ziic-di-biasca-nuova-strategia-per-attirare-aziende
Prove di rilancio per la Zona industriale d'interesse cantonale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Alpe Cedullo, giornata di pulizia dei pascoli

Organizzata dal Gruppo di lavoro dei Patriziati del Gambarogno e dalla Società cacciatori Locarnese e Valli
gallery
Mendrisiotto
3 ore

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato
Ticino
4 ore

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
18 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
20 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
20 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
20 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
20 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
21 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
21 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
22 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
23 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
23 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
23 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
1 gior

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
1 gior

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
1 gior

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
1 gior

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
1 gior

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
1 gior

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
laR
 
29.05.2021 - 05:30

Ziic di Biasca, nuova strategia per attirare aziende

Si pensa a una suddivisione in più spazi dei grandi stabili presenti nella zona industriale. In questo modo le ditte avrebbero più facilità a insediarsi.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Da tempo ci si interroga sul futuro della Zona industriale d’interesse cantonale (Ziic) di Biasca. Un comparto che dispone di vie d’accesso e servizi di prim’ordine ma che non è mai decollato, nonostante non manchino i contatti con ditte interessate a insediarsi. Una situazione che ha indotto gli addetti ai lavori ad attuare una nuova strategia, come spiega alla ‘Regione’ il municipale Joël Rossetti, capo del Dicastero sviluppo economico che tra i vari compiti si concentra sulla gestione della Ziic. L’idea è quella di riconvertire e suddividere in più spazi gli stabili di grandi dimensioni lasciati liberi dalle partenze degli ultimi anni (Airlight Energy Manufacturing Sa, Termogramma, Intervalves ed x Smb rilevata nel 2017 dal gruppo Riganti), al fine di rispondere meglio alle esigenze delle aziende interessante. «Essendo un polo di sviluppo cantonale, puntiamo ad avere insediamenti con un valore aggiunto», afferma Rossetti, indicando l’intenzione di volersi orientare maggiormente verso l’industria legata alle scienze della vita e della biotecnologia. «Non più un industria pesante, legata ad esempio all’acciaieria e allo stoccaggio, ma un cambio di paradigma per attirare aziende per esempio attive in ambito farmaceutico, nutriceutico o anche nel campo della ricerca e sviluppo». Si vuole dunque rinfrescare l’immagine delle Ziic dividendo in più settori gli stabili presenti ma anche puntando sul marketing (in questo senso il municipale giudica molto positiva la recente realizzazione del nuovo sito web Polo di sviluppo economico). La strategia è dunque delineata, anche se ancora da affinare. «Come Comune dobbiamo ancora valutare con che impegno andare in questa direzione. Il contatto con il Cantone e l'Ente regionale di sviluppo non manca. Ci sono poi altri aspetti da approfondire insieme ai proprietari degli stabili». 

Stefano Melera, manager d’area della Ziic, entra maggiormente nel dettaglio: «i contatti con gli imprenditori non mancano, il discorso che stiamo facendo è quello di migliorare l’offerta. Ci sono alcuni grandi stabili (con superficie interne di 3'500/4'000 metri quadri) dismessi da tantissimi anni e costruiti sulla base delle indicazioni delle aziende che si insediavano 20/30 anni fa. Oggi non sono più al passo coi tempi e presentano delle caratteristiche che non vanno più bene». Negli ultimi tempi, spiega Melera, «osserviamo la tendenza di aziende innovative che hanno necessità di spazi più piccoli e non vanno quindi a prendersi un immobile così grande. Con gli strumenti odierni, un’azienda può infatti produrre in spazi più piccoli». Quali saranno i prossimi passi? «Per aumentare l’attrattiva dobbiamo innanzitutto definire un concetto di ristrutturazione. Si pensa per esempio a uno stabile multiservizi, con uffici modulari per ospitare più aziende innovative, inserendo servizi come una sala riunioni o una mensa. Valutazioni andranno fatte sulla ripartizione dei costi degli investimenti, perlopiù interventi mirati senza spendere grandi cifre. 

Attualmente la Ziic conta tra i 200 e i 250 posti di lavoro grazie alla presenza delle ditte Polyeflon, Helsinn e Mediluc, quest’ultima – attiva nella produzione di protesi mediche – trasferitasi recentemente da Bodio. In tempi brevi, informa il municipale Rossetti, dovrebbe instaurarsi anche una ditta nutriceutica. «Se le aziende hanno un valore aggiunto – aggiunge Stefano Melera – c’è anche la possibilità di assorbire i salari e le fluttuazioni di cambio, mentre se si tratta di dite legate alla vecchia economia, alla produzione di materie prime, si fa più fatica». Come detto il focus – ma senza chiudere la porta ad altri settori – sarà su scienze biologiche, medicina, ingegneria, fisica, chimica, farmacologia, ricerca e sviluppo ed energie rinnovabili. 

Tre Valli

Industria ed edilizia, stabili i posti di lavori

Era febbraio 2020 quando su questo giornale i sindacati Unia e Ocst annunciavano la perdita di trecento posti di lavoro nelle Tre Valli in cinque anni. Un bilancio impietoso che non ha però subito un peggioramento particolarmente significativo a causa del coronavirus. Per quanto riguarda il settore industriale e dell'edilizia, spiega il sindacalista Ocst Claudio Isabella, «le ditte che erano in difficoltà avevano cessato l’attività già prima della pandemia, mentre le poche aziende rimaste, società conosciute e radicate nella regione, sono relativamente solide e nell’ultimo anno e mezzo sono dunque riuscite a cavarsela anche grazie al lavoro ridotto. È chiaro che quando verranno a mancare gli aiuti bisognerà stare attenti alle possibili conseguenze». Ad accusare maggiormente il colpo, continua il vicesegretario regionale di Ocst, è stato il settore alberghiero, della ristorazione, dell’ artigianato e degli eventi, dove «osserviamo la perdita di diversi posti di lavoro, in particolare all'estremo nord delle valli». I dati di aprile 2021 indicano per la Riviera e la Leventina un tasso di disoccupazione pari al 3,4%, mentre va meglio la Valle di Blenio dove il dato si attesta al 2,9%. La media cantonale è del 3,2%; 3,4% quella nazionale. 

Igor Cima, sindacalista di Unia e municipale di Riviera, guarda con interesse al polo tecnologico dell’aviazione di Lodrino. Il suo auspicio è che «arrivino aziende che paghino salari dignitosi, generando così opportunità di lavoro per chi vive nella regione». Per farlo serve però la collaborazione di tutti gli attori coinvolti: Comuni, Cantone ma anche i partner sociali. Infatti pure i sindacati «hanno una rete di conoscenze e informazioni utili che, se considerate, possono evitare l’insediamento di aziende che poi fanno solo disastri». Spostandoci in Alta Leventina, alcuni grandi progetti si stanno sviluppando, come la nuova pista dell’Hcap o il secondo tubo della galleria del San Gottardo e la prevista riqualifica del fondovalle ad Airolo. «È un’occasione da non perdere e che potrebbe permette di riqualificare il personale che ha perso il suo impiego. In particolare per i lavoratori over 50 che fanno ovviamente fatica a trovare altri sbocchi. Lo stato dovrebbe ad esempio dare gli strumenti necessari legati alla formazione professionale per reintegrare queste persone nel mondo del lavoro».

Michele Beffa (Tenconi Sa): ‘Gli ordini in aumento segnalano una ripresa’

Proprio in Alta Leventina la ripresa economica post pandemia è sempre più reale: «Gli ordini sono aumentati del 20% rispetto al 2020 e questo ci dà fiducia per quest’anno», afferma a ‘laRegione’ Michele Beffa, direttore della Tenconi Sa, ditta di Airolo attiva nella metalmeccanica. Un altro segnale di ripresa, che genera però anche qualche difficoltà, è rappresentato dal fatto che da settembre i prezzi delle materie prime «sono saliti in alcuni casi fino 30%». Sono però «piccoli dolori che si patiscono volentieri: ben venga se c’è un aumento temporaneo se questo è sinonimo di ripresa». Anche se la Tenconi Sa sembra aver superato piuttosto indenne il periodo nero della pandemia, l’azienda non ha potuto evitare alcuni licenziamenti. Tuttavia, spiega Beffa, «rientravano nella media delle fluttuazioni naturali degli ultimi dieci anni». Più che altro abbiamo dovuto limitare un po’ le nuove assunzioni». La ditta ha quindi solamente sostituito il personale essenziale che negli ultimi due anni sono andati in pensione, mentre «negli anni precedenti avevamo un po’ più di margine per assumere qualche apprendista in più o persone che facevano capo alla disoccupazione e all’aiuto sociale». Ora la speranza è che la ditta, nell’anno del suo 150° anniversario, possa tornare ad assumere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aziende biasca rilancio zona industriale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved