ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 min

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
12 min

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
13 min

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
13 min

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
Ticino
30 min

Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’

Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Bellinzonese
52 min

La Fondazione Idea di Helvetia sostiene la ginnastica cantonale

Consegnato un contributo di 5’000 franchi a favore del Galà 2023
Ticino
1 ora

BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni

I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Bellinzonese
1 ora

Il Coro Alto Ticino in concerto a Faido

Appuntamento per il 10 dicembre alle 17.30 nella chiesa dei Frati Cappuccini
Ticino
1 ora

Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni

Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Locarnese
1 ora

Locarno: realtà giovanili, oltre la superficie

Conferenza al Centro professionale (Spai) con sei relatori per affrontare diversi temi
Luganese
1 ora

Pregassona, una panettonata contro la violenza sulle donne

Martedì 6 dicembre, l’associazione Mai più sola organizza una panettonata al Capannone di Pregassona
Mendrisiotto
1 ora

Annullato il mercatino di Castel San Pietro

L’evento, previsto domenica 4 dicembre, è stato cancellato a causa delle previsioni meteo
Bellinzonese
1 ora

Lampeggianti a Castelgrande, ma è solo uno shooting fotografico

Hanno fatto subito temere il peggio le luci blu nel prato del maniero di Bellinzona. Fortunatamente non si è trattato di nulla di preoccupante
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, la Legislazione dà l’accordo alla lite con l’Fc

La decisione definitiva sarà presa dal Consiglio comunale il 19 dicembre. Oggetto del contendere quasi 123mila franchi non versati per l’uso dello stadio
Bellinzonese
1 ora

Meno costruzioni a Bellinzona? Attese le valutazioni del Cantone

Il Municipio risponde a un’interpellanza del gruppo Verdi/Mps/Fa: terrà conto della revisione del Piano direttore cantonale decisa dal Consiglio federale
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco

L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
Bellinzonese
2 ore

Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo

Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale
Locarnese
2 ore

Verzasca, premiati i vincitori del nuovo stemma

Gli elaborati erano stati valutati da una giuria e avallati dal legislativo. Prossimamente verrà allestita una mostra di tutte le 107 proposte inoltrate
Mendrisiotto
2 ore

Pedrinate avrà il suo nodo del trasporto pubblico

Il Municipio di Chiasso chiede al Consiglio comunale un credito di 1’051’000 franchi per creare la fermata ‘Pedrinate paese’
Bellinzonese
2 ore

Bambino in bici urtato da un’auto a Bellinzona: ferite non gravi

L’incidente oggi pomeriggio intorno alle 13 su viale Portone
laR
 
08.05.2021 - 11:05

Il nuovo sindaco di Quinto: 'L'aggregazione sarebbe positiva'

Per Aris Tenconi una fusione con Airolo, Dalpe, Bedretto e Prato Leventina porterebbe vantaggi a livello di turismo, infrastrutture e grandi progetti

il-nuovo-sindaco-di-quinto-l-aggregazione-sarebbe-positiva
Aris Tenconi, 44 anni, nel suo studio di architettura (Ti-Press/D.Agosta)

Un’aggregazione in Alta Leventina sarebbe «sicuramente qualcosa di positivo», ma resta un’operazione «difficile» da portare a termine. Il liberale radicale Aris Tenconi, nuovo sindaco di Quinto, è sulla stessa lunghezza d’onda del suo predecessore Valerio Jelmini ed è quindi convinto che una fusione con Airolo, Dalpe, Bedretto e Prato Leventina potrebbe essere vantaggiosa a livello di turismo, infrastrutture e grandi progetti per tutta la regione. Tuttavia, «tutti devono essere d’accordo». Tenconi, 44 anni, è architetto ed è in politica da diverso tempo: nel 2008 è entrato in Consiglio comunale (seguendo le orme della madre), nel 2018 è subentrato in Municipio e ora è diventato sindaco. Tra i suoi obiettivi per questa legislatura vi è la rivitalizzazione dei nuclei delle frazioni e lo sviluppo dell’offerta turistica, che potrà anche contare sugli impulsi generati del nuovo stadio multifunzionale dell’Ambrì-Piotta.

L’elezione per il sindacato è avvenuta in modo tacito. Si aspettava che sarebbe stato l’unico candidato?

Nel 2020 erano state presentate tre liste e quindi la popolazione sarebbe dovuta andare a votare per eleggere il Municipio. Poi la situazione è un po’ cambiata a causa della pandemia e quindi, dopo una discussione generale, è stato deciso di svolgere tacitamente queste elezioni. Il Plr è il partito di maggioranza e quindi la mia candidatura è stata accolta favorevolmente da tutti. In ogni caso fino a quando ero in Consiglio comunale non avrei pensato di diventare così presto sindaco. Una carica che ho accettato con piacere ed entusiasmo.

Ora che è sindaco dovrà diminuire la sua percentuale lavorativa?

Dovrò ridurre un po’ l’attività nello studio di architettura di cui sono il titolare, perché essere sindaco è ovviamente più impegnativo rispetto a essere municipale. I miei collaboratori comunque mi sostengono in questa avventura.

Quali sono le priorità del Municipio per la prossima legislatura?

Innanzitutto portare a termine il prima possibile i grandi cantieri già avviati. Penso in particolare alla nuova Valascia che in settembre sarà pronta. Tuttavia, rimane ancora aperta la questione della gestione di tutto il comparto dell’aeroporto: all’aviazione, alle poche gare automobilistiche concesse, ai corsi di guida, al carnevale estivo o alla fiera agricola si aggiungeranno tutte le manifestazioni legate al nuovo stadio. Eventi che potranno avvenire in contemporanea con altri o che potranno richiedere l’occupazione dell’aeroporto. Bisognerà quindi riuscire a conciliare le manifestazioni più locali con quelle di portata più ampia. Inoltre, bisognerà anche tener conto delle esigenze degli agricoltori. Insomma, bisognerà tener conto di tutti gli interessi in gioco.

Ci sono novità riguardo alla zona industriale a fianco dell’aeroporto, a sud del paese di Piotta, dove in passato diverse iniziative promettenti per finire non sono andate in porto?

Recentemente il gruppo Wolfisberg (garage e soccorso stradale) ha acquistato i grandi capannoni presenti nella zona e ora vuole ristrutturarli. In seguito verranno in parte utilizzate dal proprietario e in parte affittati a ditte che hanno bisogno spazi. Si tratta di una buona occasione per eventuali nuove aziende che si vogliono stabilire sul territorio e che così non dovranno costruirsi il loro capannone. Potranno dunque iniziare la loro attività con spese minori. Quindi, dopo tanti anni di stallo, un piccolo rilancio di questa zona lo si intravvede e con l’avvio dei lavori per la seconda canna del San Gottardo, l’area potrebbe suscitare l’interesse di diverse aziende.

Personalmente quali sono i suoi obiettivi?

Ultimamente abbiamo ricevuto qualche domanda di costruzione per nuove abitazioni e richieste di domicilio. Ci sono quindi persone interessate a trasferirsi a Quinto che si sono probabilmente rese conto che in fondo non si è poi così lontani da Bellinzona. In questo contesto, per rendere il Comune ancora più attrattivo anche per abitazioni primarie, vorrei cercare di rivitalizzare i nuclei delle frazioni. Vorrei inoltre mettere l’accento sul turismo: abbiamo ad esempio la Val Piora che è fantastica e con la pandemia abbiamo notato che molte più persone sono venute a visitare la regione. E sono anche state acquistate o ristrutturate alcune case di vacanza.

Parlando di turismo: Quinto detiene il 20% delle azioni della Valbianca Sa che gestisce gli impianti di Airolo-Pesciüm (Airolo l’80%). Recentemente il presidente partente della società Giovanni Leonardi ha affermato alla 'Regione' che bisognerebbe investire decine di milioni di franchi per potenziare gli impianti, cosicché il comparto diventi la principale meta turistica invernale ed estiva dell’Alto ticino. Quinto è disposto a fare la sua parte?

Bisogna avere un progetto globale da sottoporre anche al Cantone per definire esattamente quali passi si vuole compiere nei prossimi venti anni in quest’ambito. Se e quanto investire sarà poi discusso in Consiglio comunale, dove mi aspetto un dibattito sicuramente acceso.

Quale impulsi possono portare i privati?

Anche solo l’insediamento di un paio di bed and breakfast o di piccole pensioni potrebbe generare un circolo virtuoso a favore di esercenti e altre attività sul territorio. Non bisogna solo puntare su grandi progetti. In generale, il turismo ha un grandissimo potenziale: attualmente è molto di giornata, ma se si crea qualcosa di interessante la gente resta. Infatti, siamo vicini sia per i ticinesi, ma anche per i visitatori d’Oltralpe: ad esempio da Zurigo in un’ora e mezza si arriva a Quinto. Inoltre, i grandi eventi che saranno organizzati grazie alla nuova Valascia aiuteranno da un lato l’economia locale, ma dall’altro farà soprattutto scoprire la bellezza della nostra regione a un pubblico più vasto che potrebbe quindi poi tornare per altre attività, come passeggiate, sport e così via.

Il suo predecessore era un grande sostenitore dell’aggregazione in Alta Leventina. Lei come la pensa?

In linea di massima sono favorevole anch’io. Secondo me bisognerebbe suddividere la valle in tre grandi regioni: l’Alta, la Media e la Bassa Leventina. L’esempio di Faido dimostra che con un’aggregazione è stato possibile avere a disposizione sufficienti risorse economiche per ampliare l’offerta turistica, per migliorare le infrastrutture e per avviare anche grandi progetti che un piccolo Comune non può pensare di realizzare da solo.

Senza la fusione, è quindi necessario collaborare con gli altri Comuni vicini...

In linea di massima in passato c’è stata una buona collaborazione. Ora sono però cambiati diversi sindaci di vari Comuni della regione come Airolo, Bedretto e Dalpe. Spero quindi che si possa proseguire su questa strada di collaborazione e buoni intendimenti.

Leggi anche:

Leonardi lascia Airolo: ‘Necessari massicci investimenti’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved