COL Avalanche
4
MIN Wild
3
fine
(2-0 : 0-1 : 1-2 : 0-0 : 1-0)
SJ Sharks
6
LA Kings
2
fine
(4-1 : 2-0 : 0-1)
ARI Coyotes
5
MON Canadiens
2
fine
(2-1 : 2-1 : 1-0)
NY Islanders
PHI Flyers
01:30
 
PHI Flyers
0
Detroit Red Wings
0
fine
NY Islanders
0
COB Jackets
0
fine
EDM Oilers
0
CHI Blackhawks
0
fine
biasca-e-necessario-cambiare-la-gestione-del-verde-pubblico
‘Quante sono le aree verdi nel Comune?’ (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
4 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
5 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
5 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
5 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
6 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
6 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
6 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
6 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
7 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
31.03.2021 - 11:530
Aggiornamento : 16:48

Biasca: 'È necessario cambiare la gestione del verde pubblico'

Vito Bortolotti (di Abiasca) propone al Municipio di adottare un nuovo regolamento comunale che promuova, fra l'altro, la biodiversità

a cura de laRegione

Un regolamento comunale per la gestione del verde pubblico che si adatti “alle particolarità e tradizioni di Biasca”. È quanto auspica Vito Bortolotti (lista civica Abiasca) in un'interpellanza, nella quale chiede al Municipio “quali sono gli ostacoli che impediscono l'adozione e l'applicazione” di una tale normativa. 

A favore anche della qualità di vita

Stando al consigliere comunale, “è urgente e necessario che il Comune di Biasca cambi radicalmente la gestione del verde pubblico”, si legge nel testo. E questo “alla luce degli innegabili cambiamenti climatici, della nostra dipendenza extra regionale per le derrate alimentari e non meno importante della riduzione della biodiversità”. Per Bortolotti “il mantenimento delle zone verdi nello spazio pubblico ed il loro utilizzo per la produzione di derrate alimentari, includendo alberi e arbusti, porta a variegati vantaggi”. Oltre a promuovere “un utilizzo efficiente delle risorse ecologiche”, le aree verdi possono anche fungere “da tampone alle avversità climatiche, sia tramite una migliore termoregolazione che per la qualità dell'aria”. Inoltre, possono diventare “serbatoio e rifugio di biodiversità”. E questi vantaggi “influiscono in modo consistente sulla qualità di vita di tutti gli abitanti”. 

Due label per la biodiversità

Secondo il consigliere comunale di Abiasca, nel nuovo regolamento per la gestione del verde pubblico il Municipio potrebbe anche includervi due label che promuovono la biodiversità: ‘VilleVerte Suisse’ e ‘Natur & Wirtschaft‘, sui quali ci si potrebbe anche basare “per l'assegnazione dei mandati e progetti nelle nuove opere” che l'esecutivo sta intraprendendo. Tuttavia, “questi due label non tengono particolarmente conto dell'aspetto produzione alimentare che per un borgo dalle origini contadine come il nostro dovrebbe essere scontato”.

Coltivare piante autoctone e collaborare con le scuole

Concretamente, oltre a questi due label, la normativa potrebbe includere i seguenti punti: innanzitutto negli spazi verdi pubblici, che sarebbero gestiti “per adempiere alla funzione di serbatoio di biodiversità”, dovrebbero essere “coltivate piante autoctone”. Ma anche piante “resistenti alle varie malattie (quindi esenti dalla necessità di trattamenti fitosanitari con prodotti di sintesi)” che “producono derrate alimentari”. Inoltre, il Comune dovrebbe ricercare “la collaborazione con associazioni e scuole per la gestione di questi spazi allo scopo di creare una divulgazione teorica e pratica sul sistema di coltivazione di questi ‘giardini’ e dell'importanza della biodiversità legata alle derrate alimentari”. Gli spazi verdi dovrebbero poi “fungere da luogo di incontro oltre che luogo di lavoro comune”. Infine, il Comune dovrebbe formare “almeno un suo dipendente per una gestione ecologica di questi spazi”.

In conclusione Bortolotti vorrebbe sapere dal Municipio “quanta è la superficie di verde pubblico del Comune di Biasca” e “a quanto ammontano i costi per la gestione di questi spazi”. Il consigliere comunale chiede anche quali sono le linee guida seguite per la gestione dell'attuale verde pubblico, chi le ha decise, quali sono gli obiettivi, quali benefici portano e come vengono misurati o valutati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved