conflitti-d-interesse-la-ditta-di-bersani-terza-su-quattro
Polizia comunale e società di sicurezza privata: il vicesindaco dirige politicamente la prima e presiede la seconda (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
4 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
8 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
8 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
8 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
8 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
8 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
9 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
9 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
10.03.2021 - 18:22
Aggiornamento : 19:00

Conflitti d’interesse: la ditta di Bersani terza su quattro

Bellinzona e società di sicurezza, il Municipio espone le cifre versate nell'ultimo triennio. E difende Gianini nel settore della mobilità dolce

Delle quattro società di sicurezza impiegate dalla Città di Bellinzona, la Prosegur presieduta dal vicesindaco Andrea Bersani si piazza sempre al terzo posto quanto a mandati ricevuti. Lo si evince dalle tabelle messe a disposizione dal Municipio in risposta all’interpellanza dei Verdi intitolata “A Bellinzona il conflitto d’interessi regna sovrano!” che ha fatto riplanare sospetti oltre che su Bersani anche sull’altro municipale Plr Simone Gianini (ma in materia di mobilità). Per fare un po’ di luce sui mandati diretti dati a società di sicurezza, i Verdi avevano chiesto gli importi riferiti alle ultime due legislature. Richiesta evasa solo parzialmente mettendo a disposizione gli ultimi tre anni. Quanto basta per farsi un’opinione della situazione: risulta che Securitas nel 2018 ha ricevuto incarichi per 127mila franchi, Swiss Security Facility per 81mila e Prosegur per 22mila (c’è poi Rainbow con 3mila); nel 2019 stessa classifica con rispettivamente 256mila franchi, 192mila, 84mila e 16mila; idem nel 2020 con 94mila franchi, 35mila e 11’500 (zero Rainbow).

Meccanismo di astensione-ricusa

Quanto al tema in generale, il Municipio ricorda che il cosiddetto sistema di milizia implica che i membri dell’esecutivo continuino a esercitare la propria attività professionale, sia essa da dipendente o indipendente, nella misura in cui, per impegno e disponibilità, possa conciliarsi con la carica politica. Proprio per questo la Legge organica comunale “prevede un esaustivo meccanismo di puntuale astensione-ricusa del membro dell’esecutivo per quelle trattande in cui fosse coinvolto il suo interesse personale o quello di suoi parenti. Ciò che avviene con l’astensione dalla discussione e dalla decisione, senza che ciò ponga problemi particolari. Del resto la legge non impone ai municipali di dimettersi da altri gremi o enti dei quali sono membri, come invece è previsto per altre cariche istituzionali”. Il Municipio assicura poi che i suoi membri “hanno sempre agito con trasparenza, annunciando preventivamente potenziali conflitti d'interesse e astenendosi dalla preparazione e dalla discussione di trattande potenzialmente generatrici di conflitto”.

Impegno per trasporto pubblico e mobilità dolce

Infine la posizione di Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità e al contempo membro del direttivo dell’Automobile club Svizzero molto attivo nel difendere i diritti dei conducenti, schierandosi criticamente per esempio contro le zone 30. In questo caso il Municipio offre un lungo elenco di realizzazioni seguite e/o concretizzate dal dicastero di Gianini negli ultimi otto anni: dall’estensione delle zone 30 (se ne contano ora oltre trenta) al raddoppio del Trasporto pubblico fino al potenziamento della rete di mobilità ciclo-pedonale fra quartieri e con il coordinamento di una mappa della rete ciclabile del Bellinzonese (la prima in Ticino), come pure l’introduzione del Piano di mobilità scolastica sin dal 2012 (tra i primi in Ticino) e sua estensione a tutte le sedi scolastiche del nuovo Comune, incluso il programma di sensibilizzazione all’uso della bicicletta organizzato in collaborazione con Swisscycling. Come pure, infine, la creazione sin dal 2012 di un Servizio della mobilità comunale che risponde alle richieste in tema di mobilità sostenibile e sicurezza della popolazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andrea bersani prosegur simone gianini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved