altro-passo-avanti-per-il-nuovo-ospedale-di-bellinzona
Il terreno dove si prevede di costruire il nuovo ospedale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
9 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
10 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
10 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
10 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
11 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
11 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
12 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
12 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
12 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
12 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
13 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
13 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
13 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
Locarnese
13 ore

Festa di San Bartolomeo a Indemini

La messa sarà celebrata dal vescovo Valerio Lazzeri
Locarnese
14 ore

Corso di pesca con la Locarnese

Lezioni per ragazzi dai nove anni e per principianti
16.03.2021 - 18:28
Aggiornamento: 17.03.2021 - 16:06

Altro passo avanti per il nuovo ospedale di Bellinzona

Preavvisato favorevolmente il messaggio governativo per l'acquisto del Cantone dei terreni alla Saleggina. Buone notizie anche per Infocentro e Parco Fluviale

È un passo decisivo per la concretizzazione di tre importanti progetti il 'Sì' unanime della commissione parlamentare della Gestione: tutti i suoi membri hanno infatti firmato il rapporto stilato dai relatori Bixio Caprara (Plr), Michele Guerra (Lega), Henrik Bang (Ps) e Fiorenzo Dadò (Ppd). Un rapporto che invita il Gran Consiglio a dare luce verde al messaggio licenziato in autunno dal Consiglio di Stato che, se approvato, spianerebbe la strada alla realizzazione del nuovo ospedale regionale di Bellinzona, all’acquisizione del Cantone dell’ex Infocentro di Pollegio e alla progettazione dei lavori riguardanti la rivitalizzazione a del fiume Ticino nell’ambito del Parco fluviale Boschetti-Saleggi. L’operazione sull’asse Bellinzona-Pollegio-Berna consiste nella cessione del terreno della Saleggina da Armasuisse al Cantone e nel passaggio di proprietà del terreno di Pollegio da AlpTransit ad Armasuisse, con successivo acquisto del Cantone dell’ex Infocentro per servizi di pubblica utilità. In totale il Cantone mette sul piatto poco più di 16 milioni di franchi. 

Partendo dal Bellinzonese, il Cantone intende acquisire dall’Esercito (al prezzo di 13,7 milioni) i 214’246 metri quadri del comparto della Saleggina affacciato sul fiume Ticino tra Bellinzona e Giubiasco (unico ritenuto adeguato dalla direzione dell’Ente ospedaliero cantonale). Ciò che consentirà di avviare l’iter di progettazione del nuovo ospedale, previsto su una parte del terreno (circa 130mila m2) che da decenni viene utilizzato come stand di tiro, sede di accampamenti militari ma soprattutto per il pascolo. Per il nuovo ospedale si stima che la prima fase dei lavori, prevista indicativamente a partire dal 2028, richiederà 12 anni, con termine di realizzazione ipotizzato nel 2046. La parte della Saleggina che si affaccia direttamente sul fiume Ticino sarà invece utilizzata per iniziare i lavori della tappa fulcro della rinaturazione di alcuni punti del fiume da Bellinzona a Gudo. L’intera operazione del progetto denominato Parco fluviale (80 milioni di franchi in massima parte sussidiati da Confederazione e Cantone) ha quali scopi la messa in sicurezza degli argini, la sua rivitalizzazione ambientale e una migliore fruizione di un comparto già oggi molto frequentato da famiglie, sportivi ed escursionisti. 

Nuova vita per l'Infocentro

Vincolato all'acquisto del Cantone dei terreni a Bellinzona risulta l'acquisizione di Armasuisse dell'Infocentro di Pollegio e dei terreni circostanti di proprietà di AlpTransit per far fronte ai bisogni militari che verranno a mancare alla Saleggina (in Bassa Leventina si prevede la creazione di una Piazza militare con caserma). L'Infocentro e una piccola porzione di sedime sarebbero poi acquisite dal Cantone. Sarà il Dipartimento delle istituzioni ad adattare l'edificio per un uso polivalente: formazione degli addetti alla protezione della popolazione; laboratorio alimentare a gestione privata (con inclusa una mensa); spazi amministrativi e spazi per attività espositive e socioculturali. Per rilevare e sistemare lo stabile, inaugurato nel 2003 con una funzione informativa e rappresentativa nell'ambito della costruzione del traforo ferroviario di AlpTransit, il Cantone investirà 1,15 milioni di franchi. 

Serviranno altri 11 milioni per bonificare i terreni della Saleggina 

Compresi nei 16 milioni, anche 1’220’057 franchi per la riqualifica di 10’000 metri quadri del terreno della Saleggina in zona agricola Sac (superfici per l’avvicendamento delle colture), ovvero la stessa superficie che in Leventina sarà convertita in zone per attrezzature ed edifici pubblici (Ap/Ep). Per questa procedura servirà una variante del Piano regolatore dei Comuni di Bellinzona e Pollegio (saranno chiamati a esprimersi i rispettivi Consigli comunali). Nel rapporto della Gestione stilato dai relatori viene poi menzionato il tema delle parti inquinate del sottosuolo del comparto. È infatti presente una discarica, attiva durante il periodo 1950-1970, composta da rifiuti edili, solidi urbani e materiale di scavo. I costi per un risanamento completo dei 18mila m2 inquinati vengono stimati in 11 milioni che non vengono conteggiati nei 16 che il parlamento dovrà decidere se stanziare. Armasuisse non parteciperà ai costi di risanamento. 

Con l'approvazione del messaggio governativo, la Gestione invita il Consiglio di Stato ad attivarsi nella ricerca di terreni adatti alla pascolazione e alla fienagione, così come terreni arabili, da affittare all'agricoltore che dovrà rinunciare a 204mila m2 di superficie alla Saleggina. L'affittuario, sottolinea la commissione, già in passato era stato espropriato dei terreni di sua proprietà. L'agricoltore, si evince dal rapporto, ha inoltrato ricorso contro la disdetta del termine contrattuale inoltrata da Armasuisse. “Indipendentemente dall'esito della vertenza – scrivono i relatori – il terreno sarà completamente disponibile al più tardi dal 1° dicembre 2026”. 

In attesa del poligono cantonale

Come noto, sarà il poligono cantonale previsto sul Monte Ceneri a rimpiazzare lo stand di tiro della Saleggina per il quale è previsto lo smantellamento. All’investimento finanziario di 60 milioni di franchi parteciperà anche la Città di Bellinzona. La messa in esercizio del nuovo poligono non è prevista prima del 2026. 

Per la commissione della Gestione, il messaggio licenziato dal governo “è il primo indispensabile tassello per un effetto-domino virtuoso per la realizzazione di due progetti strategici fondamentali per il Cantone”, strettamente interconnessi al futuro nuovo centro d’istruzione di tiro del Monte Ceneri e alla creazione a Pollegio di una nuova piazza d’esercizio dell’Esercito e alla nuova destinazione dell’Infocentro. “È ben evidente la valenza strategica della proposta – scrive la Gestione – che favorisce uno sviluppo virtuoso del Cantone anche grazie al coinvolgimento di regioni diverse in una soluzione condivisa”. 

 

 

 

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona nuovo ospedale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved