leventina-un-masterplan-anziche-il-museo-di-storia-naturale
Identificare progetti condivisi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
3 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
4 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
4 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
4 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
4 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
4 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
5 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
6 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
6 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
6 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
6 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
laR
 
30.03.2021 - 17:53
Aggiornamento : 18:21

Leventina: un Masterplan anziché il Museo di storia naturale

Compromesso in vista nella commissione parlamentare della Gestione: confermare la sede a Locarno e sostenere meglio lo sviluppo della valle

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sembrano affievolirsi le speranze dei promotori del Museo cantonale di storia naturale a Faido di veder realizzata questa struttura nella località medioleventinese. In seno alla Commissione della Gestione del Gran Consiglio si starebbe infatti ulteriormente rafforzando una maggioranza chiara a favore di Locarno, soluzione sostenuta dal Governo. Tuttavia le pressioni dei sostenitori di Faido non sembrano essere state ignorate. Infatti sui banchi della Gestione vi è un rapporto unico, ma non ancora firmato, che propone una sorta di compromesso: realizzare il museo nella città sul Verbano, chiedendo allo stesso tempo al Consiglio di Stato di «attivare le procedure per lanciare il Masterplan Leventina», conferma a ‘laRegione’ Matteo Quadranti, presidente della commissione. E questo con l'obiettivo di promuovere progetti a favore dello sviluppo economico della regione a medio termine, grazie anche al sostegno finanziario di Cantone e Confederazione. 

Nel rapporto – relatori i locarnesi Fiorenzo Dadò (Ppd) e Nicola Pini (Plr), nonché il leventinese Michele Guerra (Lega) – la commissione della Gestione dovrà esprimersi principalmente sul messaggio governativo che chiede al Gran Consiglio di stanziare un primo credito di 9,5 milioni di franchi per la progettazione del museo (che verrebbe inserito nel comparto di Santa Caterina di Locarno, già di proprietà dello Stato), ai quali dovrebbero poi seguirne altri 36 per la realizzazione. Un progetto che ha però trovato sulla sua strada i sostenitori di Faido: in diverse occasioni hanno fatto notare che la località medioleventinese sarebbe dovuta essere presa maggiormente in considerazione da parte del Cantone, anche in ottica di promozione delle zone periferiche, ritenendola un'ottima opzione quale nuova sede del museo. Posizioni ribadite durante un'audizione avvenuta recentemente davanti alla Gestione da parte delle deputate leventinesi Sara Imelli (Ppd) e Diana Tenconi (Plr) che insieme a Michele Guerra hanno elaborato una mozione – firmata da 27 granconsiglieri – chiedente al Consiglio di Stato una comparazione dettagliata delle due località coinvolgendo anche esperti esterni.

Una ‘Casa delle valli’ con sinergie in Leventina

Nel messaggio governativo si accenna inoltre a un'altra mozione (di Nicola Pini) che chiede di abbinare al museo previsto a Locarno una ‘Casa delle valli’, immaginata per presentare da vari punti di vista la storia passata e presente di importanti realtà discoste del Ticino. In questo caso è emersa l'idea di coinvolgere la Leventina, generando sinergie o promuovendo eventi in valle. Come detto il rapporto non è però ancora stato firmato e quindi il dossier dovrebbe slittare a dopo le elezioni comunali del 18 aprile. In ogni caso sarà verosimilmente sottoscritto «a maggioranza, se non all’unanimità», precisa Quadranti. Insomma, il compromesso raggiunto grazie alla promozione del Masterplan Leventina sembrerebbe trovare ampio sostegno. Anche se non si può escludere a priori che in futuro qualcuno possa lanciare un referendum contro il progetto, una volta approvato dal parlamento.

Sfruttare il potenziale del territorio

Non è la prima volta che si parla di Masterplan Leventina: alla fine dello scorso anno l'Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e valli aveva indicato che tutti i Municipi del Distretto erano concordi di dotarsi di tale strumento. Ovvero di un piano di sviluppo a medio termine (2030) per la valle, volto a sfruttare il potenziale del territorio e identificare progetti condivisi. Come del resto è già il caso ad esempio in Valle di Blenio, in Valle Onsernone, in Valle Verzasca o in Alta Vallemaggia. Concretamente, di solito in Ticino l'accento viene posto sullo sviluppo turistico coordinato, sulla valorizzazione del paesaggio e sul miglioramento della qualità della vita della popolazione, promuovendo lo sviluppo economico. Questi progetti verrebbero poi sostenuti finanziariamente da Cantone e Confederazione che «possono anche contribuire fino a coprire il 65% dei costi», sottolinea Quadranti. 

Leggi anche:

Museo di storia naturale, i sostenitori di Faido non mollano

'Col Museo di storia naturale una Casa delle Valli'

La Leventina si doterà di un Masterplan

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissione gestione leventina masterplan museo storia naturale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved