case-anziani-il-moesano-vuole-diventare-ticinese
Le strutture moesane sono usate spesso dal Ticino come valvola di sfogo in caso di liste d'attesa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Cassa pensioni, i sindacati: quel mezzo miliardo serve

Le associazioni del personale oggi sono state sentite in audizione dalla commissione della Gestione. Il presidente Quadranti: ‘Diventerà una priorità’
Locarnese
6 ore

Caso Santa Chiara, per De Rosa ‘è sconcertante’

Il direttore del Dss sull'interruzione della formazione di 10 studenti infermieri decisa dalla clinica di Locarno
Luganese
6 ore

Lugano, Schnellmann 'eterno' subentrante

Nei risultati del Consiglio comunale, il deputato Plr in Gran Consiglio ha però superato la neoeletta municipale Karin Valenza Rossi
gallery
Mendrisiotto
7 ore

La pandemia ci ha anche insegnato l'autoproduzione

In tempi di coronavirus è aumentata la consapevolezza dell’agricoltura locale nonché del riguardo dell’ambiente e della biodiversità
Luganese
7 ore

Il centro polifunzionale di Pregassona si chiamerà 'Polis'

La scelta del nome era stata delegata a un concorso di idee. Vincitori, Fabrizia Sormani e Brenno Mazzuchelli
Locarnese
7 ore

Apprendisti della Santa Chiara 'usati come ricatto'

I sindacati disapprovano la decisione della Direzione della Clinica di non accoglierli come pianificato. Critiche anche ai ritardi nei rimborsi del Cantone
Bellinzonese
7 ore

Festival di letteratura Storie Controvento al via

Inizia il 21 e termina il 24 aprile e si terrà in diversi luoghi di Bellinzona
Bellinzonese
7 ore

Festa finale di Minimusica annullata

L'evento verrà rinviato alla prossima stagione
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio: altri equilibri e un terzo di donne nel legislativo

Confermato il ribaltone tra Ppd e Plr. Meno seggi a Lega-Udc-Udf, mentre Sinistra e Verdi uniti tengono. Conquista due posti la Lista civica
Mendrisiotto
7 ore

A Stabio un legislativo per oltre metà di donne

Risultato (di genere) a sorpresa nel terzo Comune del Distretto. Ecco i su e giù nell'Alto Mendrisiotto
Luganese
7 ore

Lugano, Ticino&Lavoro: ‘Ora puntiamo al Gran Consiglio’

L'avanzata dei piccoli partiti in Consiglio comunale. Tre nuove forze: Movimento Ticino&Lavoro, Più Donne e Forum Alternativo. L'Mps fuori per un soffio.
Bellinzonese
8 ore

Con Spartyto, a Biasca tre giorni di musica

A seconda di disposizioni e permessi si deciderà se è possibile lo svolgimento completo o se bisognerà seguire un programma di riserva
Ticino
8 ore

Gobbi: ‘Sulla sicurezza il pragmatismo regna sovrano’

Il presidente del governo ticinese stila il bilancio della tre giorni di incontri che ha avuto con alcuni ministri italiani a Roma, tra accordi e futuro
Luganese
8 ore

Ceresio, intesa per natanti svizzeri intestati a cittadini Ue

Trovato l'accordo per la libera navigazione nelle acque interne dei laghi internazionali tra Camorino e l'Autorità di Bacino. Arriva la Carta grigia
Grigioni
8 ore

Nuove scuole, due riunioni a San Vittore

Due riunioni informative in programma venerdì 30 aprile alle 17 e alle 20 nella palestra comunale
Locarnese
8 ore

Patriziato di Solduno, convocata l’assemblea generale

Avrà luogo martedì 27 aprile a Palazzo Borghesi
Bellinzonese
25.02.2021 - 05:500

Case anziani, il Moesano vuole ‘diventare’ ticinese

La Commissione sanitaria regionale sollecita una trattativa col governo di Bellinzona affinché la pianificazione cantonale includa le quattro strutture

Dopo Coira, Bellinzona. Si orienta anche verso la capitale ticinese l’attenzione della Regione Moesa in materia di case per anziani. L’attuale crisi sanitaria che ha ridotto sensibilmente il numero di letti occupati dalla terza e quarta età in talune case di riposo ticinesi e in tutte le quattro strutture moesane (qui meno 25-30% rispetto ai periodi normali), ha indotto la Commissione sanitaria regionale di Mesolcina e Calanca ad approfondire il tema sia interpellando le stesse strutture, sia incontrando questo martedì i sindacati Vpod e Ocst che assistono il personale laddove vi siano licenziamenti, come accaduto alla Mater Christi di Grono. Sindacati soddisfatti per l'atteggiamento della Commissione sanitaria, che ha deciso di sollecitare la Regione Moesa per suggerirle di avviare trattative anche con il Cantone Ticino affinché le quattro case per anziani locali siano inserite, oltre che nell’apposita pianificazione grigionese, a tutti gli effetti anche in quella ticinese.

‘Vantaggi per entrambe le parti’

Interpellato dal nostro giornale, il dottor Dieter Suter, membro della commissione, motiva la necessità d’intensificare i rapporti e le trattative sia con Coira (per ottenere un migliore sistema di finanziamento a compensazione delle perdite subite specialmente in questi mesi dalle case anziani), sia con il governo ticinese. «Riteniamo che poter inserire le nostre quattro strutture nella pianificazione ticinese comporterebbe vantaggi per entrambe le parti», spiega Suter: «Da una parte per le strutture moesane, che storicamente rappresentano una valvola di sfogo per quelle del vicino Bellinzonese e Alto Ticino quando sono confrontate con liste d’attesa; e per il Cantone Ticino che nell’elaborazione decennale del fabbisogno di letti potrebbe affinare il calcolo rendendolo meglio aderente alla realtà dell’offerta presente e prevedibile nei singoli distretti, a partire da quelli del Bellinzonese e delle sue valli superiori», dove durante l’ultimo lustro sono state inaugurate la nuova struttura cittadina di Pedemonte e la nuova di Giornico, limando così la cronica mancanza di posti letto. «Le previsioni relative alla popolazione anziana – osserva poi Dieter Suter – indicando un aumento generalizzato. Questo significa dover valutare l’eventualità di ampliare le attuali strutture o costruirne di nuove. Ancora una volta, nella valutazione futura riteniamo perciò opportuno che il governo ticinese consideri adeguatamente il Moesano, andando quindi oltre alle convenzioni puntuali che regolano la partecipazione finanziaria dei Comuni per le degenze di loro cittadini».

Dal canto suo il presidente della Regione Moesa saluta positivamente l’iniziativa della Commissione sanitaria: «Di prioritaria importanza – premette tuttavia Christian De Tann – è il dialogo che vogliamo instaurare con Coira per approfondire il quadro generale e assicurare alle nostre strutture un futuro solido. È corretto pensare che un esercizio analogo andrà tentato col Ticino, pensando alla sua pianificazione cantonale». In questo senso un ruolo determinante lo giocherebbero i rispettivi dipartimenti responsabili della sanità e socialità.

‘Prima di potenziare, analizzare l'offerta confinante’

L’ultima Pianificazione cantonale ticinese 2010-2020 per le case anziani indicava che “il Bellinzonese risulterebbe il comprensorio in cui è più acuta la necessità di proporre nuovi posti letto in istituti per anziani medicalizzati nel presente decennio”. Il fabbisogno scoperto a fine 2010 veniva stimato a quasi 190 posti letto, successivamente ridottosi grazie alla realizzazione della residenza Pedemonte (74 posti) e all’inaugurazione del Centro riabilitativo Somen di Sementina (50). Nello stesso documento si evidenziava che “l’importante scoperto per il comprensorio del Bellinzonese trova compensazione nell’offerta esistente nella vicina Mesolcina, in particolare alla Casa Immacolata di Roveredo, all’Opera Mater Christi e Casa per anziani Delle Rose (ex-Clinica San Rocco) a Grono nonché alla Casa per anziani di Mesocco che dispongono, per ora, di posti supplementari rispetto al fabbisogno della loro regione”. A fine 2010 infatti “circa 120 ospiti domiciliati prevalentemente nel Bellinzonese e Valli fanno capo abitualmente a queste strutture. Il perdurare di questa situazione contingente è da monitorare con attenzione. Come rilevato pure dalla Conferenza regionale di sanità del Bellinzonese nell’ambito della fase di consultazione della bozza di Rapporto sulla prima tappa dell’aggiornamento della Pianificazione ospedaliera, eventuali nuove iniziative nel comprensorio del Bellinzonese dovranno essere analizzate e soppesate anche in rapporto a questa offerta esterna al Cantone”.

‘Preservare i posti di lavoro’

A distanza di dieci anni, nell’ambito di quella che potrebbe essere la prossima pianificazione ticinese decennale, il Moesano vorrebbe dunque poter essere considerato un attore a tutti gli effetti, in un contesto pianificato, e non solo come valvola di sfogo. «Con i soli ospiti di Mesolcina e Calanca – evidenzia Dieter Suter – già in tempi normali non riusciamo a occupare tutti i nostri 130 letti, raggiungendo quota 90. Inoltre vogliamo impegnarci a preservare i posti di lavoro. Confidiamo perciò di trovare in Ticino il giusto ascolto e considerazione, andando oltre al semplice ruolo di overflow». Una delle conseguenze pratiche sarebbe che «prima di valutare ampliamenti e/o nuove realizzazioni, il Ticino e soprattutto il Bellinzonese dovrebbero far capo alle strutture Moesane».

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved