ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
1 ora

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
1 ora

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
2 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
2 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
2 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
2 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
3 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
3 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
3 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
4 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
4 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
4 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
4 ore

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
4 ore

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
4 ore

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
5 ore

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
Bellinzonese
5 ore

Biasca, conferenza sull’abolizione della pena di morte in Ticino

Appuntamento per martedì 25 ottobre alle 19 al Museo militare Forte Mondascia. Il relatore sarà il giudice Werner Walser
Locarnese
5 ore

Progettazione Museo di storia naturale, la seconda fase

Una procedura complessa, ricorda il Cantone: ‘Il Santa Caterina a Locarno è un comparto pregiato dal profilo storico-culturale’
Locarnese
5 ore

Ascona, Concerto della Vos da Locarno

Nell’ambito dei festeggiamenti per il 70esimo di fondazione, la formazione canora di scena nella Chiesa evangelica sabato sera
Locarnese
5 ore

Alla Galleria Mazzi di Tegna le opere di Cortesi

Vernice dell’esposizione ‘Diario dell’asfalto’ dell’artista locarnese domenica alle 10.30
laR
 
16.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:12

Airolo: Frapolli chiede 1,5 milioni ‘altrimenti chiudo Ravina’

Dopo il Tribunale d'appello anche la Pretura accoglie parzialmente le sue richieste sconfessando Patriziato e Boggesi, che potrebbero ancora ricorrere

airolo-frapolli-chiede-1-5-milioni-altrimenti-chiudo-ravina
Oggetto del contendere i terreni su cui sorgono gli impianti di Ravina, Cassinello e Varozzei (Ti-Press)

«Sediamoci presto a un tavolo e vediamo di trovare il giusto accordo finanziario affinché io possa incassare quanto mi spetta di diritto». Piccolo contrattempo da un milione e mezzo di franchi per i Comuni di Airolo e Quinto azionisti rispettivamente per l’80 e il 20% della Valbianca Sa titolare degli impianti di Pesciüm, la principale stazione sciistica del Ticino. L’altolà agli altoleventinesi arriva dall’alta Valmaggia, da quel Giovanni Frapolli con base operativa a Lodrino che rilasciando l'altroieri un’intervista alla ‘Regione’ ha comunicato di voler abbandonare Bosco Gurin lamentando un inadeguato sostegno politico e patriziale alla sua attività di imprenditore invernale. Quel sostegno politico locale e cantonale che i vertici di Airolo-Pesciüm dal canto loro invocano (vedi il nostro articolo di mercoledì 14) per poter avviare a breve termine, attraverso la Valbianca Sa, il lungo iter necessario a effettuare il salto di qualità turistico partendo dal rinnovo della concessione federale degli impianti prevista nel 2037.

Quasi 5'000 metri quadrati l'oggetto del contendere

Tuttavia due degli impianti airolesi (lo ski-lift Ravina-Cassinello e la seggiovia Ravina-Varozzei) come pure la buvette di Ravina – nonché i tre terreni su cui sorgono lo châlet e le rispettive stazioni di partenza/arrivo ma non i tralicci di trasporto, stando alle ultime decisioni giudiziarie e pretorili riferite ai soli terreni – appartengono allo stesso Giovanni Frapolli. Il quale, ritenendo in cuor suo conclusa la battaglia legale protrattasi per 11 anni con il Patriziato di Piotta e i Boggesi Alpe Ravina in materia di proprietà dei terreni, si dice pronto a vendere strutture e fondi alla Valbianca Sa e a incassare quanto gli sarebbe dovuto, ossia una cifra pari a circa 1,5 milioni di franchi. Il tutto sulla base della decisione cresciuta in giudicato emessa nel 2019 dalla Camera Civile del Tribunale d’appello, che dopo ricorsi e controricorsi gli ha dato ragione sulla proprietà di 4’668 metri quadrati di terreni in gran parte prativi che Patriziato e Boggesi ritenevano, a torto, fossero di loro competenza; e poi la conseguente decisione (non ancora cresciuta in giudicato) adottata lo scorso 30 marzo dalla Pretura di Leventina che accogliendo parzialmente la petizione di Frapolli datata novembre 2010 attribuisce i mappali in questione alla sua Centri Turistici Montani Sa: si tratta di 3’752 metri a Ravina (con inclusi 518 metri edificati con châlet-buvette), di 464 metri alla stazione di arrivo di Varozzei e di 452 metri in zona Cassinello vicino al Sasso della Boggia. Negato per contro, come lo stesso tribunale aveva deciso nel 2019, il diritto di passo pedonale e veicolare su taluni terreni del Comune di Airolo. La decisione pretorile sino a metà maggio sarà impugnabile da Patriziato e Boggesi con un ricorso al Tribunale d’appello.

L'asta del 2004 e la vertenza legale

L’ingarbugliata vicenda, come ricostruito in due nostri articoli pubblicati il 13 e il 19 novembre scorsi, ha inizio nel 2004 quando sotto il peso dei debiti fallisce la Funivie San Gottardo Sa proprietaria degli impianti sciistici di Airolo-Pesciüm. Frapolli li ritira quello stesso anno all’asta per 4,2 milioni, compreso il diritto di ottenere da Patriziato e Boggesi i terreni su cui sorgono le infrastrutture di Ravina, Cassinello e Varozzei. Dopo alcune decisioni giudiziarie dapprima favorevoli a Patriziato e Boggesi, e successivamente favorevoli a Frapolli a seguito di suoi ricorsi, la vertenza giunge ai giorni nostri con l’ultima decisione pretorile. Pretura di Leventina cui il Tribunale d’appello imponeva di attribuire fattualmente le tre proprietà fondiarie alla Centri Turistici Montani Sa di Frapolli, incaricando quest’ultima sia di accollarsi le spese di Registro fondiario dovute al trapasso di proprietà dalla fallita Funivie San Gottardo Sa, sia di versare a Patriziato e Boggesi 16mila franchi quale equa indennità, mentre tasse di giustizia e altre spese per 40mila franchi sono poste a carico per tre quarti di Patriziato e Boggesi, più 24mila franchi di spese legali a favore di Frapolli.  

‘Un ricorso sarebbe solo perdita di tempo, a caro prezzo’

«È vero – commenta Frapolli alla ‘Regione’ – che la decisione della Pretura di Leventina non è ancora cresciuta in giudicato e che Patriziato e Boggesi potrebbero ancora rivolgersi nei prossimi giorni al Tribunale d’appello. Ma si tratterebbe di un ricorso privo di senso poiché lo stesso tribunale nel 2019 si è già espresso chiaramente e in modo definitivo a mio favore. Ricorrere oggi significherebbe unicamente mettere i bastoni fra le ruote e prolungare la già annosa vicenda, causando peraltro altre ingenti spese legali e giudiziarie che finirebbero per sommarsi a quelle già sopportate». Detto questo, prosegue Frapolli, «per me è importante chiarire che voglio vendere al giusto prezzo impianti e terreni alla Valbianca Sa, affinché si chiuda definitivamente la vicenda e la società stessa possa mettere in atto tutto quanto di sua competenza per assicurare un solido futuro all’intero comprensorio di Airolo-Pesciüm, e non solo di una parte di esso».

Un primo milione e mezzo era già stato versato

Va pure ricordato che nel 2009 fu la Valbianca Sa – appositamente costituita in gran segreto dai Comuni di Airolo e Quinto con l’aiuto di Lugano per prendere in mano la stazione invernale alto leventinese – a ritirare all’asta, con la sorpresa di tutti e per soli 70mila franchi, gli impianti di Pesciüm che erano di Frapolli e che valevano 7,73 milioni. Settantamila franchi cui in seconda battuta si aggiunse il versamento di un milione e mezzo a copertura della riserva di proprietà a suo tempo iscritta a Registro fondiario da Giovanni Frapolli. «Cui va oggi aggiunta – confida lui – un’altra cifra analoga per i terreni di Ravina, Cassinello e Varozzei e per le infrastrutture che vi sorgono sopra. Mi piacerebbe che l’accordo venisse trovato in tempi brevi». In caso contrario, avverte Frapolli, «il prossimo inverno sono pronto a tenere chiusa la parte del comprensorio sciistico di Ravina, che è peraltro il più bello. E allora, addio stagione invernale. Un po’ come succederà a Bosco Gurin, ma per altri motivi».

Le parti valutano, lo si saprà a metà maggio

Interpellato dalla ‘Regione’ Giovanni Leonardi, presidente della Valbianca Sa, per ora non si esprime rinviando ogni valutazione al momento in cui si saprà se Patriziato e Boggesi avranno o no interposto ricorso attraverso la loro legale. Una decisione in tal senso sarà presa dopo le elezioni comunali, sentiti anche i pareri della Valbianca Sa e delle nuove autorità comunali che prenderanno in mano le redini di Airolo e Quinto. Comuni cui competerebbe appunto il versamento di 1,5 milioni per consentire a Valbianca di ritirare impianti e terreni.

Leggi anche:

Bosco, Frapolli se ne va! 'Troppi attriti, nessun aiuto'

Airolo-Ravina finalmente non sarà più terra di nessuno

Impianti di Airolo: 'La stagione è garantita'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved