torna-in-collegiata-ma-non-solo-il-festival-antegnati
Il pregiato strumento cinquecentesco di Bellinzona
Bellinzonese
19.04.2021 - 17:340
Aggiornamento : 20.04.2021 - 18:22

Torna in Collegiata, ma non solo, il Festival Antegnati

Bellinzona: a maggio tre appuntamenti in città e altri due a Ravecchia e Giubiasco per la rassegna organistica

Cancellato la scorsa primavera a causa della prima ondata pandemica, e ridotto in autunno a un unico concerto, torna il prossimo mese di maggio il Festival Antegnati di Bellinzona, rassegna organistica che prende il nome dall'antico strumento della Collegiata e che coinvolgerà anche altre due chiese. Si comincia domenica 2 maggio con Luca Scandali che proporrà un itinerario attraverso tre secoli di letteratura organistica, evidenziando le peculiarità timbriche dell’organo bellinzonese arricchitesi nel tempo con successive integrazioni pur mantenendo intatta l’originaria voce cinquecentesca. Domenica 23 maggio Catalina Vicens offrirà l’esperienza inedita del confronto tra lo strumento della Collegiata e l’organo portativo, strumento di piccole dimensioni particolarmente diffuso durante il Medioevo: il programma spazierà dalla musica medievale al repertorio del primo barocco. Quindi domenica 30 maggio Lorenzo Ghielmi e gli interpreti vocali dell’ensemble La Divina Armonia presenteranno un programma dedicato alla letteratura del primo barocco italiano, all’interno di un ambito, quello della musica sacra, che maggiormente ha caratterizzato la tradizione musicale della produzione organistica. Gli appuntamenti in Collegiata saranno intercalati da due concerti che metteranno in risalto le qualità foniche di strumenti presenti nella regione: domenica 9 maggio Etienne Walhain proporrà un repertorio organistico europeo, da Bach a Schumann, mettendo in evidenza le caratteristiche foniche del recente e validissimo strumento della chiesa di Giubiasco; mentre domenica 16 maggio, nel suggestivo sito della chiesa di San Biagio a Ravecchia, Stefano Molardi e l’ensemble strumentale Les Goûts Réunis offriranno un repertorio dedicato all’influenza del violino nella musica di Bach. Seguirà in ottobre un concerto riservato agli allievi delle scuole cittadine. Entrata libera, ma a causa della situazione pandemica è richiesta la prenotazione dei posti a em.brugnoli@bluewin.ch o sms 079 488 68 39.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved