case-anziani-il-moesano-vuole-diventare-ticinese
Le strutture moesane sono usate spesso dal Ticino come valvola di sfogo in caso di liste d'attesa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 min

Nuovi magistrati, ecco i nomi proposti dalla commissione

Lipari, Barca e Buzzi pp. Libotte per giudice provvedimenti coercitivi. Bernasconi Matti per presidenza Pretura penale. Mordasini giudice supplente
Bellinzonese
1 ora

Il coro S. Michele di Sementina ha ripreso l’attività

Le prove si svolgono il lunedì sera dalle 20 alle 22 durante il periodo scolastico, al centro Ciossetto
Mendrisiotto
1 ora

‘Mendrisio incoraggi l’agricoltura biologica’... bis

Dopo aver presentato una mozione sul tema lo scorso giugno, l’Alternativa torna a bussare ora sulla porta della Città con un’interrogazione
Luganese
1 ora

Melide investe nell’energia solare

Il Comune intende promuovere la formazione di un gruppo d’acquisto per chi è interessato a posizionare pannelli fotovoltaici sul proprio tetto
Ticino
2 ore

Caccia 2021, in Ticino abbattuti meno cervi del dovuto

Il numero di cinghiali abbattuti è invece su livelli record. In calo il bilancio della caccia a caprioli e camosci
Luganese
2 ore

Curio, la Biblioteca Volalibro cerca volontari

La biblioteca malcantonese necessita di supporto per restare aperta il martedì pomeriggio, in due diversi turni
Luganese
2 ore

I giovani liberali-radicali del Luganese si rinnovano

La nuova presidente sezionale è Lara Olgiati. Durante l’assemblea il gruppo ha anche dato l’indicazione di voto favorevole per il Polo sportivo
Luganese
3 ore

Caslano, in arrivo il corteo dei lampioncini

Torna la tradizionale manifestazione autunnale, che avrà luogo - in caso di bel tempo - sabato 13 novembre
Ticino
3 ore

Aumentano i contagi del weekend in Ticino ma calano i ricoverati

Sono 54 i nuovi casi a fronte dei 32 dello scorso weekend. Attualmente vaccinati i due terzi della popolazione del cantone (66,1%)
Ticino
4 ore

Strade cantonali, sette milioni contro i danni del maltempo

Il Consiglio di Stato ha chiesto un credito per realizzare opere di protezione e premunizione dei pericoli naturali sulle strade cantonali
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, niente più Sette e 48. Chiude il bar della stazione

Il ritrovo cede il passo al cantiere per la ristrutturazione dell’edificio dello scalo ferroviario. Previsto oltre un anno di lavoro
Ticino
8 ore

Trans e rifugiata, in fuga dalle botte

La storia di Alexandra mostra l’importanza dell’asilo per chi subisce persecuzioni omofobe e transfobiche
Locarnese
15 ore

Fiamme da un quadro elettrico in una palazzina a Locarno

Intervento dei pompieri questa sera in via San Jorio: una persona è rimasta leggermente intossicata. Inquilini presi in consegna dalla Protezione civile
Gallery
Locarnese
15 ore

Monte Salmone, si uniscono le forze per la capanna

Dopo l’abbandono del progetto contemplato dal Parco nazionale, i Municipi di Terre di Pedemonte e Onsernone e il Patriziato ne studiano il rilancio
Ticino
17 ore

Maxi riciclaggio di denaro, processo aggiornato di un mese

Tra gli imputati per un vasto giro di commercio illegale di oro ci sono anche quattro ticinesi e sei comaschi, tutti sono residenti in Svizzera.
Bellinzonese
18 ore

Bellinzona, cena classe 1943

Appuntamento per giovedì 28 ottobre al ristorante Penalty
Bellinzonese
 
25.02.2021 - 05:500

Case anziani, il Moesano vuole ‘diventare’ ticinese

La Commissione sanitaria regionale sollecita una trattativa col governo di Bellinzona affinché la pianificazione cantonale includa le quattro strutture

Dopo Coira, Bellinzona. Si orienta anche verso la capitale ticinese l’attenzione della Regione Moesa in materia di case per anziani. L’attuale crisi sanitaria che ha ridotto sensibilmente il numero di letti occupati dalla terza e quarta età in talune case di riposo ticinesi e in tutte le quattro strutture moesane (qui meno 25-30% rispetto ai periodi normali), ha indotto la Commissione sanitaria regionale di Mesolcina e Calanca ad approfondire il tema sia interpellando le stesse strutture, sia incontrando questo martedì i sindacati Vpod e Ocst che assistono il personale laddove vi siano licenziamenti, come accaduto alla Mater Christi di Grono. Sindacati soddisfatti per l'atteggiamento della Commissione sanitaria, che ha deciso di sollecitare la Regione Moesa per suggerirle di avviare trattative anche con il Cantone Ticino affinché le quattro case per anziani locali siano inserite, oltre che nell’apposita pianificazione grigionese, a tutti gli effetti anche in quella ticinese.

‘Vantaggi per entrambe le parti’

Interpellato dal nostro giornale, il dottor Dieter Suter, membro della commissione, motiva la necessità d’intensificare i rapporti e le trattative sia con Coira (per ottenere un migliore sistema di finanziamento a compensazione delle perdite subite specialmente in questi mesi dalle case anziani), sia con il governo ticinese. «Riteniamo che poter inserire le nostre quattro strutture nella pianificazione ticinese comporterebbe vantaggi per entrambe le parti», spiega Suter: «Da una parte per le strutture moesane, che storicamente rappresentano una valvola di sfogo per quelle del vicino Bellinzonese e Alto Ticino quando sono confrontate con liste d’attesa; e per il Cantone Ticino che nell’elaborazione decennale del fabbisogno di letti potrebbe affinare il calcolo rendendolo meglio aderente alla realtà dell’offerta presente e prevedibile nei singoli distretti, a partire da quelli del Bellinzonese e delle sue valli superiori», dove durante l’ultimo lustro sono state inaugurate la nuova struttura cittadina di Pedemonte e la nuova di Giornico, limando così la cronica mancanza di posti letto. «Le previsioni relative alla popolazione anziana – osserva poi Dieter Suter – indicando un aumento generalizzato. Questo significa dover valutare l’eventualità di ampliare le attuali strutture o costruirne di nuove. Ancora una volta, nella valutazione futura riteniamo perciò opportuno che il governo ticinese consideri adeguatamente il Moesano, andando quindi oltre alle convenzioni puntuali che regolano la partecipazione finanziaria dei Comuni per le degenze di loro cittadini».

Dal canto suo il presidente della Regione Moesa saluta positivamente l’iniziativa della Commissione sanitaria: «Di prioritaria importanza – premette tuttavia Christian De Tann – è il dialogo che vogliamo instaurare con Coira per approfondire il quadro generale e assicurare alle nostre strutture un futuro solido. È corretto pensare che un esercizio analogo andrà tentato col Ticino, pensando alla sua pianificazione cantonale». In questo senso un ruolo determinante lo giocherebbero i rispettivi dipartimenti responsabili della sanità e socialità.

‘Prima di potenziare, analizzare l'offerta confinante’

L’ultima Pianificazione cantonale ticinese 2010-2020 per le case anziani indicava che “il Bellinzonese risulterebbe il comprensorio in cui è più acuta la necessità di proporre nuovi posti letto in istituti per anziani medicalizzati nel presente decennio”. Il fabbisogno scoperto a fine 2010 veniva stimato a quasi 190 posti letto, successivamente ridottosi grazie alla realizzazione della residenza Pedemonte (74 posti) e all’inaugurazione del Centro riabilitativo Somen di Sementina (50). Nello stesso documento si evidenziava che “l’importante scoperto per il comprensorio del Bellinzonese trova compensazione nell’offerta esistente nella vicina Mesolcina, in particolare alla Casa Immacolata di Roveredo, all’Opera Mater Christi e Casa per anziani Delle Rose (ex-Clinica San Rocco) a Grono nonché alla Casa per anziani di Mesocco che dispongono, per ora, di posti supplementari rispetto al fabbisogno della loro regione”. A fine 2010 infatti “circa 120 ospiti domiciliati prevalentemente nel Bellinzonese e Valli fanno capo abitualmente a queste strutture. Il perdurare di questa situazione contingente è da monitorare con attenzione. Come rilevato pure dalla Conferenza regionale di sanità del Bellinzonese nell’ambito della fase di consultazione della bozza di Rapporto sulla prima tappa dell’aggiornamento della Pianificazione ospedaliera, eventuali nuove iniziative nel comprensorio del Bellinzonese dovranno essere analizzate e soppesate anche in rapporto a questa offerta esterna al Cantone”.

‘Preservare i posti di lavoro’

A distanza di dieci anni, nell’ambito di quella che potrebbe essere la prossima pianificazione ticinese decennale, il Moesano vorrebbe dunque poter essere considerato un attore a tutti gli effetti, in un contesto pianificato, e non solo come valvola di sfogo. «Con i soli ospiti di Mesolcina e Calanca – evidenzia Dieter Suter – già in tempi normali non riusciamo a occupare tutti i nostri 130 letti, raggiungendo quota 90. Inoltre vogliamo impegnarci a preservare i posti di lavoro. Confidiamo perciò di trovare in Ticino il giusto ascolto e considerazione, andando oltre al semplice ruolo di overflow». Una delle conseguenze pratiche sarebbe che «prima di valutare ampliamenti e/o nuove realizzazioni, il Ticino e soprattutto il Bellinzonese dovrebbero far capo alle strutture Moesane».

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved