il-primo-passo-di-biasca-verso-il-centro-intergenerazionale
Il progetto vincitore (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
3 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
3 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
3 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
4 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
4 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
4 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
4 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
4 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
5 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
5 ore

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
Luganese
5 ore

Filarmonica di Castagnola in concerto

Domenica 19 giugno al Lac il secondo concerto per gli ottant’anni del sodalizio, rinviato più volte a causa della pandemia
Locarnese
6 ore

Ascona, incontro con Luca Pfaff

Il direttore d’orchestra sarà ospite della Biblioteca popolare mercoledì prossimo. Presenterà il suo libro
12.04.2021 - 18:21
Aggiornamento : 17.12.2021 - 11:23

Il primo passo di Biasca verso il centro intergenerazionale

Svelato il progetto che cambierà volto al comparto Bosciorina.

Per il Comune di Biasca è sicuramente un progetto cruciale quello che intende cambiare il volto del comparto Bosciorina; qui si prevede infatti la realizzazione di nuovi stabili scolastici (scuola elementare e scuola dell’infanzia con annesso una palestra doppia) oltre che spazi per il Servizio educazione precoce speciale (Seps) e per la Bibliomedia. Il tutto, per un investimento complessivo stimato in 30 milioni di franchi, strizzando l’occhio al concetto di intergenerazionalità, che pone l’obiettivo di creare occasioni d’incontro e di condivisione tra i vari utenti del comparto. Una visione che si sposa con l’edificazione della nuova casa per anziani – pure prevista sul medesimo sedime per un costo pari a ulteriori 20 milioni – per la quale è stata definita unicamente la volumetria che inevitabilmente dovrà essere considerata.

Analizzate oltre 50 candidature

Questa mattina nel Salone Olimpia l’Esecutivo ha presentato alla stampa la proposta vincitrice tra le oltre 50 analizzate dalla giuria presieduta dall’architetto lvano Gianola e coordinata dall’architetto Stefano Tibiletti, che ha infine optato per il progetto ‘Sistema’ elaborato dal gruppo interdisciplinare guidato dagli architetti Manlio Campana, Flavio Herrmann e Veruska Herrmann-Pisoni. «Gli edifici previsti dal nostro progetto sono quattro: scuola dell’infanzia (con integrazione del Seps), scuola elementare, palestra (comprensiva di aula multiuso e mensa) e Bibliomedia – spiega Veruska Hermann-Pisoni avvicinata dalla ’Regione’ −. L’elemento centrale sul quale ci siamo concentrati è la definizione degli spazi nell’ottica del concetto di intergenerazionalità, che sarà maggiormente legato alla Bibliomedia, all’aula multiuso e al parco pubblico della casa per anziani». Tra le opere collaterali è prevista la realizzazione di un viale alberato che dal nucleo del paese di Biasca porterà al nuovo centro intergenerazionale, la cui porta d’ingresso sarà la piazzetta compresa tra il portico della scuola e il fronte della futura casa anziani.

Verso una ‘Filanda del nord’

Per quanto riguarda il principio dell‘inclusione − dinamica che già avviene a Biasca e che sta particolarmente a cuore al Municipio – si prevede che le classi del Seps potranno svolgere attività insieme agli allievi delle Elementari e della scuola dell’infanzia, attualmente frequentate da poco più di 500 alunni. Il servizio Seps si rivolge principalmente ai neonati a rischio evolutivo e ai bambini in età prescolastica con sviluppo globale disarmonico, limitato o compromesso a causa di problemi motori o sensoriali. Orazio Dotta, direttore della Bibilomedia, si è detto entusiasta per quella che sarà una valorizzazione dell’apprezzata realtà già presente nel comparto Bosciorina. L’idea, ha spiegato Dotta alludendo a quanto realizzato a Mendrisio, è di diventare una ’Filanda del nord’, favorendo il coinvolgimento e la partecipazione di popolazione e associazioni nell’ambito di varie attività e iniziative.

Prossimo obiettivo: progettazione della casa anziani

«La strada è ancora lunga, ma si tratta di un primo passo importante che porterà a soddisfare le esigenze della popolazione biaschese», ha affermato il sindaco Loris Galbusera, sottolineando la possibilità di tagliare questo traguardo iniziale grazie alla coesione e alla collaborazione dimostrate dal Consiglio comunale e dal Municipio. Quanto ai prossimi passi, sarà avviata una nuova fase di analisi con l’obiettivo di affinare il progetto, definire i contenuti nel dettaglio e licenziare i messaggi per le richieste dei crediti necessari. Si stima l’inizio dei lavori entro due anni. Per quanto riguarda la nuova casa per anziani – opera necessaria dal momento che la struttura esistente non risponde più alle esigenze attuali – l’Esecutivo prevede di avviare il prima possibile un concorso di progettazione.

Tutti i progetti esposti fino al 2 maggio

Il progetto scelto, insieme a tutti gli altri, è visionabile dal pubblico nel Salone Olimpia fino al 2 maggio (sabato, domenica e festivi compresi) dalle ore 14 alle 18 (eventuali cambiamenti legati alla pandemia saranno notificati all’indirizzo internet www.biasca.ch).

Ritirato il messaggio relativo alla chiusura dei conti d’investimento

Cambiando tema e passando alla seduta del Consiglio comunale in programma oggi e domani, il Municipio ha deciso di ritirare il messaggio relativo alla chiusura dei conti d’investimento del Comune. Il motivo, afferma interpellato dalla ‘Regione’ il sindaco Galbusera, è da ricondurre alla chiusura contabile di un conto che l’Esecutivo vuole approfondire nell’ambito dell’esame del consuntivo 2020.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biasca comparto bosciorina
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved