BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
infermiere-licenziato-a-bellinzona-no-trasferito
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Media, i comunisti chiedono di monitorare il pluralismo

Una mozione chiede di effettuare un’analisi annuale delle testate pubbliche e private per vedere se danno voce a tutti. Intervista a Massimiliano Ay
Ticino
3 ore

Meteo, in corso uno degli inverni più caldi

Temperature record in montagna. Luca Nisi di MeteoSvizzera: ‘È la frequenza del fenomeno a essere sintomo del cambiamento climatico’
Luganese
3 ore

Circo Knie: fra ‘Cenerigraben’ e futuro incerto in Ticino

Dove andrà il tendone nazionale? Da Trevano a Breganzona, alcune ipotesi sul tavolo. E mentre la famiglia rassicura, si mormora di un addio al cantone
Locarnese
3 ore

In estate più alto il livello del Lago Maggiore

Ma le manovre, volute per evitare le ripercussioni di un’eventuale siccità a valle della Miorina, sono criticate dalle località rivierasche
Ticino
11 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
11 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
12 ore

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
13 ore

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
13 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
13 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
18.05.2021 - 15:090
Aggiornamento : 16:12

Infermiere licenziato a Bellinzona? No, trasferito

Casa anziani comunale: assunto a tempo determinato all'inizio della seconda ondata, è stato spostato quando si appurato un esubero per i letti rimasti vuoti

Si chiariscono alcuni punti della vicenda di un infermiere della casa anziani comunale di Bellinzona, situata in piazza Mesolcina, il quale stando a un’interpellanza dell’Mps sarebbe stato “licenziato poiché fratello di un altro collaboratore della struttura”. Provvedimento sfociato in una petizione di protesta che i colleghi avevano inviato a fine marzo al direttore del Settore anziani, Silvano Morisoli, che ha risposto loro a inizio aprile. Solo alcuni paragrafi sono però stati citati dall’Mps nella propria interpellanza, fra cui quello della compresenza nella medesima struttura di dipendenti con rapporti di parentela. Il Municipio, conferma la missiva di Morisoli di cui la ‘Regione’ è entrata in possesso, “ha per politica, condivisa da questa Direzione, di evitare in linea di principio l’attività nello stesso servizio e sede di lavoro di persone con stretti legami familiari”. Norma che però non figura nel Regolamento organico dei dipendenti, lamenta l’Mps.

Incarico prolungato di tre mesi

La lettera di Morisoli ricostruisce l’accaduto. Anzitutto emerge che l’infermiere è stato assunto con un incarico a termine – perciò non è poi stato licenziato – da metà settembre 2020 a fine gennaio 2021 allo scopo di ottemperare ai parametri richiesti dalla direttiva sulla chiave di ripartizione del personale elaborata dall’Ufficio del medico cantonale. Stando a nostre informazioni, il fatto di poter lavorare nello stesso ambiente del fratello è stato uno strappo alla regola dettato dall’emergenza pandemica. Ma la stessa pandemia (come peraltro accaduto nel resto del Ticino e nel Moesano) ha poi fatto aumentare il numero di letti vuoti nei ricoveri, tanto che per fine 2020 veniva indicato alla casa Mesolcina una sovra dotazione di personale; ciò nonostante l’incarico all’infermiere è stato prolungato dalla Direzione sino a fine marzo 2021, in attesa dei dati aggiornati che verso metà marzo hanno poi in effetti evidenziato un leggero esubero di personale alla Casa Mesolcina e una sottodotazione alla Pedemonte. Da qui la decisione municipale di trasferirvi l’infermiere prolungandone l’incarico sino a fine giugno 2021. Nella medesima lettera il direttore ricordava che un collaboratore non è dipendente della singola sede ma della Città, “di conseguenza può di principio essere chiamato a operare in una delle quattro sedi a dipendenza dei bisogni”. Quanto all’infermiere in questione, le sue capacità e professionalità “non sono messe in discussione e nulla gli viene rimproverato”.

Concorso d'assunzione

Sempre nella lettera Morisoli tranquillizzava sul fatto che i posti fissi del personale nominato “non sono messi in discussione”. Il perdurare della situazione pandemica “potrebbe semmai portare a non procedere con nuove assunzioni, qualora la dotazione in organico non lo permettesse”. Nel frattempo la Città tra fine aprile e inizio maggio ha invece pubblicato dei bandi di concorso per l’assunzione di infermieri e altro personale nelle case anziani: la persona in questione, qualora fosse intenzionata a farlo, risulta avere le carte in regola per candidarsi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved