voce-critica-da-paudo-ci-sentiamo-abbandonati-dalla-citta
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
1 ora

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
1 ora

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
1 ora

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
1 ora

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
2 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
2 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
2 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
2 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
2 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
2 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
3 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
3 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
3 ore

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
3 ore

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
3 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
4 ore

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
5 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
laR
 
08.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 11:36

Voce critica da Paudo: ‘Ci sentiamo abbandonati dalla città’

Una trentina di residenti del piccolo paese della Valle Morobbia ha scritto al Municipio di Bellinzona elencando i servizi e le prestazioni ritenuti carenti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Più che arrabbiato, il primo firmatario Brenno Grisetti si dice deluso. Parla a nome della trentina di abitanti e possessori di case di vacanze nel nucleo di Paudo e dei suoi monti, la cui voce critica si è fatta strada attraverso la Valle Morobbia arrivando in Piazza Nosetto a Bellinzona. A inizio febbraio, nella bucalettere di Palazzo civico il Municipio ha trovato una lettera raccomandata di sei pagine in cui sono state elencate problematiche e criticità riscontrate nel corso degli ultimi anni. Da questioni note e sollevate anche in altri quartieri, come ad esempio lo scarso numero di parcheggi, a situazioni più puntuali come la mancanza della fibra ottica, il servizio di calla neve e la manutenzione delle strade. Servizi e prestazioni per i quali i cittadini e i villeggianti auspicavano un miglioramento con l’adesione dell’ex Comune di Pianezzo alla nuova Bellinzona. Ciò che amareggia Grisetti e cofirmatari è la presa di coscienza del Municipio (che ha risposto con una lettera), giudicata sterile e poco cortese di fronte a chi aveva espresso l’auspicio di poter avere un incontro con i municipali. Tra le fila dei firmatari ecco dunque che aumenta il sentore di sentirsi poco considerati da una città guidata da un Esecutivo che ha invece sempre affermato di voler garantire ascolto, prossimità e operatività anche alle realtà più piccole. Sul tema è stata presentata anche un’interrogazione da parte del consigliere comunale Manuel Donati (Lega).

'Servizio invernale carente e privo di miglioramenti dopo l'aggregazione'

La missiva parte dal servizio invernale di calla neve (appaltato dalla città una ditta privata così come prima dell’aggregazione), ritenuto carente e privo di miglioramenti a seguito della fusione. Oltre allo scarso coordinamento tra lo sgombero della neve e lo spargimento di sale, i firmatari valutano molto deficitaria la pulizia delle strade secondarie, dei parcheggi, dei passaggi pedonali, dei punti di deposito di rifiuti e della fermata del bus. Al Municipio si chiede di mettere a disposizione qualche operaio in più, in particolare quando le partecipazioni nevose riguardano maggiormente le località in altura. Un passo che l’Esecutivo valuterà, pur affermando di ritenere migliore la situazione attuale rispetto a prima della concretizzazione della fusione, e che i riscontri sull’operato dell’appaltatore sono sempre stati positivi. 

Gli scriventi segnalano lacune anche durante il periodo estivo, con particolare riferimento alla scarsa conservazione dei vicoli pedonali del nucleo a suo tempo realizzati con pavimentazione pregiata in porfido e agli interventi alla fontana del paese, unica fonte di acqua potabile per turisti e sportivi non essendo presenti esercizi pubblici. Ai servizi della città si lamenta di non effettuare i trattamenti contro la zanzara tigre, svolti dai residenti stessi, i quali sostengono di avere reso attenti il Comune in più occasioni. Premettendo che la fontana si trova fuori dal perimetro d’intervento relativo alla lotto contro la zanzara tigre, il Municipio risponde che procederà a verificare l’eventuale presenza di larve durante la prossima stagione.

Il noto problema dei parcheggi

Per quanto riguarda i posteggi, nonostante la realizzazione negli scorsi anni di un parcheggio a nord del nucleo di Paudo, i firmatari segnalano la cronica assenza di stalli durante il fine settimana e nel periodo primaverile-estivo-autunnale, anche complice la mancata sorveglianza dei rimorchi che per lunghi periodi rimangono fermi su posteggi pubblici. Il Municipio annuncia la possibilità di realizzare un nuovo posteggio a lato della strada principale a valle del nucleo, ma l’intervento non è al momento inserito nel piano delle opere e potrà semmai essere considerato in futuro. Anche per quanto riguarda lo stato precario in cui versa la strada Paudo-Monti di Ravecchia (asfalto malridotto, buche e assenza di ripari laterali in punti pericolosi), non c’è indicazione nel Programma d’azione comunale recentemente approvato dal Consiglio comunale, pur se l’Esecutivo comunica l’avvio di uno studio finalizzato ad accertare le condizioni della strada (che da consortile dovrebbe diventare comunale) e valutare così possibili accorgimenti.

Fibra ottica non prima del 2022/2023

Elemento che da tempo fa storcere il naso un po’ in tutta la Valle Morobbia è la mancanza della fibra ottica. I residenti, che si sentono discriminati rispetto agli altri quartieri della città, chiedono all’Azienda multiservizi Bellinzona (Amb) di posarla il prima possibile, ma dalla risposta del Municipio si evince che bisognerà attendere ancora un po’. Prossimamente dovranno infatti essere realizzate nuove predisposizioni in concomitanza con alcuni interventi sulla rete elettrica. Indicativamente si prevede dunque la posa della fibra ottica a partire dal 2022/2023. Tuttavia, informa l’Esecutivo, non tutte le abitazioni di Paudo potranno essere da subito collegate in quanto la realizzazione del collegamento è vincolata alla disponibilità di adeguate sottostrutture e infrastrutture che potrebbero divergere di caso in caso. 

Per quanto riguarda l’auspicato incremento dell’apporto di acqua potabile – altra questione di lunga data sulla quale tornano i firmatari della missiva – il Municipio stronca la messa in conformità dell’acquedotto forestale e della sorgente Zotta, dal momento che gli approfondimenti effettuati da Amb hanno evidenziato che gli investimenti necessari non risultano proporzionali e quindi sostenibili rispetto al quantitativo di acqua utilizzabile. Il serbatoio Medè (situato sopra Pianezzo) potrà invece essere messo in esercizio durante la seconda metà di quest’anno, una volta conclusi i lavori per la realizzazione del nuovo acquedotto della Valle Morobbia attualmente in fase di ultimazione. La posa dei contatori – iniziata l’anno scorso ma interrotta a causa del coronavirus – riprenderà il prima possibile in modo da completare l’operazione su tutto il territorio del quartiere di Pianezzo.

Non appena saranno terminati i lavori lungo le linee di priorità più elevata, sarà possibile valutare − come sollecitato dagli scriventi – la realizzazione di una pensilina alla fermata del bus di Paudo. Il Municipio provvederà inoltre a segnalare all’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat) il malcontento per la scarsa promozione turistica della zona: i firmatari evidenziano la scarsa conservazione e pulizia dei sentieri, una segnaletica in stato di degrado e una manutenzione quasi inesistente dell’unico parco pubblico per famiglie ubicato ai monti di Paudo. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona criticità municipio paudo valle morobbia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved