si somma a quelle già inflitte negli scorsi mesi dalla Pretura penale e dal Tribunale penale cantonale nei confronti di altre persone che con responsabilità differenti avevano partecipato agli scontri di quella movimentata domenica in Leventina. Dopo il corteo iniziale dei tifosi ospiti (un centinaio di cui una sessantina a volto coperto), era avvenuto un primo scontro sul piazzale esterno della pista. Le due fazioni avevano continuato a provocarsi nonostante l’intervento della polizia, lanciando oggetti e bengala. Al termine della partita il secondo scontro, più duro, con le tifoserie di nuovo in contatto sugli spalti e un altro intervento degli agenti. Il pp Respini, titolare dell'inchiesta, ha prodotto in totale 39 decreti d'accusa ai quali si è opposta circa la metà dei destinatari. Lo scorso 5 maggio, il 44enne condannato oggi era risultato assente in occasione del processo penale che ha visto la condanna di altri due tifosi dell'Hcap, colpevoli dei reati di sommossa e violenza contro le autorità, e quella di un supporter vodese unicamente per sommossa. Per tutti sono state pronunciate pene pecuniarie sospese. Era invece stato assolto un altro tifoso biancoblù. Archiviati i dibattimenti per gli imputati sui quali pendevano le accuse più gravi, sono ancora dieci le persone che devono ancora comparire in Pretura penale. 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved