sementina-la-vecchia-scuola-cade-a-pezzi-dov-e-la-nuova
L'edificio attuale mostra tutti i suoi 60 anni di vita (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
5 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
5 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
5 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
5 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
5 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
5 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
6 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
6 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
6 ore

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
Luganese
6 ore

Filarmonica di Castagnola in concerto

Domenica 19 giugno al Lac il secondo concerto per gli ottant’anni del sodalizio, rinviato più volte a causa della pandemia
28.05.2021 - 13:16
Aggiornamento : 18:52

Sementina, la vecchia scuola ‘cade a pezzi: dov’è la nuova?’

Il Plr di Bellinzona chiede lumi sull'investimento da 13 milioni (a suo tempo rallentato da ricorsi) deciso dall'ex Comune nel lontano 2012

Quando un dicastero passa da un municipale del partito x a un municipale del partito y, non di rado dal partito x partono quelle interpellanze che per lunghi anni non sono mai state inoltrate per non infastidire il proprio municipale di riferimento. Accade anche a Bellinzona, dove il Plr vuole oggi sapere che fine abbia fatto la tanto attesa realizzazione della nuova scuola elementare di Sementina, nel comparto del Ciossetto, il cui iter era iniziato oltre dieci anni fa col vecchio Comune. Passato il Dicastero opere pubbliche dalle mani dell’ormai ex municipale liberale radicale Christian Paglia (esautorato durante l’ultimo anno di legislatura per la nota questione dei sorpassi di spesa) a quelle del socialista Henrik Bang, ecco che il Plr parte all’attacco con due interpellanze.

‘Si proceda celermente’

Patrick Rusconi nella propria fa presente al Municipio che la popolazione del quartiere di Sementina “attende da tempo quest’opera e, anche in considerazione dello stato in cui si trova l’attuale sede, si deve procedere celermente”. Dichiarandosi consapevole che i ritardi causati “non sono addebitabili all’autorità comunale ma alle fasi ricorsuali” e che “di regola un’interpellanza non deve chiedere informazioni al Municipio su attività dello stesso in passate gestioni”, evidenzia tuttavia come il presente caso sia da ritenersi “eccezionale e la risposta permetterà ai consiglieri comunali e alla popolazione di essere adeguatamente informati”. 

Iter espropriativo terminato?

Ricordando che la pratica è estremamente complicata in particolare per i ricorsi presentati dalla proprietaria del terreno sia contro l’espropriazione formale sia contro la licenza edilizia, Rusconi e colleghi chiedono se l’espropriazione è terminata e con quale costo, se la licenza edilizia è cresciuta in giudicato, se il preventivo di spesa è stato aggiornato e a quanto ammonta l’investimento; e, ancora, se per il finanziamento di parte del nuovo centro scolastico è ancora valida l’idea, elaborata dal Municipio di Sementina, di vendere taluni sedimi e di modificare la destinazione di quello sul quale si trova l’attuale scuola destinandolo alla zona residenziale e commerciale, ciò che dovrebbe produrre un incasso per la Città di 10 milioni di franchi.

‘Lavagne che si staccano dalle pareti’

Dal canto suo la consigliera Sabina Calastri in una seconda interpellanza ricorda che lo stanziamento di 13 milioni da parte del Cc di Sementina risale ormai al lontano 2012: previsti quattro blocchi con dieci aule per le lezioni, cinque aule per gli insegnamenti speciali, uffici, biblioteca scolastica comunale e seconda palestra. “Siamo all’inizio della seconda legislatura della Città di Bellinzona, ma non si è mai parlato di questo progetto tanto atteso da docenti e famiglie”. Peraltro le attuali scuole, costruite sei decenni fa, “negli ultimi anni non hanno più subito interventi di manutenzione e di riattazione, proprio a seguito dell’approvazione del credito di costruzione del nuovo istituto”. Ciò che le rende “carenti dal punto di vista della sicurezza e della salute di allievi e insegnanti”. L’elenco è preoccupante: “Nei muri ci sono perdite d’acqua con conseguente creazione di muffe e incrostazioni, i serramenti non sono a norma (vetri singoli e non doppi e antisfondamento, assenza di porte di emergenza con maniglioni antipanico e scale antincendio), l’impianto di riscaldamento a nafta è vetusto e rumoroso, le tubazioni sono incrostate di ruggine. Negli ultimi mesi inoltre alcune lavagne si sono rotte e staccate di colpo dalle pareti durante le lezioni, rischiando di mettere in pericolo la sicurezza degli allievi”. Anche gli spazi esterni, primi di giochi e recinzione, lasciano a desiderare. Le domande vertono dunque sull’avanzare dell’iter, sulla qualità delle dotazioni previste in quanto a banchi e lavagne, nonché sulla necessità di un catasto degli edifici pubblici indicanti standard energetico, anno di costruzione, manutenzione necessaria e investimenti necessari.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona comune investimento ricorsi sementina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved