Zurigo
0
Young Boys
0
2. tempo
(0-0)
Lucerna
Basilea
16:30
 
Losanna
Servette
16:30
 
Milan
1
Sassuolo
2
1. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
1. tempo
(0-0)
Lakers
Ajoie
15:45
 
Zugo Academy
Sierre
15:45
 
Winterthur
La Chaux de Fonds
16:00
 
accanto-allo-skate-plaza-una-zona-di-svago-attrezzata
Un'area già oggi molto ben frequentata, ma priva di altre strutture ludiche e per lo svago (Ti-Press)
Bellinzonese
09.04.2021 - 16:280

Accanto allo Skate Plaza ‘una zona di svago attrezzata’

Bellinzona: mozione di Alberto Casari (Unità di sinistra) chiede di completare l'area con infrastrutture gratuite dedicate alla popolazione

a cura de laRegione

Lo skate plaza, realizzato nel 2018 vicino allo Stadio comunale di Bellinzona, sia solo un primo tassello di una zona di svago per la popolazione che andrebbe debitamente attrezzata fra il campo da calcio B, l’ex Tennis Palestra e gli spazi verdi lungo Piazzale Stadio. È quanto chiede il consigliere comunale Alberto Casari con una mozione sottoscritta da altri otto consiglieri del gruppo Unità di sinistra. “Sicuramente – evidenzia il testo della mozione su cui dovrà pronunciarsi il Legislativo cittadino durante la prossima legislatura – il successo dello Skate Plaza va ben oltre ogni aspettativa. Il park e quel poco che ci sta attorno è molto frequentato da giovanissimi, giovani e meno giovani. Il campo B, grazie al suo manto sintetico meno delicato di un terreno erboso, richiama anch’esso molte persone che si ritrovano in compagnia a giocare e divertirsi. L’intero comparto è diventato un luogo di incontro di differenti generazioni che lo sfruttano per praticare attività motorie di diverso genere o semplicemente per ritrovarsi”. Da qui l’auspicio che la struttura venga completata inserendovi, solo a titolo di esempio, tennis tavolo, beach volley, basket, calcetto, ecc. “Oltre a ciò si potrebbero aggiungere tavoli e panchine, affinché diventi un vero punto d’incontro per chi vive in centro città e non solo. Un’area ricreativa completamente aperta e gratuita”. Quanto ai lavori necessari, Alberto Casari e colleghi indicano che l’Ente autonomo sport potrebbe garantire la manutenzione e lo sviluppo a tappe. A livello procedurale e pianificatorio viene indicata la necessità di riservare l’intero comparto ad attività di svago (zona Ap-Ap) seguendo le indicazioni del Programma d’azione comunale (Pac).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved