ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
16 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
12.04.2021 - 18:21
Aggiornamento: 17.12.2021 - 11:23

Il primo passo di Biasca verso il centro intergenerazionale

Svelato il progetto che cambierà volto al comparto Bosciorina.

il-primo-passo-di-biasca-verso-il-centro-intergenerazionale
Il progetto vincitore (Ti-Press)

Per il Comune di Biasca è sicuramente un progetto cruciale quello che intende cambiare il volto del comparto Bosciorina; qui si prevede infatti la realizzazione di nuovi stabili scolastici (scuola elementare e scuola dell’infanzia con annesso una palestra doppia) oltre che spazi per il Servizio educazione precoce speciale (Seps) e per la Bibliomedia. Il tutto, per un investimento complessivo stimato in 30 milioni di franchi, strizzando l’occhio al concetto di intergenerazionalità, che pone l’obiettivo di creare occasioni d’incontro e di condivisione tra i vari utenti del comparto. Una visione che si sposa con l’edificazione della nuova casa per anziani – pure prevista sul medesimo sedime per un costo pari a ulteriori 20 milioni – per la quale è stata definita unicamente la volumetria che inevitabilmente dovrà essere considerata.

Analizzate oltre 50 candidature

Questa mattina nel Salone Olimpia l’Esecutivo ha presentato alla stampa la proposta vincitrice tra le oltre 50 analizzate dalla giuria presieduta dall’architetto lvano Gianola e coordinata dall’architetto Stefano Tibiletti, che ha infine optato per il progetto ‘Sistema’ elaborato dal gruppo interdisciplinare guidato dagli architetti Manlio Campana, Flavio Herrmann e Veruska Herrmann-Pisoni. «Gli edifici previsti dal nostro progetto sono quattro: scuola dell’infanzia (con integrazione del Seps), scuola elementare, palestra (comprensiva di aula multiuso e mensa) e Bibliomedia – spiega Veruska Hermann-Pisoni avvicinata dalla ’Regione’ −. L’elemento centrale sul quale ci siamo concentrati è la definizione degli spazi nell’ottica del concetto di intergenerazionalità, che sarà maggiormente legato alla Bibliomedia, all’aula multiuso e al parco pubblico della casa per anziani». Tra le opere collaterali è prevista la realizzazione di un viale alberato che dal nucleo del paese di Biasca porterà al nuovo centro intergenerazionale, la cui porta d’ingresso sarà la piazzetta compresa tra il portico della scuola e il fronte della futura casa anziani.

Verso una ‘Filanda del nord’

Per quanto riguarda il principio dell‘inclusione − dinamica che già avviene a Biasca e che sta particolarmente a cuore al Municipio – si prevede che le classi del Seps potranno svolgere attività insieme agli allievi delle Elementari e della scuola dell’infanzia, attualmente frequentate da poco più di 500 alunni. Il servizio Seps si rivolge principalmente ai neonati a rischio evolutivo e ai bambini in età prescolastica con sviluppo globale disarmonico, limitato o compromesso a causa di problemi motori o sensoriali. Orazio Dotta, direttore della Bibilomedia, si è detto entusiasta per quella che sarà una valorizzazione dell’apprezzata realtà già presente nel comparto Bosciorina. L’idea, ha spiegato Dotta alludendo a quanto realizzato a Mendrisio, è di diventare una ’Filanda del nord’, favorendo il coinvolgimento e la partecipazione di popolazione e associazioni nell’ambito di varie attività e iniziative.

Prossimo obiettivo: progettazione della casa anziani

«La strada è ancora lunga, ma si tratta di un primo passo importante che porterà a soddisfare le esigenze della popolazione biaschese», ha affermato il sindaco Loris Galbusera, sottolineando la possibilità di tagliare questo traguardo iniziale grazie alla coesione e alla collaborazione dimostrate dal Consiglio comunale e dal Municipio. Quanto ai prossimi passi, sarà avviata una nuova fase di analisi con l’obiettivo di affinare il progetto, definire i contenuti nel dettaglio e licenziare i messaggi per le richieste dei crediti necessari. Si stima l’inizio dei lavori entro due anni. Per quanto riguarda la nuova casa per anziani – opera necessaria dal momento che la struttura esistente non risponde più alle esigenze attuali – l’Esecutivo prevede di avviare il prima possibile un concorso di progettazione.

Tutti i progetti esposti fino al 2 maggio

Il progetto scelto, insieme a tutti gli altri, è visionabile dal pubblico nel Salone Olimpia fino al 2 maggio (sabato, domenica e festivi compresi) dalle ore 14 alle 18 (eventuali cambiamenti legati alla pandemia saranno notificati all’indirizzo internet www.biasca.ch).

Ritirato il messaggio relativo alla chiusura dei conti d’investimento

Cambiando tema e passando alla seduta del Consiglio comunale in programma oggi e domani, il Municipio ha deciso di ritirare il messaggio relativo alla chiusura dei conti d’investimento del Comune. Il motivo, afferma interpellato dalla ‘Regione’ il sindaco Galbusera, è da ricondurre alla chiusura contabile di un conto che l’Esecutivo vuole approfondire nell’ambito dell’esame del consuntivo 2020.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved