ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
2 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
3 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
3 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
3 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
3 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
4 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
4 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
4 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
4 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
5 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
5 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
5 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
5 ore

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
5 ore

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
5 ore

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
6 ore

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
Bellinzonese
6 ore

Biasca, conferenza sull’abolizione della pena di morte in Ticino

Appuntamento per martedì 25 ottobre alle 19 al Museo militare Forte Mondascia. Il relatore sarà il giudice Werner Walser
17.03.2021 - 19:03
Aggiornamento: 19:18

‘Alle Officine interinali sottopagati e impiegati a lungo’

Secondo Sev, Transfair e Unia le Ffs stanno riducendo l’occupazione a tempo indeterminato in vista del trasferimento a Castione dello stabilimento industriale

alle-officine-interinali-sottopagati-e-impiegati-a-lungo
Sui salari le Ffs non ci stanno: 'Vengono fissati dalle agenzie di collocamento'

Accuse importanti sono state sollevate questa mattina durante la conferenza stampa indetta da Sev, Transfair e Unia: gran parte dei lavoratori interinali occupati alle Officine Ffs sarebbe sottopagata. Una conclusione a cui i sindacati sono giunti dopo aver analizzato i risultati del sondaggio da loro promosso, con il sostegno della Commissione del personale, effettuato nell'agosto 2020 al quale hanno partecipato 62 lavoratori temporanei sui 110 totali di questa categoria impiegati dallo stabilimento industriale di Bellinzona. 

‘Ccl per interinali valido anche per le Ffs’

Dal sondaggio, hanno spiegato i sindacalisti Thomas Giedemann (Sev), Gerardina Furlani (Transfair), Matteo Pronzini e Vincenzo Cicero (entrambi Unia) affiancati dal presidente dell'associazione Giù le mani Gianni Frizzo, emerge che il 45% del personale interinale coinvolto nell'indagine percepisce un reddito inferiore rispetto ai salari dei lavoratori non qualificati sottoposti al Contratto collettivo di lavoro (Ccl) delle Ffs. Inoltre, sempre secondo i sindacati, il 71% del personale interinale qualificato percepisce un salario inferiore rispetto a quello dei lavoratori fissi con le stesse mansioni sottoposti al Ccl Ffs. Citando l'articolo 3.3 del Ccl per il settore del personale a prestito, Sev, Transfair e Unia sostengono che il Ccl Ffs dovrebbe valere anche per i lavoratori interinali, dal momento che il personale proveniente da agenzie e impiegato in aziende dei trasporti pubblici non sottostà alle disposizioni del Ccl per il personale a prestito. Dalle risposte fornite dai lavoratori interinali che hanno partecipato al sondaggio, è emerso che solo il 29% del personale qualificato percepisce il salario minimo (almeno 26,22 franchi all'ora) definito dal Ccl Ffs. Inoltre il 45% riceve meno di 24 franchi quando, sempre secondo il Ccl delle Ffs, dovrebbe percepirne almeno 24,22.

Le Ffs respingono le accuse

Completamente differente la tesi delle Ferrovie federali svizzere, che da noi contattate rispondono: “I salari minimi vengono fissati dalle agenzie di collocamento, in base al settore e al luogo. Le agenzie di collocamento assicurano che i lavoratori interinali percepiscano il salario minimo corretto. Le Ffs si aspettano che le agenzie di collocamento offrano i giusti salari, come fissato dalle condizioni quadro. La commissione tripartita – continua il portavoce delle Ffs Patrick Walser – ha effettuato controlli regolari nel corso degli ultimi tre anni e non ha mai riscontrato irregolarità per quanto riguarda i salari nel settore dei trasporti. La base giuridica è il Ccl Prestito di personale, che è stato negoziato e prorogato l’ultima volta nell’autunno 2020 con i partner sociali (tra cui Unia). Come previsto dalla base giuridica – aggiungono le Ferrovie federali – il Ccl Ffs non è applicabile agli interinali: i salari minimi si orientano invece in base alla prassi usuale per il luogo e il ramo. Il salario usuale per il luogo e il ramo si basa sul guadagno che una persona può ottenere in un’altra azienda a parità di funzione, prestazione e tempo di lavoro e non viene definito, invece, da singoli datori di lavoro, come per esempio le Ffs”. 

‘Interinali meno onerosi’

Altro tema esposto durante l'incontro con i media è il fatto che alle Officine i lavoratori interinali siano 110 su 430 (25%). Di questi, indica il sondaggio, il 94% è impiegato regolarmente per mansioni precedentemente affidate a personale Ffs, mentre solo il 6% è occupato in attività straordinaria. Il 36% del personale temporaneo è attivo nello stabilimento industriale da almeno due anni. Dati che per i sindacati confermano la tendenza, poiché meno onerosa, di sostituire con personale temporaneo i lavoratori Ffs passati al beneficio della pensione. Interinali, è stato sottolineato, che verrebbero dunque assunti non per picchi straordinari di produzione o progetti particolari, ma per svolgere una normale e continua attività. «È un'amara conferma che si stanno creando le premesse per smantellare una parte degli impiegati Ffs in vista del trasferimento delle Officine», ha affermato Pronzini. «Il taglio degli interinali nell'ambito del passaggio a Castione passerebbe così in sordina», ha dal canto suo aggiunto Furlani. 

Botta e risposta

Dei 62 partecipanti al sondaggio, il 76% rappresenta personale qualificato, il 12% formato e il 12% non formato. Nella stragrande maggioranza il personale temporaneo dispone di un certificato federale di capacità, ha esperienza lavorativa e ha svolto dei corsi di formazione interna presso le Ffs. «È la prima volta che vedo così tanti lavoratori interinali formati dalle Ffs», ha aggiunto Cicero, dettosi preoccupato per questa tendenza. “Lo scopo di un interinale è di coprire punte di lavoro, malattie, assenze eccetera – replica Patrick Walser –. L’uso dei lavoratori interinali non è una novità. La quota degli interinali all’interno delle Officine di Bellinzona è attualmente intorno al 20% e oscilla in base al carico di lavoro. Le attività alle Officine sono inoltre da sempre contraddistinte da una grossa volatilità e da incertezze legate al volume di lavoro sulle vecchie locomotive e sui carri merci. Per esempio le attività sui carri merci si sono drasticamente ridotte in 10 anni da 1500-2000 a 400 revisioni (-70%) e questo succederà anche con le locomotive a seguito delle rottamazioni. Per seguire questi trend è necessaria manodopera flessibile”. 

Mps: 'Dumping salariale'

Attraverso un comunicato stampa, il Movimento per il socialismo (Mps) si è espresso in maniera critica su quanto annunciato dai sindacati. “Il sondaggio – si legge nella nota – conferma, ancora una volta, la politica di precarizzazione del lavoro condotta dalle Ffs all’interno dell’Officina”. Il fatto che il 94% dei lavoratori interinali svolge attività di tipo regolare, porta l'Mps ad accusare le Ffs di aver sviluppato un vero e proprio dumping salariale, “cioè una spinta verso il basso dei livelli salariali”. L'Mps si scaglia anche contro la politica: “La politica del Municipio e dei suoi partiti e del governo cantonale è la prima responsabile di questo degrado delle condizioni di lavoro all’Officina. Sposando i piani dell’azienda (quelli avanzati nel 2008 e bloccati per molto tempo grazie allo sciopero dei lavoratori), Municipio e governo hanno incoraggiato questa offensiva padronale”. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved