ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 min

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
2 min

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
3 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
3 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
3 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
8 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
10 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
11 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
22.03.2021 - 19:09
Aggiornamento: 20:16

'Lei in totale stato confusionale, lui ne ha approfittato'

Due anni e 10 mesi la pena inflitta all'uomo giudicato colpevole di aver costretto una ragazza a un rapporto sessuale nei bagni della discoteca La Fabrique

lei-in-totale-stato-confusionale-lui-ne-ha-approfittato

Due anni e 10 mesi di carcere, di cui un anno da espiare e i rimanenti 22 mesi sospesi con la condizionale per un periodo di quattro anni. Questa la sentenza nei confronti di un 32enne della regione riconosciuto colpevole del reato di atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere. Ha costretto una ragazza palesemente ubriaca, non in grado di intendere e di volere, a consumare un rapporto sessuale nel bagno della discoteca La Fabrique di Castione, la notte del 23 gennaio 2015. A questa convinzione è giunta la Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, confermando l'atto d'accusa stilato dal procuratore pubblico Moreno Capella il quale, durante la sua requisitoria, aveva chiesto 3 anni e 10 mesi interamente da espiare. Non ha quindi retto la tesi difensiva sostenuta dall'avvocata Alix Manconi, battutasi per il proscioglimento e secondo cui la ragazza era consenziente al rapporto sessuale. 

«L'imputato non poteva non rendersi conto che la vittima si trovava in uno stato psicofisico ampiamente compromesso, al limite dell'incoscienza. Ne ha approfittato, agendo per puro egoismo al fine di appagare i propri desideri sessuali», ha affermato il giudice Amos Pagnamenta prima di pronunciare il verdetto. In un processo di natura indiziaria, sono risultate decisive le «versioni inverosimili» dell'imputato. «Egli non ha evidentemente collaborato, continuando ad adattare in maniera strumentale quanto andava raccontando», ha affermato il giudice, ricordando come l'uomo abbia ammesso il rapporto sessuale solo dopo le evidenze fornite dalle prove biologiche, senza le quali «avrebbe continuato a mentire, senza neanche ammettere di aver fatto sesso con la giovane». Credibile, lineare e logica è invece stata giudicata la versione della vittima. «Certo, forse è ragazza a cui piaceva divertirsi, ma questo rende ancora più veritiera la sua denuncia» Una circostanza, quella de La Fabrique, «del tutto straordinaria». 

Il 32enne è stato condannato anche per i reati di lesioni semplici per un'aggressione avvenuta ad Ascona nel novembre 2014, infrazione e contravvenzione alla Legge stupefacenti e trascuranza dagli obblighi di mantenimento per avere omesso di versare gli alimenti ai figli accumulando arretrati per quasi 10mila franchi. Pure tenute in considerazione le sue precedenti condanne e altri reati finanziari di cui si è macchiato dal 2015 in avanti. 

Leggi anche:

Approda in aula il presunto stupro a La Fabrique

Presunto stupro in discoteca, chiesti 3 anni e 10 mesi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved