Atalanta
0
Inter
0
1. tempo
(0-0)
WAS Capitals
1
VAN Canucks
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
airolo-frapolli-chiede-1-5-milioni-altrimenti-chiudo-ravina
Oggetto del contendere i terreni su cui sorgono gli impianti di Ravina, Cassinello e Varozzei (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
3 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
3 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
4 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
4 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
4 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
5 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
5 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
6 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
Bellinzonese
6 ore

Il grande nord in un documentario

Appuntamento sabato 22 gennaio alle 20.30 al Cinema Leventina di Airolo
Mendrisiotto
6 ore

Riri sempre più polo dedicato agli accessori di lusso

La società di Mendrisio ha acquisito l’azienda toscana Dmc, specializzata nei componenti metallici per l’alta moda
Bellinzonese
6 ore

Riprendono gli spettacoli di Minimusica

Primo appuntamento mercoledì 19 gennaio all’oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona
Luganese
6 ore

Quando il robot te lo costruisci tu

Dal 5 febbraio a Lugano corsi per bambini dai 9 agli 11 anni promossi dall’associazione Robo-Si
Locarnese
6 ore

Brissago, sotto controllo l’incendio boschivo

Stamane ultimi lavori di bonifica da parte della decina di pompieri rimasta di picchetto. Limitati i danni alla vegetazione
Bellinzonese
8 ore

Disastro del Palasio, gli allievi torneranno in settembre

Domani a Giubiasco inizieranno i lavori per il ripristino edilizio vero e proprio che dureranno fino al 25 luglio, poi si procederà al trasloco
Ticino
10 ore

In Ticino 4 ricoveri in più in cure intense e nessun decesso

Nel nostro cantone, nelle ultime 24 ore, sono stati segnalati 1’221 nuovi contagi da coronavirus
Locarnese
11 ore

Locarno, l’Alliance ospita il fotografo Moreillon

Film e conferenza mercoledì alle 20 nella Sala congressi di Muralto
Ticino
1 gior

In Ticino 6 ricoveri in meno e nessun decesso

Sono 1’312 i contagi odierni, in ospedale restano ad oggi 167(-6) persone, di cui 15 (+1) in cure intense
Mendrisiotto
1 gior

Ferrovia Monte Generoso: rifatte le stazioni intermedie

Proseguono alacremente i lavori di ristrutturazione, fra imprevisti meteo e pandemia. Intervista al direttore del cantiere Pietro Brenni.
Gallery
Locarnese
1 gior

Brissago, l’ex cimitero come area di sosta per i camper

Presentata dal Plr una mozione che chiede di destinare il fondo a tale scopo. Così da favorire il turismo e generare indotti, evitando le soste selvagge
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo si scava in cerca della ‘zona di disturbo’

Seconda canna sotto il Gottardo: il tunnel di prospezione servirà a togliere la roccia più friabile localizzata a 5 chilometri dal portale sud
 
16.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:12

Airolo: Frapolli chiede 1,5 milioni ‘altrimenti chiudo Ravina’

Dopo il Tribunale d'appello anche la Pretura accoglie parzialmente le sue richieste sconfessando Patriziato e Boggesi, che potrebbero ancora ricorrere

«Sediamoci presto a un tavolo e vediamo di trovare il giusto accordo finanziario affinché io possa incassare quanto mi spetta di diritto». Piccolo contrattempo da un milione e mezzo di franchi per i Comuni di Airolo e Quinto azionisti rispettivamente per l’80 e il 20% della Valbianca Sa titolare degli impianti di Pesciüm, la principale stazione sciistica del Ticino. L’altolà agli altoleventinesi arriva dall’alta Valmaggia, da quel Giovanni Frapolli con base operativa a Lodrino che rilasciando l'altroieri un’intervista alla ‘Regione’ ha comunicato di voler abbandonare Bosco Gurin lamentando un inadeguato sostegno politico e patriziale alla sua attività di imprenditore invernale. Quel sostegno politico locale e cantonale che i vertici di Airolo-Pesciüm dal canto loro invocano (vedi il nostro articolo di mercoledì 14) per poter avviare a breve termine, attraverso la Valbianca Sa, il lungo iter necessario a effettuare il salto di qualità turistico partendo dal rinnovo della concessione federale degli impianti prevista nel 2037.

Quasi 5'000 metri quadrati l'oggetto del contendere

Tuttavia due degli impianti airolesi (lo ski-lift Ravina-Cassinello e la seggiovia Ravina-Varozzei) come pure la buvette di Ravina – nonché i tre terreni su cui sorgono lo châlet e le rispettive stazioni di partenza/arrivo ma non i tralicci di trasporto, stando alle ultime decisioni giudiziarie e pretorili riferite ai soli terreni – appartengono allo stesso Giovanni Frapolli. Il quale, ritenendo in cuor suo conclusa la battaglia legale protrattasi per 11 anni con il Patriziato di Piotta e i Boggesi Alpe Ravina in materia di proprietà dei terreni, si dice pronto a vendere strutture e fondi alla Valbianca Sa e a incassare quanto gli sarebbe dovuto, ossia una cifra pari a circa 1,5 milioni di franchi. Il tutto sulla base della decisione cresciuta in giudicato emessa nel 2019 dalla Camera Civile del Tribunale d’appello, che dopo ricorsi e controricorsi gli ha dato ragione sulla proprietà di 4’668 metri quadrati di terreni in gran parte prativi che Patriziato e Boggesi ritenevano, a torto, fossero di loro competenza; e poi la conseguente decisione (non ancora cresciuta in giudicato) adottata lo scorso 30 marzo dalla Pretura di Leventina che accogliendo parzialmente la petizione di Frapolli datata novembre 2010 attribuisce i mappali in questione alla sua Centri Turistici Montani Sa: si tratta di 3’752 metri a Ravina (con inclusi 518 metri edificati con châlet-buvette), di 464 metri alla stazione di arrivo di Varozzei e di 452 metri in zona Cassinello vicino al Sasso della Boggia. Negato per contro, come lo stesso tribunale aveva deciso nel 2019, il diritto di passo pedonale e veicolare su taluni terreni del Comune di Airolo. La decisione pretorile sino a metà maggio sarà impugnabile da Patriziato e Boggesi con un ricorso al Tribunale d’appello.

L'asta del 2004 e la vertenza legale

L’ingarbugliata vicenda, come ricostruito in due nostri articoli pubblicati il 13 e il 19 novembre scorsi, ha inizio nel 2004 quando sotto il peso dei debiti fallisce la Funivie San Gottardo Sa proprietaria degli impianti sciistici di Airolo-Pesciüm. Frapolli li ritira quello stesso anno all’asta per 4,2 milioni, compreso il diritto di ottenere da Patriziato e Boggesi i terreni su cui sorgono le infrastrutture di Ravina, Cassinello e Varozzei. Dopo alcune decisioni giudiziarie dapprima favorevoli a Patriziato e Boggesi, e successivamente favorevoli a Frapolli a seguito di suoi ricorsi, la vertenza giunge ai giorni nostri con l’ultima decisione pretorile. Pretura di Leventina cui il Tribunale d’appello imponeva di attribuire fattualmente le tre proprietà fondiarie alla Centri Turistici Montani Sa di Frapolli, incaricando quest’ultima sia di accollarsi le spese di Registro fondiario dovute al trapasso di proprietà dalla fallita Funivie San Gottardo Sa, sia di versare a Patriziato e Boggesi 16mila franchi quale equa indennità, mentre tasse di giustizia e altre spese per 40mila franchi sono poste a carico per tre quarti di Patriziato e Boggesi, più 24mila franchi di spese legali a favore di Frapolli.  

‘Un ricorso sarebbe solo perdita di tempo, a caro prezzo’

«È vero – commenta Frapolli alla ‘Regione’ – che la decisione della Pretura di Leventina non è ancora cresciuta in giudicato e che Patriziato e Boggesi potrebbero ancora rivolgersi nei prossimi giorni al Tribunale d’appello. Ma si tratterebbe di un ricorso privo di senso poiché lo stesso tribunale nel 2019 si è già espresso chiaramente e in modo definitivo a mio favore. Ricorrere oggi significherebbe unicamente mettere i bastoni fra le ruote e prolungare la già annosa vicenda, causando peraltro altre ingenti spese legali e giudiziarie che finirebbero per sommarsi a quelle già sopportate». Detto questo, prosegue Frapolli, «per me è importante chiarire che voglio vendere al giusto prezzo impianti e terreni alla Valbianca Sa, affinché si chiuda definitivamente la vicenda e la società stessa possa mettere in atto tutto quanto di sua competenza per assicurare un solido futuro all’intero comprensorio di Airolo-Pesciüm, e non solo di una parte di esso».

Un primo milione e mezzo era già stato versato

Va pure ricordato che nel 2009 fu la Valbianca Sa – appositamente costituita in gran segreto dai Comuni di Airolo e Quinto con l’aiuto di Lugano per prendere in mano la stazione invernale alto leventinese – a ritirare all’asta, con la sorpresa di tutti e per soli 70mila franchi, gli impianti di Pesciüm che erano di Frapolli e che valevano 7,73 milioni. Settantamila franchi cui in seconda battuta si aggiunse il versamento di un milione e mezzo a copertura della riserva di proprietà a suo tempo iscritta a Registro fondiario da Giovanni Frapolli. «Cui va oggi aggiunta – confida lui – un’altra cifra analoga per i terreni di Ravina, Cassinello e Varozzei e per le infrastrutture che vi sorgono sopra. Mi piacerebbe che l’accordo venisse trovato in tempi brevi». In caso contrario, avverte Frapolli, «il prossimo inverno sono pronto a tenere chiusa la parte del comprensorio sciistico di Ravina, che è peraltro il più bello. E allora, addio stagione invernale. Un po’ come succederà a Bosco Gurin, ma per altri motivi».

Le parti valutano, lo si saprà a metà maggio

Interpellato dalla ‘Regione’ Giovanni Leonardi, presidente della Valbianca Sa, per ora non si esprime rinviando ogni valutazione al momento in cui si saprà se Patriziato e Boggesi avranno o no interposto ricorso attraverso la loro legale. Una decisione in tal senso sarà presa dopo le elezioni comunali, sentiti anche i pareri della Valbianca Sa e delle nuove autorità comunali che prenderanno in mano le redini di Airolo e Quinto. Comuni cui competerebbe appunto il versamento di 1,5 milioni per consentire a Valbianca di ritirare impianti e terreni.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved