ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
4 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
6 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
6 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
14 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
17 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
17 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
17 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
17 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
18 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
18 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
19 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
20 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
20 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
21 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
22 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
1 gior

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
1 gior

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
1 gior

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
2 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
2 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
2 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
2 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
2 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
2 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
2 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
2 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
2 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
Mendrisiotto
2 gior

Valera verde, L’AlternativA: ‘Seguiremo con occhio vigile’

Verdi e Sinistra insieme: ‘Il fondovalle del Mendrisiotto ha bisogno di questo polmone verde. Non molleremo la presa’
Ticino
2 gior

In pensione il caposezione Circolazione, bando per sostituirlo

L’avvocato Cristiano Canova lascerà la carica il 1° aprile 2023, dopo oltre 30 anni di servizio. Pubblicato il concorso per trovare il suo successore
Bellinzonese
2 gior

Incontro con Raffaele De Rosa a Lodrino

L’evento, organizzato dal Centro di Riviera, si terrà giovedì 29 settembre dalle 18 all’ex Vetreria
18.03.2021 - 07:01
Aggiornamento: 25.03.2021 - 19:13

Elezioni a Bellinzona: la murata che divide Ps e Verdi

Faccia a faccia fra i candidati al Municipio Henrik ‘Bingo’ Bang (Unità di sinistra) e l'ambientalista Marco Noi

elezioni-a-bellinzona-la-murata-che-divide-ps-e-verdi
A sinistra Marco Noi (Verdi) e a destra Henrik ‘Bingo’ Bang dell'Unità di sinistra (Ti-Press/Crinari)

Marco Noi psicologo di formazione e psicoterapeuta di professione, politicamente attivo come granconsigliere e consigliere comunale. Henrik ‘Bingo’ Bang ingegnere forestale di formazione e direttore del Parco Calanca di professione, anch’egli granconsigliere e consigliere comunale. Entrambi candidati al Municipio di Bellinzona: il primo per i Verdi (in lista insieme a Mps, Pop, Forum alternativo e indipendenti), il secondo per l’Unità di sinistra. Vicini ma distanti, parafrasando il detto ‘coviddiano’. Posizioni infatti allontanatesi durante l’ultima legislatura – un vero divorzio dopo la lista condivisa per l’elezione del Municipio nel 2017 – iniziata con l’abbraccio socialista al trasferimento delle Officine Ffs dal centro città a Castione e la conseguente netta opposizione ambientalista. Da lì in poi, muro contro muro.

Un Ps che al proprio interno ha dovuto digerire l’opzione Castione e i Verdi che oggi contrastano un progetto di nuovo quartiere multifunzionale e attento all’ambiente con un’importante densificazione residenziale, formativa e lavorativa di qualità proprio nel cuore della città. Cosa sta succedendo ai vostri partiti?

Marco Noi – Mi sono schierato contro l’aggregazione ritenendola una soluzione molto reattiva a quello che taluni politici sostenevano allora, e cioè che il Sopraceneri rischiava o, peggio ancora, meritava di subire aggregazioni coatte. Il progetto a 17 mi ha trovato da subito perplesso per la complessità dell’operazione, anzitutto amministrativa e operativa. C’era un ottimismo acritico. E non a caso due dei quattro Comuni chiamatisi fuori hanno un peso economico importante. Si è quindi ripiegato su un’aggregazione light, in linea con la quale si è innescato il ripiegamento sulle Officine verso Castione, mentre fino a due minuti prima il sindaco aveva assicurato l’impegno per il mantenimento in città. A quel punto ci è mancata la terra sotto i piedi, visto che fra le varianti delle Ffs figurava proprio l’ottimizzazione industriale dello storico stabilimento cittadino. Si è invece scelta, dopo tante illusioni, una strada inedita. Illudere e deludere. Un tradimento della parola data, anche in senso aggregativo, proprio perché le Officine, vista la loro storia nell’ultimo decennio, erano esse stesse inserite nello spirito aggregativo. Lo stesso riorientamento contenutistico di quel comparto, all’interno di uno sviluppo centripeto della città, ci trova contrari. Così come in Gran Consiglio abbiamo criticato la revisione del Piano direttore cantonale perché nell’assetto di città-Ticino punta molto sul concetto del centripetismo, dimenticando che la Legge sulla pianificazione del territorio punta anche sulla decentralizzazione di contenuti e risorse. Vero, mi si dirà che Castione è una zona quasi periferica, ma per soddisfare le Ffs bisognerà azzonare un comparto oggi verde. Ciò che mina fortemente, pur con la prevista compensazione Sac, il principio della sostenibilità ambientale.

Henrik Bang – L’esempio danese, mio paese d’origine grande quanto la Svizzera, è emblematico. In pochi è anni è passato da duemila a 400 e infine a 99 Comuni. Ciò che ha favorito la messa in rete e una migliore e più razionale gestione delle risorse e dei servizi d’uso quotidiano. Una trasformazione che richiede un’attitudine mentale orientata a condividere, a lavorare in sinergia, a cogliere le opportunità anche se in condizioni non ideali, a unire le forze e le idee anziché disperderle. Per contro, qui da noi si tende troppo spesso a vedere il bicchiere mezzo vuoto, l’aggregazione come un problema anziché un’opportunità. Detto questo, osservo che in Gran Consiglio su tantissimi temi collaboriamo bene con i deputati verdi. Per contro a Bellinzona qualcuno pretende che le Ffs facciano ancora la manutenzione delle... macchine da scrivere mentre il futuro è rappresentato dai computer. Il mercato dei treni e delle locomotive durante l’ultimo decennio ha subìto una rivoluzione che deve coincidere con lo spostamento dell’officina in un luogo dove avrà lo spazio necessario per la manutenzione dei moderni e lunghi convogli, offrendo posti di lavoro qualificati che, stando a mie informazioni, saranno in numero sensibilmente maggiore rispetto alle 200-230 unità a tempo pieno finora indicate dalle Ffs. Cui si aggiungeranno gli altri previsti nel nuovo Quartiere Officine strettamente legati allo Swiss Innovation Park, senza contare poi le cooperative di abitazione, gli spazi dove socializzare e fare cultura, l’elevata sostenibilità energetica. Insieme all’Irb la cui nuova sede sarà presto inaugurata, stiamo parlando di un’elevata qualità di vita e di un importante indotto per la Città. Fatico a capire come si possa non vedere tutto questo, come ci si possa fossilizzare sulle macchine da scrivere.

Verdi dunque afflitti da scarsa visione progressista?

Noi – Purtroppo determinate decisioni vengono prese non sulla piazza aggregativa, ma nelle segrete. Se Henrik Bang rivela e assicura qui, adesso, che i posti di lavoro a Castione saranno ben più delle 200-230 unità a tempo pieno finora indicate, lo sa solo lui e chi gliel’ha comunicato, ossia un ristretto gruppo di potere e di politici, ma non la politica aggregata cui ogni abitante fa riferimento. Peraltro, quando ancora manca il piano industriale che fisserà quelle cifre. E allora, chi le fornisce al Ps? Quando si avrà la necessaria trasparenza?

Un Ps che detta legge e in barba allo spirito aggregativo è restio alla condivisione?

Bang – Se ai Verdi non arrivano determinate informazioni, è dovuto al loro modo di agire, di schierarsi con l’opposizione estrema in modo arrabbiato chiamandosi fuori dai gremi che si stanno occupando dei progetti strategici. Basti pensare al loro voto di astensione alla prima fase di risanamento ambientale dell’ex Petrolchimica di Preonzo. Peraltro i ticinesi bocciando nel maggio 2019 l’iniziativa ‘Giù le mani dall’Officina’ hanno detto chiaramente quale dovrà essere la soluzione. Anche, ma non solo, in virtù di quel voto il Ps dedica le proprie energia al prossimo passo da compiere.

Ma Bellinzona, con un’opposizione di sinistra e di destra desiderosa di rafforzarsi, ha o no le carte in regola per proporsi come polo trainante? Non rischia la politica turrita d'implodere?

Bang – Bellinzona ha una grande potenziale non solo in Ticino ma anche sul piano nazionale. Vedo grande dinamicità. Oltre al nuovo Quartiere Officine penso al nuovo ospedale previsto alla Saleggina, la cui golena sarà rinaturata con un investimento complessivo di 80 milioni co-finanziato da Confederazione e Cantone. Stiamo parlando di qualità di vita per le famiglie e di opportunità professionali per i giovani. L’alternativa è subire la decrescita, vedere eroso il Prodotto interno lordo e rimanere la Sonnenstube degli anziani. Se un politico non capisce questo, ha perso il contatto con la realtà.

Noi – Quale realtà? La politica ambientalista da sempre mette sul piatto proposte che vengono quasi sempre bocciate a volte a prescindere dalla loro provenienza, ma molto spesso perché costringono a fare i conti differentemente con la realtà. Le decisioni che contano devono essere sostenibili non solo per la Città ma anche per le zone periferiche e le valli. Inoltre Bellinzona può vantare oggi un potenziale di sviluppo perché ha ancora molto territorio a disposizione. Piano dunque con la politica di accentramento, perché si rischia di scimmiottare gli errori già commessi altrove.

A proposito di territorio, il Consiglio comunale a larga maggioranza (contrari Verdi, Mps e pochi altri) ha votato a inizio marzo il Programma d’azione comunale che farà da base al Piano regolatore unico del prossimo ventennio. Anche qui, visioni contro errori?

Noi – Ho letto e ascoltato le motivazioni dei favorevoli. E mi stupisce che si stia ancora qui a dire che Bellinzona è riuscita a portar via questo o quell’istituto ad altre città. La nostra realtà aggregata non può essere costruita sulla politica dell’espansione e dell’attrazione di risorse a tutti i costi. Se tutte le città sottosviluppate dovessero fare così, non ci salveremmo più. Vanno bene le ambizioni, ma ritengo semmai prioritario riequilibrare le risorse all’interno delle regioni, anziché a favore del singolo quartiere centrale, o del Quartiere Officine che rischia di sottrarre risorse al resto della nuova Bellinzona.

Bang – Belle parole, se ci fosse un miliardario pronto a finanziare un’idea di sviluppo di questo tipo. Per contro, invito a non perdere di vista un sano pragmatismo. Vogliamo rimanere una città a misura d’uomo che sappia creare buone opportunità professionali alle nuove generazioni. Pena, un territorio che s’impoverisce di giovani professionisti i quali finiscono per creare oltralpe le loro carriere e le loro famiglie.

Noi – Attenti però a quel fenomeno tipico dei club blasonati che comprano giocatori stranieri di prim’ordine finendo per annichilire il vivaio locale.

Bang – Il problema attuale di Bellinzona è che ha il vivaio ma non la prima squadra nella quale farlo giocare.

Noi – Quindi bisognerebbe importare la squadra con la speranza, un giorno, di farvi giocare i nostri giovani? Ma così facendo si deprime il mercato del lavoro.

Bang – No, si creano posti di lavoro qualificati. Anche per i non ingegneri e i non dottori in bio-chimica.

Si entra nella seconda legislatura, e allora spazio ai cosiddetti progetti strategici. Già, ma quali, visti i chiari di luna sulle finanze cittadine?

Bang – Bellinzona deve continuare a collaborare con gli altri attori per concretizzare l’avvio del nuovo Quartiere Officine e delle nuove Officine Ffs a Castione, visto il contributo di 20 milioni votato dal Consiglio comunale, nonché del comparto Saleggina con ospedale e parco fluviale; aggiungo la completamento del Parco urbano e il rilancio dei castelli in ottica turistica. Castelli che devono fare da volano per tutta una serie d'iniziative emozionali da implementare nei vari quartieri: dalla cena nel ristorante caratteristico alla visita/degustazione dei vigneti collinari. Proprio per evitare gli effetti nefasti del turismo di giornata che non lascia qui niente.

Noi – Per me è strategico ristrutturare la locomotiva economica dell’edilizia, puntando sul risanamento strutturale ed energetico del parco immobiliare presente. È una grande sfida che può coinvolgere il tessuto aziendale formato da impresari e artigiani, come pure gli istituti di ricerca sui materiali. Qualora venissi eletto vorrei riservare la necessaria attenzione a questo bisogno concreto del territorio. Cui si aggiunge il settore primario, da cui partire per sviluppare una vera cultura del chilometro zero, soluzioni per incrementare la biodiversità e affrontare adeguatamente i cambiamenti climatici.

Finanze cittadine in difficoltà, disavanzo di 8 milioni nel 2021, una revisione della spesa pubblica avviata. Quali idee socialiste e ambientaliste forti per uscirne?

Noi – Beh, tutto il mondo in questo momento si trova nella nostra medesima situazione. Vorrei che si evitasse una cura ‘lacrime e sangue’ e che si potesse convivere col debito senza farlo degenerare, correlando gli investimenti ai reali bisogni del territorio.

Bang – C’è un problema di ridistribuzione della ricchezza, perciò a livello generale direi basta a nuovi sgravi. Si dia spazio poi a quei progetti che con un investimento modesto consentono di ridurre costi assai più importanti, come nel caso della lotta e prevenzione al littering.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved