ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
5 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
6 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
6 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
6 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
6 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
7 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
7 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
7 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
7 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
29.03.2021 - 12:00
Aggiornamento: 19:46

Dramma di Carasso, la comunità degli aramei in aiuto ai figli

Il presidente Melki Toprack assicura vicinanza e sostegno concreto. In arrivo i familiari dalla Germania. Conferme sul movente

dramma-di-carasso-la-comunita-degli-aramei-in-aiuto-ai-figli
La scena dell'omicidio-suicidio, sulla ciclopedonale di Carasso (Ti-Press)

«Sono ore molto tristi per tutti noi, per la nostra comunità di duemila persone in Ticino che si stringe col pensiero attorno ai due figli e ai rispettivi familiari dei nostri cari amici morti in circostanze così tragiche. A questi ragazzi vogliamo esprimere il nostro pieno sostegno morale, ma anche e soprattutto concreto, presente e futuro, affinché il dramma che li ha investiti non comprometta le loro giovani esistenze». Il presidente dell’Associazione svizzera degli aramei, Melki Toprak, si trovava ieri a Galbisio in visita ad alcuni conoscenti mentre poco distante, sulla ciclopedonale di Carasso, accanto all’autostrada, un 53enne freddava l’ex moglie 44enne, entrambi di origini siriane, con due colpi di pistola diretti al cuore, per poi suicidarsi.

‘Lei solare e positiva, lui un uomo per bene’

«Vogliamo attivarci quanto prima – spiega Melki Toprak alla ‘Regione’ – per essere d’aiuto alla figlia 23enne e al figlio 18enne che vivevano con la madre. Una donna solare, positiva, con buoni legami verso la società, attenta alla nostra Comunità e attiva nella corale. La incontravo spesso alle celebrazioni che teniamo con regolarità in alcune località ticinesi. E anche nei momenti per lei più difficili, mostrava di saperli affrontare con dignità, a testa alta. D’altronde lavorava, era molto apprezzata nella sua professione di estetista nell’ambito della quale incontrava molte persone. Una fitta rete di conoscenze: come si dice, era inserita nella società. Con il marito non avevo rapporti intensi, ma era un uomo per bene, posato, tranquillo, molto curato nell’aspetto, con una professione rispettabile di autista di bus ormai da molti anni». Tutti questi motivi, conclude Melki Toprak, «rendono ancora più difficile spiegarsi quale e quanta rabbia abbia armato la sua mano. E rendono ancora più pesante la tragedia che colpisce due famiglie ma finisce per investire un’intera comunità. Nei prossimi giorni valuteremo come rendere omaggio alla loro memoria. Prima però incontreremo i rispettivi familiari, che stanno per giungere dalla Germania. Non sarà facile».

Il rifiuto di lei e le minacce subite

Come riferito dalla ‘Regione’ ieri sera online e stamane nella versione cartacea, il movente del femminicidio va ricercato nel tentativo del 53enne di ricucire lo strappo con l'ex moglie. Chi li conosceva conferma che dopo la separazione avvenuta un paio d’anni fa, quando lui aveva lasciato il tetto coniugale, abitavano ciascuno per conto proprio a Sementina. In passato, alla nascita dei figli, avevano abitato alle Semine e ottenuto la cittadinanza svizzera. Dopo la recente separazione, più volte lui aveva tentato di convincerla a riaccoglierlo in casa, confrontandosi però con il ripetuto e fermo rifiuti di lei. Una mediazione era avvenuta davanti a un vescovo siriano, parente di uno dei due, ma al termine dei colloqui nulla era cambiato. Fino all’ultimo, vano tentativo di ieri, finito nel sangue sotto gli occhi increduli dell’amica con cui la 44enne stava facendo jogging in una domenica di sole. Una ‘soluzione’ drastica e in linea con l'atteggiamento di lui, divenuto recentemente ossessivo, stando a una testimonianza di un'amica della vittima raccolta dalla ’Rsi’, secondo cui il 53enne la perseguitava, la seguiva, si appostava sotto casa facendola sentire in pericolo e dicendole che avrebbe fatto del male ai figli se lei lo avesse denunciato. E le ripeteva “o sarai mia o di nessun altro”. 

Leggi anche:

Dramma di Carasso: due colpi al cuore dopo l’ennesimo rifiuto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved