ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
6 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
8 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
8 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
8 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
9 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
9 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
9 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
9 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
10 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
31.03.2021 - 11:53
Aggiornamento: 16:48

Biasca: 'È necessario cambiare la gestione del verde pubblico'

Vito Bortolotti (di Abiasca) propone al Municipio di adottare un nuovo regolamento comunale che promuova, fra l'altro, la biodiversità

biasca-e-necessario-cambiare-la-gestione-del-verde-pubblico
‘Quante sono le aree verdi nel Comune?’ (Ti-Press)

Un regolamento comunale per la gestione del verde pubblico che si adatti “alle particolarità e tradizioni di Biasca”. È quanto auspica Vito Bortolotti (lista civica Abiasca) in un'interpellanza, nella quale chiede al Municipio “quali sono gli ostacoli che impediscono l'adozione e l'applicazione” di una tale normativa. 

A favore anche della qualità di vita

Stando al consigliere comunale, “è urgente e necessario che il Comune di Biasca cambi radicalmente la gestione del verde pubblico”, si legge nel testo. E questo “alla luce degli innegabili cambiamenti climatici, della nostra dipendenza extra regionale per le derrate alimentari e non meno importante della riduzione della biodiversità”. Per Bortolotti “il mantenimento delle zone verdi nello spazio pubblico ed il loro utilizzo per la produzione di derrate alimentari, includendo alberi e arbusti, porta a variegati vantaggi”. Oltre a promuovere “un utilizzo efficiente delle risorse ecologiche”, le aree verdi possono anche fungere “da tampone alle avversità climatiche, sia tramite una migliore termoregolazione che per la qualità dell'aria”. Inoltre, possono diventare “serbatoio e rifugio di biodiversità”. E questi vantaggi “influiscono in modo consistente sulla qualità di vita di tutti gli abitanti”. 

Due label per la biodiversità

Secondo il consigliere comunale di Abiasca, nel nuovo regolamento per la gestione del verde pubblico il Municipio potrebbe anche includervi due label che promuovono la biodiversità: ‘VilleVerte Suisse’ e ‘Natur & Wirtschaft‘, sui quali ci si potrebbe anche basare “per l'assegnazione dei mandati e progetti nelle nuove opere” che l'esecutivo sta intraprendendo. Tuttavia, “questi due label non tengono particolarmente conto dell'aspetto produzione alimentare che per un borgo dalle origini contadine come il nostro dovrebbe essere scontato”.

Coltivare piante autoctone e collaborare con le scuole

Concretamente, oltre a questi due label, la normativa potrebbe includere i seguenti punti: innanzitutto negli spazi verdi pubblici, che sarebbero gestiti “per adempiere alla funzione di serbatoio di biodiversità”, dovrebbero essere “coltivate piante autoctone”. Ma anche piante “resistenti alle varie malattie (quindi esenti dalla necessità di trattamenti fitosanitari con prodotti di sintesi)” che “producono derrate alimentari”. Inoltre, il Comune dovrebbe ricercare “la collaborazione con associazioni e scuole per la gestione di questi spazi allo scopo di creare una divulgazione teorica e pratica sul sistema di coltivazione di questi ‘giardini’ e dell'importanza della biodiversità legata alle derrate alimentari”. Gli spazi verdi dovrebbero poi “fungere da luogo di incontro oltre che luogo di lavoro comune”. Infine, il Comune dovrebbe formare “almeno un suo dipendente per una gestione ecologica di questi spazi”.

In conclusione Bortolotti vorrebbe sapere dal Municipio “quanta è la superficie di verde pubblico del Comune di Biasca” e “a quanto ammontano i costi per la gestione di questi spazi”. Il consigliere comunale chiede anche quali sono le linee guida seguite per la gestione dell'attuale verde pubblico, chi le ha decise, quali sono gli obiettivi, quali benefici portano e come vengono misurati o valutati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved