museo-di-storia-naturale-approfondimenti-non-risolutori
Gli hotel Suisse e Milano di Faido sono stati proposti come sede, ma scartati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
19 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
laR
 
09.03.2021 - 21:09
Aggiornamento: 21:45

Museo di storia naturale, approfondimenti non risolutori

Le ulteriori indicazione del Cantone non spostano gli equilibri in seno alla Commissione della Gestione che dovrà esprimersi a favore di Locarno o Faido

Altro capitolo per quanto riguarda il nuovo Museo cantonale di storia naturale: oggi la Commissione della gestione del Gran Consiglio ha visionato gli approfondimenti chiesti al Cantone che avrebbero dovuto precisare i motivi che hanno spinto il Consiglio di Stato a optare per Locarno invece che per Faido. In realtà non è stato presentato nulla di nuovo, ma una sintesi delle motivazioni che avevano portato, nel 2017, il governo cantonale a optare per Locarno quale sede per il nuovo Museo di storia naturale, scartando le altre otto candidature compresa quella di Faido. Motivazioni che, infatti, «non dovrebbero smuovere gli equilibri» in seno alla commissione, dice a ‘laRegione’ Matteo Quadranti, presidente della Gestione. Non è, inoltre, stata discussa la recente mossa da parte del Municipio di Faido che si era detto disposto a eventualmente acquistare gli alberghi Suisse e Milano (indicati come possibile sede del museo) per poi metterli a disposizione del Cantone.

Audizione dei mozionanti leventinesi

Ora i prossimi passi prevedono l’audizione delle granconsigliere leventinesi Sara Imelli (Ppd) e Diana Tenconi (Plr), prime firmatarie della mozione – il testo è stato elaborato anche da Michele Guerra (Lega) che però è stato indicato quale relatore dei rapporti commissionali su questo tema – sottoscritta in totale da 27 deputati che chiede al Consiglio di Stato di procedere a una comparazione dettagliata delle due località coinvolgendo anche esperti esterni. Dopo questo incontro, che potrebbe avvenire già la prossima settimana, i relatori commissionali – oltre al bassoleventinese Guerra vi sono anche i locarnesi Fiorenzo Dadò (Ppd) e nicola Pini (Plr) – inizieranno «a preparare il rapporto in base alle audizioni fatte», precisa Quadranti. 

Ricordiamo che a metà febbraio la Gestione aveva già sentito le motivazioni di una delegazione leventinese formata dal sindaco di Faido Roland David, dal professor Remigio Ratti e dai giornalisti Claudio Mésoniat e Tiziana Mona che aveva esposto e ribadito tutti i punti a favore della località della Media Leventina. Lo stesso giorno è anche stato ascoltato il consigliere di Stato Claudio Zali, responsabile del dossier, che aveva invece spiegato nuovamente i motivi che hanno indotto il governo a optare per Locarno. Esecutivo che aveva infatti licenziato un messaggio con il quale chiede al parlamento lo stanziamento di un primo credito di 9,5 milioni di franchi per la progettazione del museo (che verrebbe inserito nel comparto di Santa Caterina già di proprietà dello Stato), ai quali dovrebbero poi seguirne altri 36 milioni per la realizzazione. Ed è proprio su questo messaggio, così come sulla mozione ancora pendente, che la Gestione dovrà esprimersi nel suo rapporto. 

Anche se una maggioranza dei commissari, per il momento, sembrerebbe voler sostenere l’opzione Locarno, la vicenda potrebbe non essere priva di sorprese. E questo in particolare se dovesse emergere con ancor più forza il tema del (mancato) sostegno alle regioni periferiche da parte del Cantone. Un concetto al quale ovviamente si appoggiano i promotori dell'opzione Faido. A ciò va poi aggiunto che gli stessi relatori commissionali non sembrano essere sulla stessa lunghezza d’onda: alla ‘Regione’ Michele Guerra aveva indicato di reputare migliore la località della Media Leventina, mentre Fiorenzo Dadò e Nicola Pini di ritenere, invece, ideale la soluzione di portare il nuovo Museo di storia naturale a Locarno, visto che si tratta di una città adatta dal profilo logistico e della sua accessibilità e che ha già sinergie con istituzioni affini.

Leggi anche:

Museo di storia naturale: Faido e Locarno a confronto

Museo storia naturale: Faido pronto a ‘offrire’ i due hotel

Museo di storia naturale, delusi i deputati leventinesi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissione gestione faido locarno museo storia naturale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved