COL Avalanche
4
BOS Bruins
3
fine
(1-0 : 0-3 : 2-0 : 1-0)
dramma-di-carasso-la-comunita-degli-aramei-in-aiuto-ai-figli
La scena dell'omicidio-suicidio, sulla ciclopedonale di Carasso (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
10 min

Bedano, Aranno e quel bisogno di incontrarsi

Nei due Comuni si lavora per realizzare un punto d’incontro e, rispettivamente, un centro diurno sociale per tutta la popolazione
Luganese
1 ora

Società di Carona sequestrata dall’antimafia, attiva dal 2002

Socio e gerente con firma individuale, un 59enne residente a Campione d’Italia sospettato di legami con la ’ndrangheta
Mendrisiotto
1 ora

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Prostra promuove i due progetti ticinesi. Stralciata (e per sempre) la circonvallazione fra Stabio est e il Gaggiolo
Ticino
8 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
8 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
9 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
9 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
10 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
10 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
11 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
29.03.2021 - 12:000
Aggiornamento : 19:46

Dramma di Carasso, la comunità degli aramei in aiuto ai figli

Il presidente Melki Toprack assicura vicinanza e sostegno concreto. In arrivo i familiari dalla Germania. Conferme sul movente

«Sono ore molto tristi per tutti noi, per la nostra comunità di duemila persone in Ticino che si stringe col pensiero attorno ai due figli e ai rispettivi familiari dei nostri cari amici morti in circostanze così tragiche. A questi ragazzi vogliamo esprimere il nostro pieno sostegno morale, ma anche e soprattutto concreto, presente e futuro, affinché il dramma che li ha investiti non comprometta le loro giovani esistenze». Il presidente dell’Associazione svizzera degli aramei, Melki Toprak, si trovava ieri a Galbisio in visita ad alcuni conoscenti mentre poco distante, sulla ciclopedonale di Carasso, accanto all’autostrada, un 53enne freddava l’ex moglie 44enne, entrambi di origini siriane, con due colpi di pistola diretti al cuore, per poi suicidarsi.

‘Lei solare e positiva, lui un uomo per bene’

«Vogliamo attivarci quanto prima – spiega Melki Toprak alla ‘Regione’ – per essere d’aiuto alla figlia 23enne e al figlio 18enne che vivevano con la madre. Una donna solare, positiva, con buoni legami verso la società, attenta alla nostra Comunità e attiva nella corale. La incontravo spesso alle celebrazioni che teniamo con regolarità in alcune località ticinesi. E anche nei momenti per lei più difficili, mostrava di saperli affrontare con dignità, a testa alta. D’altronde lavorava, era molto apprezzata nella sua professione di estetista nell’ambito della quale incontrava molte persone. Una fitta rete di conoscenze: come si dice, era inserita nella società. Con il marito non avevo rapporti intensi, ma era un uomo per bene, posato, tranquillo, molto curato nell’aspetto, con una professione rispettabile di autista di bus ormai da molti anni». Tutti questi motivi, conclude Melki Toprak, «rendono ancora più difficile spiegarsi quale e quanta rabbia abbia armato la sua mano. E rendono ancora più pesante la tragedia che colpisce due famiglie ma finisce per investire un’intera comunità. Nei prossimi giorni valuteremo come rendere omaggio alla loro memoria. Prima però incontreremo i rispettivi familiari, che stanno per giungere dalla Germania. Non sarà facile».

Il rifiuto di lei e le minacce subite

Come riferito dalla ‘Regione’ ieri sera online e stamane nella versione cartacea, il movente del femminicidio va ricercato nel tentativo del 53enne di ricucire lo strappo con l'ex moglie. Chi li conosceva conferma che dopo la separazione avvenuta un paio d’anni fa, quando lui aveva lasciato il tetto coniugale, abitavano ciascuno per conto proprio a Sementina. In passato, alla nascita dei figli, avevano abitato alle Semine e ottenuto la cittadinanza svizzera. Dopo la recente separazione, più volte lui aveva tentato di convincerla a riaccoglierlo in casa, confrontandosi però con il ripetuto e fermo rifiuti di lei. Una mediazione era avvenuta davanti a un vescovo siriano, parente di uno dei due, ma al termine dei colloqui nulla era cambiato. Fino all’ultimo, vano tentativo di ieri, finito nel sangue sotto gli occhi increduli dell’amica con cui la 44enne stava facendo jogging in una domenica di sole. Una ‘soluzione’ drastica e in linea con l'atteggiamento di lui, divenuto recentemente ossessivo, stando a una testimonianza di un'amica della vittima raccolta dalla ’Rsi’, secondo cui il 53enne la perseguitava, la seguiva, si appostava sotto casa facendola sentire in pericolo e dicendole che avrebbe fatto del male ai figli se lei lo avesse denunciato. E le ripeteva “o sarai mia o di nessun altro”. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved