COL Avalanche
4
BOS Bruins
3
fine
(1-0 : 0-3 : 2-0 : 1-0)
a-tutta-birra-col-teleriscaldamento-nel-sopraceneri
Il termovalorizzatore di Giubiasco (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
16 min

Bedano, Aranno e quel bisogno di incontrarsi

Nei due Comuni si lavora per realizzare un punto d’incontro e, rispettivamente, un centro diurno sociale per tutta la popolazione
Luganese
1 ora

Società di Carona sequestrata dall’antimafia, attiva dal 2002

Socio e gerente con firma individuale, un 59enne residente a Campione d’Italia sospettato di legami con la ’ndrangheta
Mendrisiotto
1 ora

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Prostra promuove i due progetti ticinesi. Stralciata (e per sempre) la circonvallazione fra Stabio est e il Gaggiolo
Ticino
8 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
8 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
9 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
9 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
10 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
10 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
12 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
12 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
27.05.2021 - 16:560
Aggiornamento : 17:47

A tutta birra col teleriscaldamento nel Sopraceneri

Da gennaio 2022 sarà attiva a Bellinzona una nuova società di servizi costituita da Amb, Acr, Eet e Ses: previsti investimenti per 250 milioni di franchi

a cura de laRegione

Si chiamerà presumibilmente Servizi Calore Sa, avrà sede a Bellinzona e conterà su di un capitale azionario di un milione di franchi portato in parti uguali dalle quattro società costituenti che sono l'Azienda multiservizi di Bellinzona (Amb), l'Azienda cantonale dei rifiuti (Acr), l’Azienda elettrica ticinese (Aet) e la Società elettrica sopracenerina (Ses). Insieme dal prossimo anno uniranno le forze negli ambiti della produzione e della distribuzione di calore per dare vita a una nuova società di servizi che opererà a livello regionale con un centro di competenze. Avanti dunque col teleriscaldamento partendo dall'esempio virtuoso del termovalorizzatore di Giubiasco (gestito dall'Acr) che invia il proprio calore nella rete della Teris Sa (60% azionariato Aet, 40% Acr) estesa dal Piano di Magadino fino a Bellinzona. Aet e Ses sono inoltre azioniste (50% ciascuna) della Calore Sa che ha sviluppato diversi impianti di produzione soprattutto nel Locarnese. Ses dal canto suo ha sviluppato un importante progetto di teleriscaldamento insieme al Comune di Losone. Al di fuori di questa cerchia, di buoni esempi nell'Alto Ticino ce ne sono cinque, partendo del precursore Faido al quale negli anni si sono aggiunti i Comuni di Biasca, Quinto, Blenio e Acquarossa, tutti con tecnologia che sfrutta il cippato di legna.

Dalla Città 250mila franchi

Le direzioni delle quattro aziende promotrici hanno per ora firmato una lettera d’intenti e gettato le basi per costituire la nuova società partecipata in parti uguali. Nel frattempo i Consigli di amministrazione di Aet, Acr e Ses hanno già avallato il progetto; mentre l'Amb, specifica il direttore Mauro Suà, operando in regime di ente autonomo di diritto comunale necessiterà dell'avallo del Legislativo sulla base del messaggio municipale, firmato ieri, che chiede lo stanziamento di 250mila franchi. La partnership, viene specificato in un comunicato, “ha quale obiettivo la promozione del teleriscaldamento attraverso la creazione di nuove reti e lo sviluppo di quelle esistenti”. Come detto, Teris è un solido punto di partenza, cui si è nel frattempo aggiunta in città la nuova centrale a termopompa sorta nei pressi dello Stadio comunale dove vengono sfruttati i vecchi pozzi dell'acqua potabile dismessi. «L'obiettivo – aggiunge Suà – è puntare sulle energie rinnovabili, in primis cippato e sistemi con termopompe». Rimane per contro ancora in sospeso la prevista, ma finora mai realizzata, centrale a gas con la quale Amb sfrutterebbe la lavorazione dei rifiuti vegetali. 

Politica energetica

I sistemi di riscaldamento e di produzione di calore industriale sono oggi responsabili del 42% delle emissioni di CO2 prodotte in Svizzera; il rinnovo dei sistemi di fornitura del calore “sarà quindi un tassello indispensabile al raggiungimento dell’obiettivo di azzeramento delle emissioni entro il 2050” in base alla Strategia energetica varata dalla Confederazione. Le reti di teleriscaldamento alimentate da fonti rinnovabili “sono pertanto destinate a crescere in maniera importante nei prossimi decenni”.

Investimenti per 250 milioni fino al 2050

La nuova società fornirà risorse, competenze e strumenti necessari allo sviluppo di questa tecnologia in Ticino. Fungerà insomma da centro di competenze e fornirà servizi negli ambiti dello studio, progettazione, realizzazione, gestione e manutenzione di reti di teleriscaldamento. I servizi verranno offerti alle stesse aziende partner e ad altri enti o aziende interessati a implementare questa tecnologia. Nei prossimi anni i quattro partner prevedono di promuovere investimenti nello sviluppo di reti di teleriscaldamento nell’ordine dei 250 milioni di franchi: 100 milioni fino al 2035 e ulteriori 150 entro il 2050, che rapportato agli investimenti totali attuali delle quattro aziende madri (solo Amb ha investito negli ultimi anni tra i 15 e i 20 milioni all’anno sul territorio) risulta prudente (circa 8 milioni/anno). In un secondo tempo la società potrebbe essere aperta anche ad altri attori operanti sul territorio cantonale.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved