un-sacco-di-richieste-per-belligreen
La squadra smista i rifiuti e poi li porta all'ecocentro (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

Lugano, Consiglio comunale insediato. Tessa Prati presidente

La cerimonia si è tenuta stasera al Palazzo dei congressi, dove sono stati nominati anche i membri delle commissioni legislative
Grigioni
6 ore

Un nuovo animatore per il Centro giovani del Moesano

Il mandato di prestazione permette di retribuire un coordinatore non più volontario. Si cerca una nuova sede a San Vittore, Grono o Roveredo
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso, ‘soluzioni efficaci per il bene della popolazione’

Il Consiglio comunale si è insediato. Il primo cittadino è Claudio Schneeberger (Lega-Udc), affiancato da Giorgio Fonio (Ppd)
Locarnese
7 ore

A Locarno un sabato al mese per aggiustare gli oggetti rotti

L’appuntamento è allo Spazio Elle, per tornare ad appropriarsi di quei ‘gesti di una volta’ in favore dell’ambiente e del risparmio
Mendrisiotto
7 ore

Una Mendrisio che 'dalle parole passi ai fatti'

Nominata prima cittadina Daniela Carrara esponente della nuova formazione partitica L'Alternativa; vicepresidenti Benjamin Albertalli e Giovanni Poloni
Gallery
Luganese
8 ore

Allarme chimico in via Campagna ad Agno

Pompieri allertati nel pomeriggio per il riversamento di un bidone contenente una sostanza chimica. Non si registrano feriti
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona, giovane ciclista investito sulle strisce pedonali

L'incidente è avvenuto questa sera in via Pierino Tatti. Ferite serie per il ragazzo in sella alla bicicletta, portato d'urgenza in ospedale dai soccorritori
Luganese
8 ore

Lugano, la Città propone un'estate in movimento

Al via corsi di yoga e pilates all'aperto per la popolazione al Parco San Michele e a Villa Saroli nel rispetto delle misure anti-Covid
Bellinzonese
8 ore

Simone Gianini vicesindaco di Bellinzona

Lo ha deciso il Municipio durante la seduta odierna. L'esito del ballottaggio non muta la ripartizione dei dicasteri.
Luganese
9 ore

Gravesano, una passeggiata tra le stelle

La serata pubblica promossa dall'associazione le Pleiadi fornirà qualche dritta su come leggere il cielo notturno e le costellazioni
Ticino
9 ore

A un passo dal ripristino del quarto giudice di garanzia

La commissione firma il rapporto di Corti e Viscardi favorevole alla reintroduzione del quarto gpc. Aldi: è un potenziamento dovuto
Bellinzonese
9 ore

Giubiasco: Parco giochi, ancora lamentele. Incontro in vista

I genitori si chiedono quando arriveranno giochi adatti a tutti i bambini. L'associazione di quartiere ne parlerà a breve con l'autorità politica
Luganese
9 ore

Capriasca promuove le camminate nel bosco

Organizzate sei passeggiate rivolte in particolare alle persone anziane. Ritrovo all'Arena sportiva di Tesserete.
Ticino
9 ore

‘Troppe ciclopedonali, servono piste unicamente per le bici’

L’Ata e Pro Velo Ticino lanciano una campagna volta a sensibilizzare sulla convivenza fra pedoni e ciclisti
Bellinzonese
12.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:35

Un sacco di richieste per BelliGreen

Cresce il progetto di impresa sociale attivo nel Bellinzonese nel ritiro a domicilio di rifiuti e ingombranti. La direttrice: 'È un effetto del lockdown'

In tempo di Covid c’è chi, confrontato con il confinamento o in modalità di lavoro ridotto, si è ritrovato a trascorrere più tempo a casa. Alcuni ne hanno approfittato per fare pulizie e riordinare soffitte e cantine. A beneficiarne è stato il progetto BelliGreen che dopo il fermo imposto dal lockdown, è stato confrontato con un boom di richieste. «Siamo molto soddisfatti, la ripartenza è stata ottima, gli abbonamenti sono cresciuti a grande velocità e abbiamo ricevuto una marea di richieste di sgombero», ci conferma Donatella Zappa, direttrice della Cooperativa Area che si occupa del progetto assieme al responsabile Cristian Sboarina. Un successo inaspettato che ha permesso di recuperare quanto l’impresa sociale non ha potuto fare in marzo e aprile dello scorso anno quando le attività hanno dovuto fermarsi per arginare i contagi. «Non era stato evidente per noi che eravamo un’azienda appena nata e cha stava costruendo la sua clientela», riconosce Zappa.

BelliGreen fa parte dei programmi di attività di utilità pubblica (Aup), cui partecipano persone in assistenza e che necessitando di essere attivate. Il progetto di impresa sociale – sotto il mantello della Cooperativa Area – è nato da due idee: creare un servizio per cittadini e aziende del Bellinzonese di ritiro porta a porta di rifiuti riciclabili e piccoli ingombranti, a prezzo mensile popolare (ad esempio: la tariffa è di 17 franchi al mese per il ritiro di due sacchi) e, soprattutto, trasporlo nell’ambito dell’impresa sociale (senza scopo di lucro), che gestisce il lavoro. Il principio di BelliGreen è semplice: il cliente mette tutti i rifiuti riciclabili (lavati) nel sacco, dopodiché gli operatori, nella loro sede, li suddividono e li portano all’ecocentro. Il progetto, avviato nel 2018, è sostenuto dal Cantone e dalla Città che ha messo anche a disposizione gratuitamente gli spazi ubicati al vecchio ecocentro situato all’ex birreria di Carasso.

Riavvicinarsi al mondo del lavoro

Attualmente i partecipanti al progetto in programma di assistenza sono una decina, ognuno con la propria storia lavorativa e personale alle spalle. In generale si tratta di persone in difficoltà e da tempo ferme lavorativamente, tra cui diversi che hanno oltrepassato i cinquant’anni. L’anno scorso hanno partecipato 18 persone, di varie età, tra cui anche dei migranti con difficoltà a entrare nel mondo del lavoro a causa di problemi linguistici o di formazione. Vi sono poi persone con situazioni personali che rendono difficile il collocamento o con percorsi formativi fragili e prospettive lavorative praticamente nulle. Si ritrovano a vivere una condizione d’inattività che rischia di condurre alla perdita delle capacità lavorative e alla compromissione della socializzazione e della salute. L’assistenza promuove quindi programmi semestrali di lavoro, come quello svolto da BelliGreen. Lavorando in questi programmi i partecipanti ricevono anche un piccolo contributo di 300 franchi quale piccolo incentivo. «Lo scopo è di rimettersi in attività, per alcuni l’obiettivo è semplicemente uscire di casa e socializzare e quindi ne traggono un beneficio fisico e mentale», evidenzia Zappa. L’obiettivo in questo caso è di reintegrazione sociale. Vi sono poi casi in cui vi sono buone premesse per il reinserimento sul mercato «ma devono riprendere fiducia e un ritmo di lavoro».

In questi due anni hanno partecipato al progetto una quarantina di persone. «Molti hanno migliorato considerevolmente il loro stato di salute e nel giro di due-tre mesi hanno ripreso positività. Alcuni hanno anche trovato una collocazione», osserva la direttrice della Cooperativa Area.

Un progetto in crescita

La clientela di BelliGreen è piuttosto variegata: ci sono persone con handicap fisici che faticano a recarsi all’ecocentro, anziani o semplicemente chi vuole fare capo al servizio per sostenerlo. Finora sono 84 gli abbonamenti stipulati da privati e una cinquantina da aziende. Vi sono poi anche delle richieste puntuali, soprattutto per piccoli sgomberi. «Ci fa piacere constatare che, dalla nostra nascita nel 2018, siamo in costante crescita. Il nostro fatturato è raddoppiato, l’incremento è quindi molto importante», evidenzia la nostra interlocutrice. Le spese sono quindi coperte «e se proseguiamo di questo passo il progetto potrà presto giungere all’autonomia».

Varcare i confini bellinzonesi

Per ora BelliGreen dispone di un solo furgone ma proprio per l’aumento delle richieste potrebbe rendersi necessario l’acquisto di un secondo veicolo per raggiungere contemporaneamente più persone. Il progetto si rivolge a clientela residente sul territorio della nuova Bellinzona «ma in futuro – conclude Donatella Zappa – ci piacerebbe servire Comuni anche al di fuori del comprensorio, i rifiuti verranno poi chiaramente consegnati all’ecocentro del Comune di riferimento». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved