ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
1 ora

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
1 ora

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
1 ora

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
2 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
2 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
3 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
4 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
4 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
5 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
6 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
8 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
1 gior

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
1 gior

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
laR
 
19.02.2021 - 13:30
Aggiornamento: 17:17

Museo storia naturale: Faido pronto a ‘offrire’ i due hotel

Il Municipio scrive al governo impegnandosi nell'acquisto e messa a disposizione gratuita; e vuole contribuire agli approfondimenti chiesti dalla Gestione

museo-storia-naturale-faido-pronto-a-offrire-i-due-hotel
Gli storici hotel Suisse e Milano, ormai chiusi da tempo (Ti-Press)

Nuovo Museo cantonale di storia naturale: scende in campo il Municipio di Faido. E che discesa. In una lettera inviata ieri al Consiglio di Stato, l’Esecutivo guidato dal sindaco Roland David dichiara piena disponibilità a sostenere l’opzione medio-leventinese, a tal punto da voler procedere all’acquisto dei due storici ex alberghi Suisse e Milano indicati come possibile sede espositiva. L’acquisto avverrebbe “qualora la scelta di Faido dovesse divenire realtà” e sottoponendo al Consiglio comunale un messaggio con la necessaria richiesta di credito. Le due proprietà private – si presuppone per un valore di qualche milione di franchi, ma la cifra non viene specificata – “verrebbero poi messe a disposizione del Cantone per la creazione del Museo”. Stando a quanto appreso dalla 'Regione', ciò avverrebbe in forma gratuita.

Segnale alla Gestione

La missiva è stata inviata anche in copia alla Commissione parlamentare della Gestione che questo martedì ha incontrato una delegazione leventinese per discutere della mozione interpartitica che chiede l’esecuzione di un raffronto approfondito tra l’opzione Faido (scartata dal governo insieme ad altre sette giunte da varie parti del Ticino) e quella scelta a fine 2017 dal Consiglio di Stato che mira a inserire il museo nel comparto locarnese di Santa Caterina di proprietà cantonale. La stessa lettera è stata pure inviata ai municipi dei Comuni di Leventina e Blenio, i quali appoggiano la candidatura di Faido (ciò non presuppone però un loro impegno finanziario) aggiungendosi al Gruppo di sostegno ‘Museo nella natura sulla natura’.

Personale e documenti

Anche in questa fase, che richiederà alcune settimane, Faido mostra una chiara volontà di collaborare. “Il Municipio già sin d’ora garantisce – prosegue infatti la lettera – la massima collaborazione e disponibilità verso coloro che verranno incaricati dal CdS di eseguire gli approfondimenti richiesti dalla Commissione della gestione sul nostro dossier”. Non solo, il Municipio si dichiara “disposto a entrare nel merito di una partecipazione finanziaria per l’elaborazione di questi approfondimenti, sia mediante la messa a disposizione del nostro personale dell’Ufficio tecnico, sia mediante l’elaborazione di un documento, in collaborazione con il gruppo che ci sostiene, volto a definire contenuti, caratteristiche e potenzialità di valorizzazione territoriale del museo che potrebbe sorgere a Faido”. Oltre al côté logistico, il Municipio ritiene che siano proprio questi ultimi aspetti a richiedere degli approfondimenti, perché “permetteranno di affrontare il tema centrale che riguarda la concezione del museo nonché il suo inserimento in un progetto di valorizzazione territoriale e di sviluppo socioeconomico di tutta una regione”.

Il doppio ruolo dell'architetto Guscetti

Nel proprio rapporto di fine 2017, ricordiamo, la Sezione cantonale della logistica aveva paragonato le nove candidature ponendo quella di Locarno in testa, seguita in seconda posizione dall’ex Macello di Lugano, quindi in terza da un vasto terreno militare di Bellinzona, in quarta l’ex caserma di Losone, in quinta Faido, in sesta l’ex villa vescovile di Balerna, in settima un terreno di Claro, in ottava la scuola media di Viganello e in nona l’ex centrale Gemmo di Massagno. Faido, Claro, Viganello, Balerna e Massagno venivano ritenute “meno idonee e poco interessanti”. La Logistica basava le proprie valutazioni anche sul ‘Rapporto di sintesi sulle candidature’ della cui stesura era stato incaricato, sempre nel 2017, lo studio di architettura Guscetti di Minusio; lo stesso – e qui fra i leventinesi sorge più di un dubbio su come siano andate le cose – che nel 2020 è poi stato indicato dal Collegio di esperti di progettare il nuovo museo (costi di progettazione 9,5 milioni e di realizzazione 36 milioni) venendo preferito ad altri tre architetti invitati nell’ambito del Mandato di studi in parallelo.

Punto per punto ciò che stronca Faido

Nel motivare la propria decisione, il governo a fine 2017 sottolineava che i due alberghi di Faido “sono, dal profilo edile-architettonico, molto critici e pertanto non idonei, perché penalizzati da superfici rigide, con poca libertà compositiva nell’articolare nuovi spazi, e poco conformi o flessibili alle esigenze della moderna museografia”. L’inserimento del programma spazi in strutture alberghiere “è di difficile realizzazione e tipica di un adattamento del programma spazi alla struttura e non viceversa (esigenza di un nuovo concetto museologico)”. La superficie a disposizione “è sufficiente ma non permette ulteriori sviluppi se non piccoli ampliamenti”. E ancora: “Il bacino di utenza limitato dalla posizione geografica, i collegamenti con le reti di trasporto pubblico più difficoltosi, la distanza da un centro paese o città, le ridotte possibilità di collaborazioni con istituzioni scientifiche, culturali e turistiche, sono ulteriori elementi penalizzanti per la sede di Faido, soprattutto se confrontati con le altre offerte”. La scelta di trasferire il Museo a Faido, proseguiva il governo, “potrebbe dunque essere dettata unicamente dall’intento, per altro legittimo, di favorire una regione decentrata, ma non garantirebbe la funzionalità dell’istituto né molto probabilmente il suo successo sul lungo termine”. Il CdS aggiungeva in tal senso che “tutti i musei di storia naturale in Svizzera (ma anche all’estero) sono ubicati nei maggiori centri dei rispettivi Cantoni, se non nelle capitali stesse, poiché nei grossi centri le possibilità di collaborazioni con altre istituzioni e quindi le possibilità di fare sistema sono indiscutibilmente superiori ai centri minori. Ciò è molto importante per garantire il successo dell’istituzione sul lungo termine, e garantirle anche una parziale autonomia anche dal profilo finanziario”.

Leggi anche:

Museo di storia naturale: Faido e Locarno a confronto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved