ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Dai Tilo ai bus tra Taverne-Torricella e Lamone-Cadempino

Le misure sono dovute a lavori infrastrutturali per l’adattamento dei marciapiedi nella stazione. Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi.
Luganese
1 ora

Cantori della Stella in missione a Berna

Tra i gruppi svizzeri, che saranno a Palazzo federale per incontrare i membri del Parlamento, anche uno proveniente da Tesserete
Locarnese
2 ore

Valmaggia, il Giro del Mondo di Emilio Balli

In occasione dell’Assemblea di venerdì il Museo illustrerà il programma d’attività futuro. Si ripartirà con una mostra inedita e prestigiosa
Luganese
2 ore

Dfa, consegnati i premi del Lions club Ceresio

I riconoscimenti per le migliori tesi di Bachelor sono stati attribuiti a Martina Poggi (Scuola elementare) e a Sofia Pisottu (Scuola dell’infanzia)
Grigioni
3 ore

Frana in Val Calanca: sgombero a pieno regime

Le previsioni meteo potrebbero compromettere la riapertura della strada attesa per la fine di settimana
Luganese
16 ore

Campione d’Italia in versione Natale 2022 fra musica e doni

Doppio appuntamento, giovedì 8 e domenica 18 dicembre, nell’enclave con la ‘Casa di Babbo Natale’ e tanto altro
Luganese
18 ore

I pompieri di Melide celebrano Santa Barbara

Patrona di minatori e vigili del fuoco; la cerimonia si è svolta presso la sede intervento Ffs
Locarnese
18 ore

Moghegno, 14esima edizione della Via dei presepi

Da domenica al 6 gennaio saranno esposte al pubblico, nelle pittoresche vie del nucleo, 25 natività realizzate con tecniche e materiali tra i più svariati
Bellinzonese
18 ore

Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre

Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
19 ore

Mappo-Morettina, si rifà la segnaletica orizzontale

Per consentire i lavori la galleria stradale verrà chiusa al traffico la notte da domenica 11 dicembre a venerdì 16. Il traffico passerà dalla cantonale
Mendrisiotto
19 ore

Balerna, l’Acp cessa l’attività con una festa

L’Associazione cultura popolare chiuderà definitivamente a fine dicembre dopo 46 anni. Il 16 dicembre un evento pieno di sorprese
Locarnese
19 ore

Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale

Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
19 ore

Le Terre del Ceneri nella Toile de Jouy

Appuntamento martedì 13 dicembre alla biblioteca cantonale di Bellinzona per la vernice della mostra
Locarnese
19 ore

Gordola, Gruppo Alternativa in assemblea

La formazione politica si riunirà venerdì prossimo, alle 19, nella Sala Patriziale. Al termine vi sarà un rinfresco
Luganese
19 ore

Anche Paradiso festeggia i suoi volontari

Il sindaco ha ringraziato tutte le persone che continuano a mettersi a disposizione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato
Bellinzonese
19 ore

Densità e urbanità. Quartieri, una socialità di prossimità

L’ultima serata pubblica de ‘Verso nuovi modi di vivere insieme: abitare il nostro territorio in tempi di crisi’ si terrà martedì 13 dicembre a Bellinzona
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, quasi pronto il rapporto di sostenibilità

Il documento che indica le dimensioni della qualità della vita sarà pronto per il prossimo mese di marzo
Luganese
20 ore

Coro di Natale alla chiesa di Breganzona

Il concerto dell’Avvento si terrà domenica 11 dicembre alle 16.30. Dirige il maestro Guido Mollica.
Bellinzonese
20 ore

La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria

Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Bellinzonese
20 ore

La volpe rossa continua ad animare le domeniche di Bellinzona

Domenica 11 dicembre alle 17.30 al Teatro Sociale Andrea Fazioli rivelerà il terzo capitolo del racconto. Fra calcio e musica prosegue Natale in Città
Luganese
21 ore

Lugano-Massagno, due milioni per l’acqua potabile

Chiesto un credito di 2,19 milioni di franchi per sistemare la rete, oltre alla costruzione di una nuova stazione di pompaggio
Luganese
21 ore

Teatro, musica e ballo al Foce di Lugano

Dal 12 al 18 dicembre, vasta scelta tra concerti e cultura, oltre a serate dedicate al ballo
Luganese
21 ore

Concerto di Natale alla chiesa di Tesserete

Il Coro Santo Stefano eseguirà ‘Oratorio di Natale op.12’ domenica 11 dicembre
Locarnese
21 ore

Centovalli, riaperta la strada

Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
laR
 
10.06.2021 - 05:30

Escursionisti e maremmani, Berna invita tutti a fare meglio

Appello a Cantoni, agricoltori e turisti. Regazzi: ‘Problema crescente, sia gestito seriamente’. Vanbianchi: ‘Mio appello rimasto inascoltato’

escursionisti-e-maremmani-berna-invita-tutti-a-fare-meglio
Escursionisti e cani maremmani da protezione: vicinanza talvolta problematica (Agridea)

Con l’arrivo della bella stagione e delle vacanze estive, con la riapertura di sentieri e capanne alpine, l’escursionismo in Ticino è pronto ad affrontare un’altra intensa stagione. Sul tavolo resta però uno dei problemi emersi a gran voce lo scorso agosto, ossia la convivenza talvolta problematica fra turismo pedestre e cani impiegati nella protezione delle greggi, in primis la razza maremmana molto efficace contro il lupo. Prendendo spunto da alcuni nostri servizi dedicati alle segnalazioni di escursionisti attaccati nell’Alta Valle di Blenio, il consigliere nazionale Fabio Regazzi in settembre aveva inoltrato un’interrogazione al Consiglio federale. La risposta, giunta a fine novembre ma finora non ancora diffusa dai media, presenta alcuni punti interessanti: per esempio Berna cita la necessità di separare chiaramente i pascoli protetti dai sentieri, anche tramite deviazioni soltanto temporanee; pure evidenziata la presenza di lacune – sul piano cantonale, nel settore agricolo e nel comportamento dei turisti – nella prevenzione dei conflitti. Detto altrimenti, il governo caldeggia un miglioramento su tutti i fronti.

‘Mi aspettavo di più’

In tal senso mastica amaro chi per primo ha lanciato il sasso nello stagno e non ha nascosto il braccio: Denis Vanbianchi, operatore turistico e patriziale dell’Alta Valle di Blenio, aveva denunciato sulla ‘Regione’ le parecchie disavventure avute da escursionisti imbattutisi in maremmani singoli e in gruppo pronti a difendere territorio e greggi abbaiando minacciosamente e talvolta andando alla polpa. Poco efficace inoltre, a suo dire, la segnaletica posata per sensibilizzare i passanti sulla presenza dei cani e sulle regole comportamentali da osservare in caso d'incontro ravvicinato. «Mi sarei aspettato qualche telefonata dai servizi cantonali e dagli addetti ai lavori per discutere e valutare insieme la situazione. Invece, a parte Fabio Regazzi, nulla si è mosso e alle porte della nuova stagione estiva rischiamo di doverci nuovamente confrontare con i problemi dell’anno scorso», lamenta Vanbianchi dichiarandosi sempre pronto a un confronto rivolto alla ricerca di soluzioni a beneficio delle varie componenti.

Soluzioni di compromesso cercansi

Regazzi nell’interpellanza evidenziava l’esponenziale aumento della presenza di lupi in Svizzera nell'ultimo decennio: “Siamo ormai a oltre 80 esemplari censiti, buona parte dei quali raggruppati in una decina di branchi, con un incremento del 700% fra il 2010 e il 2020!”, attaccava il politico ppd. Ciò che “ha imposto a molti allevatori di adottare misure di protezione delle greggi”. Fra queste vi sono le recinzioni, ma ovviamente solo laddove siano fattibili: infatti “nel 2017 uno studio di Agridea ha stabilito che in Ticino solo il 30% delle greggi possono essere protette in modo efficace con delle recinzioni”. Ecco perché è aumentato in modo importante il ricorso ai cani da protezione. E com’era “facilmente prevedibile, la loro presenza ha fatto crescere i conflitti con altri fruitori della natura, in particolare escursionisti e ciclisti che frequentano le nostre montagne”. Le segnalazioni di attacchi, anche con conseguenze fisiche per i malcapitati, “si stanno moltiplicando e il malumore degli operatori turistici e degli amanti della montagna sta crescendo”. Da qui la richiesta di cercare “soluzioni di compromesso che tengano conto dei vari interessi in gioco”. In quest'ottica “si potrebbe immaginare provvedimenti per migliorare la segnaletica e la formazione dei cani o eventualmente limitarne l'utilizzo nelle ore diurne”.

‘Separare i pascoli dai sentieri’

Nella sua risposta, Berna rileva che in media ogni anno si verificano in Svizzera 14 attacchi nei confronti di persone, a fronte di una popolazione attuale di circa 350 cani da protezione del programma federale. Sempre la Confederazione ha attuato il finanziamento delle misure di protezione delle greggi, disciplinato la questione della responsabilità e introdotto un sistema per allevamento, addestramento, tenuta, impiego e monitoraggio dei cani da protezione. In tal senso sono sostenuti finanziariamente solo i cani che soddisfano i requisiti del programma federale. Ciò nonostante i conflitti non mancano e perciò l'Ufficio federale dell'ambiente ha elaborato una strategia per la prevenzione degli attacchi che Cantoni e agricoltori “sono tenuti ad applicare”. Quanto all’ipotesi secondo cui i lupi attaccherebbero solo di notte, Berna lo esclude: perciò rinchiudere i cani da protezione durante il giorno “sarebbe inopportuno”. Inoltre, una misura di questo genere “ostacolerebbe fortemente anche l'impiego dei cani in quanto perturberebbe il loro legame con il bestiame da reddito”. In definitiva la Confederazione consiglia ai Cantoni di fare in modo che gli ambiti d'impiego dei maremmani siano separati dai sentieri qualora ciò sia richiesto da una perizia del Servizio per la prevenzione degli infortuni nell'agricoltura (Spia). Se questo non è possibile con un'adeguata gestione del bestiame, “occorre bloccare e deviare temporaneamente il sentiero”. Infine l’attuale strategia di formazione dei cani: il Consiglio federale la ritiene adeguata e semmai considera lacunosa “l’attuazione delle misure di prevenzione nei Cantoni e nell'agricoltura come pure nel comportamento dei turisti nei confronti dei cani”. Detto altrimenti, è caldeggiato un miglioramento su tutti i fronti.

‘Problema destinato ad acuirsi’

Soddisfatto della risposta Fabio Regazzi: «In certe zone l’esistenza di conflitti è evidente e l’osservazione fatta dal governo federale affinché tutte le parti collaborino meglio è opportuna. In questo senso, confido che a livello cantonale si cominci ad affrontare il problema in modo serio». Detto questo, la deviazione di taluni sentieri «è sicuramente fattibile e ne ho testimonianza nel territorio verzaschese che conosco bene, sebbene si tratti di una soluzione non sempre praticabile, specie laddove il gregge è formato da capre che per natura sono molto mobili». Per evitare che l’iniziativa sia lasciata al singolo, con soluzioni forse non ideali che potrebbero prestare il fianco a critiche, «è importante che tutto ciò avvenga in modo coordinato. Importante perché il problema è destinato ad acuirsi con la permanenza accresciuta dei lupi e il conseguente aumento dei cani da protezione».

‘Chi vede problemi ce li segnali’

Federico Cattaneo, nuovo responsabile tecnico di Ticino Sentieri, associazione mantello che raggruppa gli enti attivi nel settore del turismo pedestre e che si occupa della pianificazione e gestione dei percorsi e della promozione dell’attività escursionistica, ritiene che il punto da cui partire per ricercare soluzioni adeguate sia quello della corretta informazione su quale tipo di problema si presenti, dove e in quali circostanze. Perciò nel portale www.ticinosentieri.ch in alto a destra è stata recentemente inserita la possibilità d'inviare, da parte di chiunque, segnalazioni con tanto di fotografie. «Meglio siamo informati, meglio possiamo reagire con tempestività». Quanto all’implementazione di correttivi per evitare conflitti uomo-cane, «siccome è impensabile adottare soluzioni generali che vadano bene sempre e ovunque, ogni caso dev’essere valutato singolarmente. In tal senso è importante poter collaborare adeguatamente, oltre che con l’autorità cantonale, principalmente col settore agricolo. Qui i rapporti sono buoni».

Il cane e la coda

Già lo scorso agosto, comunque, sempre da queste colonne il segretario agricolo cantonale Sem Genini ribadiva che il problema «sta nel manico, e cioè nell’accresciuta presenza del lupo». A fine settembre tuttavia il popolo svizzero ha bocciato di misura (52%) la revisione della Legge federale sulla caccia che avrebbe permesso abbattimenti preventivi dei grandi predatori. «Ora il Consiglio federale invita tutti gli attori a migliorare l’approccio alla materia – conclude Denis Vanbianchi – ma se manca la volontà di dialogare con chi opera sul territorio, temo che il cane continuerà, come fatto finora, a mordersi la coda».

Leggi anche:

Alta Blenio, escursionisti aggrediti da cani maremmani

Lupo, escursionisti e maremmani: ‘Il problema è nel manico’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved